Gisella - Ghjesù, u vostru cibu è u calore

A nostra Signora to Gisella Cardia u 16 di ghjennaghju, 2021:

Cari figlioli, ti ringraziu per esse quì in preghera; piegate i ghjinochji. Sò quì per accoglievi in ​​u mo core è per afferrà e to mani. I mo figlioli, ùn abbiate paura è agitazione per ciò chì accadrà, ma fidatevi di mè - ùn mancherà nunda se invucate à Ghjesù. Sarà a to pruvista, Sarà u calore in u fretu, Sarà luce in a bughjura, Sarà sempre u to manghjà è saziarà a to sete perchè tuttu hè in ellu. I mo cari, ùn perde micca u tempu; avvicinassi à a fede cù un core apertu. Ùn sò micca quì per spaventà, ma per prevene: i tempi chì venenu seranu più foschi di ciò chì sperimentate avà, ma se ùn accendite micca a fiamma di a fede, vi sentirete solu disperazione è turmentu in i vostri cori. Figlioli, vi chjamu à a redenzione: più grande serà a vostra suffrenza, più forte vi risuscitarete. Vi vogliu salvà tutti. Pigliate a spada di l'amore è Diu farà ghjustizia. Avà vi lasciu cù a mo benedizione materna in nome di u Babbu è di u Figliolu è di u Spìritu Santu, Amen.
Posted in Gisella Cardia, missaghji.