Scrittura - Parlendu Cù Tutta l'Audacia

È avà, Signore, piglia nota di e so minacce, è permette à i to servitori di parlà a to parolla cun tutta audacia, mentre stendi a manu per guarisce, è segni è meraviglie sò fatti cù u nome di u to santu servitore Ghjesù. Mentre pricavanu, u locu duv'elli eranu riuniti tremava, è eranu tutti pieni di u Spìritu Santu è cuntinuavanu à parlà a parolla di Diu cun audacia. (Atti 4: 29-31; oghje Prima Lettura di Messa, 12 aprile 2021)

In i tempi chì pridicavu à a ghjente in persona, lighjia spessu stu versu è dopu li dumandava: "Allora, chì era questu avvenimentu?" Inevitabilmente, parechji risponderianu: "Pentecoste!" Ma quandu li aghju dettu ch'elli eranu sbagliati, a stanza si tace. Spiegheraghju chì Pentecoste era in realtà dui capituli prima. Eppuru, quì avemu lettu què torna una volta "Eranu tutti pieni di u Spìritu Santu".

U puntu hè questu. Battesimu è Cunferma sò solu i principiu di l'infurmazione di Diu di u Spìritu Santu in a vita di un credente. U Signore ci pò riempie di volta à volta di piena - se l'invitemu à fà cusì. In fatti, sì simu "vasi di terra" cum'è San Paulu hà dettu,[1]2 Cor 4: 7 allora simu leaky navi chì anu bisognu di a gràzia di Diu sempre è torna. Hè per quessa chì Ghjesù hà dichjaratu chjaramente:

Eiu sò a vigna, site i rami. Quellu chì ferma in mè è eiu in ellu darà assai frutti, perchè senza mè ùn pudete fà nunda. (Ghjuvanni 15: 5)

Quellu chì crede in mè, cum'è dice a scrittura: "I fiumi d'acqua viva scurreranu da ellu". Hà dettu questu in riferenza à u Spìritu chì quelli chì ghjùnsenu à crede in ellu avianu da riceve. (Ghjuvanni 7: 38-39)

Ma appena ci disconnessu da a vigna, a "saga di u Spìritu Santu" cessa di flussu, è se lasciemu a nostra vita spirituale senza vigilanza, risichemu di diventà un ramu "mortu". 

Qualchissia chì ùn ferma micca in mè serà ghjittatu cum'è un ramu è s'asseca; a ghjente li riunisce è i lampa in un focu è seranu brusgiati. (Ghjuvanni 15: 6)

lu Catechismu di a chiesa cattolica insegna:

A preghera hè a vita di u core novu. Duverebbe animà ci à ogni mumentu. Ma tendemu à dimenticà quellu chì hè a nostra vita è tuttu nostru. Hè per quessa chì i Padri di a vita spirituale in e tradizioni deuteronomiche è prufetiche insistenu chì a preghiera hè un ricordu di Diu spessu svegliatu da a memoria di u core "Avemu da ricurdà à Diu più spessu di ciò chì inspiremu". Ma ùn pudemu micca pregà "in ogni momentu" se ùn preghemu micca à tempi specifici, disposti in modu cusciente Quessi sò i tempi speciali di a preghiera cristiana, sia in intensità sia in durata. - n. 2697

Dunque, se ùn avemu micca vita di preghiera, u "core novu" datu à noi in u Battesimu cummencia à more. Cusì mentre pudemu parè successu à u mondu in termini di a nostra vita fisica, carriera, statutu, ricchezza, ecc. A nostra vita spirituale morisce in parechji modi suttili ma cruciale ... è cusì dinò, allora, hè u fruttu sopranaturale di u Spìritu Santu : "U fruttu di u Spìritu hè amore, gioia, pace, pazienza, gentilezza, generosità, fedeltà, dolcezza, autocontrollo". (Gal 5:22) Ùn lasciate micca ingannà! Questu finiscerà in un naufragiu per l'ànima trascurata è micca cunvertita - ancu s'elli sò battezzati.

Ùn fate micca sbagliu: Diu ùn hè micca burlatu, perchè una persona hà da coglie solu ciò chì hà suminatu, perchè quellu chì hà suminatu per a so carne hà da coglie corruzzione da a carne, ma quellu chì hà suminatu per u spiritu hà da coglie a vita eterna da u spiritu. (Gal 6: 7-8)

Vogliu aghjustà forse un fruttu in più: curaghju. Da un ghjornu à l'altru, hè stata a Penticoste chì hà cambiatu l'Apostuli da omi inghjuliosi à torri martiri. Da una ora à l'altra, sò passati da discepuli esitanti à testimoni incuraghjiti chì parlavanu u santu Nome di Ghjesù à u risicu di perde a so vita.[2]cf. Curagiu in a timpesta

S'ellu ci hè statu un tempu chì ci vulia à entre torna in a Sala Superiore, hè avà. S'ellu ci hè statu u mumentu di supplicà à u Signore di "piglià nota di e so minacce" per chjude e nostre chjese, tace e nostre lode, incatenà e nostre porte è barricà i nostri muri, hè avà. S'ellu ci hè statu un mumentu per supplicà chì Diu ci permetta di parlà cun curazione a verità à un mondu chì nata in bugie è ingannu, hè avà. S'ellu ci era sempre u bisognu di u Signore di stende a so manu in segni è meraviglie à una generazione chì adora scienzi e Mutivu solu, hè avà. S'ellu ci era sempre bisognu di chì u Spìritu Santu falessi nantu à i fideli per scuzzulacci da a cumpiacenza, a paura è a mundanità, hè di sicuru avà. 

Ed hè per quessa chì a Madonna hè stata mandata à sta generazione: per ritruvalli di novu in a Sala Superiore di u so Cuore Immaculatu, è furmalli in a stessa docilità à a Divina Volontà ch'ella avia per chì u Spìritu Santu possa vene nantu à noi eccula ancu noi, cù u so putere.[3]Capìtulu 1: 35 

- Mark Mallett

 

... cusì grandi sò i bisogni è i periculi di l'età attuale,
cusì vastu l'orizonte di l'umanità attiratu versu
coesistenza mundiale è impotente per ghjunghje,
chì ùn ci hè micca salvezza per ellu eccettu in a
nova surtita di u donu di Diu.
Lasciatelu vene, u Spìritu Creatore,
per rinnuvà a faccia di a terra!
—POPULU PAUL VI, Gaudete in Domino, Chì 9th, 1975
www.vatican.va

U Spìritu Santu, truvendu u so caru Sposu prisente torna in l'anime,
falerà in elli cun grande putenza.
Li riempirà cù i so doni, in particulare a saviezza,
da chì pruduceranu meraviglie di grazia ...
chì età di Maria, quandu parechje anime, scelte da Maria
è datu da u Diu Altissimu,
si piatteranu cumpletamente in u fondu di a so anima,
diventendu copie vive d'ella, amendu è glurificendu à Ghjesù. 
 
—St. Luigi di Montfort, Vera Devozione à a Santissima Vergine, n. 217 

Esse apertu à Cristu, accoglie u Spìritu,
affinchì una nova Penticoste sia accaduta in ogni cumunità! 
Una nova umanità, una gioia, nascerà da mezu à voi;
sperimenterete di novu u putere di salvezza di u Signore.
 
-PAPA GIOVANNI PAULU II, "Discorsu à i Vescovi di l'America Latina" 
L'Osservatore Romano (edizione in lingua inglese),
U 21 d'ottobre di u 1992, p.10, sec.30.

Footnotes

Footnotes

1 2 Cor 4: 7
2 cf. Curagiu in a timpesta
3 Capìtulu 1: 35
Posted in Da i nostri cuntributori, missaghji, Scrittura, A parolla Now.