Scrittura - Ti daraghju riposu

Venite à mè, voi tutti chì travagliate è affaccati,
è ti daraghju riposu.
Pigliate u mo jugu nantu à tè è amparà da mè,
perchè sò mansu è umile di core;
è truverete riposu per voi.
Perchè u mo ghjugu hè faciule, è u mo fardelu ligeru. (Vangelu d'oghje, Matteu 11)

Quelli chì speranu in u Signore rinnuvanu a so forza,
volaranu cum'è l'ali d'aquila;
Correranu è ùn si stancaranu,
marchjà è ùn sbulicà micca. (A prima lettura di messa d'oghje, Isaia 40)

 

Chì ghjè chì face u core umanu cusì inquietu ? Ci hè parechje cose, ma tuttu pò esse ridutta à questu: idolatria - mettendu altre cose, persone, o passioni davanti à l'amore di Diu. Cum'è Sant'Agostino cusì bella dichjarà: 

Ci avete furmatu per voi stessu, è i nostri cori sò inquieti finu à truvà riposu in tè. - Sant'Agostino d'Ippona, Confessions, 1,1.5

A parolla idolatria Puderia parè stranu in u 21u seculu, evocando l'imaghjini di vitelli d'oru è idoli stranieri, per quessa. Ma l'idoli oghje ùn sò micca menu reali è micca menu periculosi per l'ànima, ancu s'elli piglianu forme novi. Cum'è San Ghjacumu ammonisce :

Da induve venenu e guerre è da induve venenu i cunflitti trà voi ? Ùn hè micca da e vostre passioni chì facenu a guerra in i vostri membri ? Brave ma ùn pussede micca. Tu uccidi è invidia ma ùn pudete micca ottene; tu combatti e fai guerra. Ùn avete micca perchè ùn dumandate micca. Dumandate ma ùn ricevete, perchè dumandate in modu sbagliatu, per spende in e vostre passioni. Adulteri ! Ùn sapete micca chì esse un amante di u mondu significa inimicizia cù Diu ? Dunque, quellu chì vole esse un amante di u mondu si face un nemicu di Diu. O pensate chì l'Scrittura parla senza significatu quandu dice: "U spiritu chì hà fattu abità in noi tende à a gelosia"? Ma ellu dà una grazia maiò; dunque, dice: "Diu resiste à l'orgogliosi, ma dà grazia à l'umili". (James 4: 1-6)

A parolla "adulterer" è "idolater", quandu si tratta di Diu, sò intercambiabili. Semu a so sposa, è quandu demu u nostru amore è devozione à i nostri idoli, facemu adulteriu contr'à u nostru Amatu. U peccatu ùn hè micca necessariamente in u nostru pussessu, ma in questu ci permettenu di pussede noi. Ùn ogni pussessu hè un idolo, ma parechji idoli sò in u nostru pussessu. Calchì volta hè abbastanza à "lascià", à staccari internu cum'è noi tene nantu à i nostri pussedimenti "loosely", cusì dì, in particulare quelle cose necessarie per a nostra esistenza. Ma altri volte, ci vole à separà, littiralmenti, da ciò chì avemu principiatu à dà u nostru latria, o cultu.(1)

Se avemu cibo è vestiti, seremu cuntentati cù questu. Quelli chì volenu esse ricchi cadenu in tentazione è in una trappula è in parechji desideri stupidi è dannosi, chì li affundanu in a ruina è a distruzzione ... Lasciate a vostra vita libera da l'amore di soldi, ma cuntentatevi di ciò chì avete, perchè ellu hà. disse: "Ùn ti abbandunaraghju mai nè ti abbandunaraghju". (1 Tim 6:8-9; Eb 13:5)

A bona nova hè questu "Ddiu prova u so amore per noi in chì mentre eramu sempre peccatori Cristu hè mortu per noi". (2) In altri palori, ancu avà, Ghjesù ti ama è mè malgradu a nostra infideltà. Eppuru ùn hè micca abbastanza solu per sapè questu è lode è ringrazià à Diu per a so misericòrdia; piuttostu, cuntinueghja Ghjacumu, ci deve esse un veru abbandunamentu di u "vechju omu"- penitenza:

Allora sottumettetevi à Diu. Resisti à u diavulu, è ellu fughjerà da voi. Avvicinatevi à Diu, è ellu vi avvicinà à voi. Purificate e vostre mani, peccatori, è purificate i vostri cori, voi di dui menti. Cumincià à lamentà, à lamentà, à pienghje. Lasciate chì a vostra risata sia turnata in luttu è a vostra gioia in dejections. Umiliatevi davanti à u Signore è ellu vi esaltà. (James 4: 7-10)

Nimu pò serve dui maestri. Il odiera l'un et adorera l'autre, ou sera dévoué à l'un et méprisera l'autre. Ùn pudete micca serve à Diu è Mammon.
Dipendenza di Diu. (Matthew 6: 24)

Allora vede, ci vole à sceglie. Avemu da sceglie sia a beatitudine incommensurable è cumpleta di Diu stessu (chì vene cù a croce di nigà a nostra carne) o pudemu sceglie u passaghju, fugace, glamour di u male.

Avvicinà à Diu, dunque, ùn hè micca solu chjamà u so Nome;(3) questu, vene à ellu in "Spiritu è ​​verità".(4) Significa ricunnosce a nostra idolatria - e poi smashing quelli idoli, lassannu daretu in modu chì a so polvara è a mozza pò esse veramente lavatu da u Sangue di l'Agnellu, una volta per sempre. Significa lamentu, dolu è pienghje per ciò chì avemu fattu ... ma solu per chì u Signore possa asciucà e nostre lacrime, mette u so jugulu nantu à e nostre spalle, ci dà u so riposu è rinnuvà a nostra forza - questu hè "exaltate". S'è i Santi pudianu vede solu à voi avà induve site, dicenu chì u Scambio Divinu di un idolu chjuche in a nostra vita truverete ricumpensa è gioia per una eternità; chì ciò ch’è no s’appiccichi avà hè una bugia cusì, ch’ùn ci pudemu micca imaginà a gloria ch’è no perdemu per ‘ssu pezzu di sterco o di « strozzatura », dice San Paulu.(5)

Cù u nostru Diu, ancu u più grande peccatore ùn hà nunda à teme,(6) finu à ch'ellu torna à u Babbu, in cuntrizione sincera. L'unicu ciò chì avemu da teme, veramente, hè di noi stessi: a nostra proclivity à appiccicà à i nostri idoli, à chjude l'arechje à u nudging di u Spìritu Santu, à chjude i nostri ochji à a Luce di a verità, è a nostra superficialità, chì nantu à u a minima tentazione, torna à u peccatu cum'è noi ghjittamu di novu in a bughjura piuttostu cà l'amore incondizionatu di Ghjesù.

Forse oghje, senti u pesu di a to carne è l'esaurimentu di purtà i vostri idoli. Sì cusì, allora oghje pò ancu diventà u principiu di u restu di a vostra vita. Accumincia cù umiltà davanti à u Signore è ricunnosce chì, senza ellu, noi "Ùn pò fà nunda". (7)

Veramente, mi Signore, liberami da mè....

 

 

—Mark Mallett hè l'autore di A Parolla Avà, A Cunfusione Finale, è un cofundatore di Countdown to the Kingdom

 

Reading Related

Leghjite cumu ci hè un "riposu" chì vene per tutta a Chjesa: U Riposu di u Sabatu à Venite

Print Friendly, PDF è Email

 

 

Footnotes

  1. 2 Corinti 6:17: "Dunque, esce da elli è siate separati", dice u Signore, "è toccu nunda impuru; allora vi riceveraghju.[]
  2. Rumani 5: 8[]
  3. Matteu 7:21: "Micca tutti quelli chì mi dicenu: "Signore, Signore", entreranu in u regnu di i celi, ma solu quellu chì faci a vulintà di u mo Babbu in i celi".[]
  4. John 4: 24[]
  5. cf. Fil 3: 8[]
  6. cf.U Grandu Rifugiu è u Portu Securu e À Quelli in u Peccatu Murtale[]
  7. cf. Ghjuvanni 15:5[]
Posted in Da i nostri cuntributori, missaghji, Scrittura, A parolla Now.