Valeria - Diventa torna i zitelli

Da Ghjesù, "U vostru Bonu Diu", à Valeria Copponi u 5 di maghju di u 2021:

Se ùn diventate micca cum'è zitelli, ùn entrerete micca in u Regnu di u Celu (Matt 18: 3). Ié, figlioli mei, vedite a spuntaneità, a gioia, a grazia, a buntà di i chjuchi - tutte e ricchezze chì appartenenu à quelli chì anu un core puru. A vi dicu torna, benedettu è puru, chì u so sarà u Regnu di u Celu.
 
I zitelli, quandu crescite, invece di pruvà à esse più perfetti in amore, vi lasciate piglià da a gelosia, l'invidia è a malizia di ogni tipu; ùn resistite micca à a tentazione, è cusì ste vostre debbulezze vi facenu perde l'abitudini boni è sani chì vi permettianu di campà in pace trà voi è sopratuttu cun Diu. Dunque, in questi tempi scuri, circate di rimette à Diu in primu locu. Riservu un locu per voi; ùn la perdite micca per via di a vostra disubbidienza versu u vostru Creatore è a Sua Parolla.
 
I mo figlioli i più cari, siate umili, perchè l'umiltà hè a virtù chì vi rende ricca. Micca cù a ricchezza chì bramate, ma quella chì piace à u vostru Diu, Creatore è Signore di a terra sana. Dunque, i mo figlioli cari amati, da oghje, cumincianu à turnà à esse cum'è zitelli, è vi daraghju a gioia chì avete persu durante u corsu di a vostra vita. [1]"Nel passà i vostri ghjorni", traduzzione litterale: "passendu i vostri ghjorni" Vogliu chì voi tutti siate zitelli, fidendu solu in a buntà è a grandezza di u vostru Babbu.
 
Pregate è fate pregà à l'altri, affinchì i vostri fratelli è surelle torninu à desiderà a virtù di l'umiltà. Vi benedica da altu cù a mo buntà: sia degnu di a mo salvezza.
 
U vostru Bonu Diu.

 
To "Diventà cum'è i zitelli" in l'ethos cristianu ùn hè micca di vultà à l'immaturità juvenile. Piuttostu, hè di entre in un statu di fiducia assoluta in a pruvvidenza di Diu è l'abbandonu à a so Divina Volontà, chì Ghjesù dice chì hè u nostru "alimentu" (Ghjuvanni 4:34). In questu statu di resa - chì hè veramente a morte di a propria vulintà ribella è l'inclinazioni peccaminose di a carne - hè "risuscitatu" i frutti di u Spìritu Santu chì sò stati persi da Adam per u peccatu originale: 
 
Avà i travagli di a carne sò evidenti: immoralità, impurità, licenziosità, idolatria, stregoneria, odii, rivalità, gelosia, scoppi di furia, atti di egoismu, dissensioni, fazioni, occasioni d'invidia, bevande, orgie, e simili. Avertaghju, cum'è a vi aghju prevenutu prima, chì quelli chì facenu tali cose ùn erediteranu micca u Regnu di Diu. In cuntrastu, u fruttu di u Spìritu hè amore, gioia, pace, pazienza, gentilezza, generosità, fedeltà, dolcezza, autocontrollo. Contra tali ùn ci hè micca legge. Avà quelli chì appartenenu à Cristu [Ghjesù] anu crucifissu a so carne cù e so passioni è i so desideri. (Gal 5: 19-24)
 
A quistione hè quantu per vultà in questu statu? U primu passu hè di ricunnosce solu u "opere di a carne»In a so vita è pentite sinceramente di questi in u Sacramentu di a Reconciliazione cù l'intenzione di ùn ripeteli mai. U secondu hè, forse, ancu più difficiule: "lascià andà" u cuntrollu nantu à a propria vita, in quantu si cerca "prima" u so regnu piuttostu chè u Regnu di Cristu. Pochi sanu chì a Madonna di Medjugorje hà dumandatu chì, ogni ghjovi di a settimana, meditemu nantu à u passaghju seguente di e Scritture. Datu tuttu ciò chì accade in u mondu, è chì hà da accade, sta Scrittura diventerà prestu a linea di salvezza di parechji cristiani, in particulare in u mondu occidentale, quandu l'ordine attuale collassa. L'antidotu à a paura di quella realità hè di diventà cum'è zitelli!
 
Nuddu pò serve dui maestri; perchè o odiarà l'unu è amarà l'altru, o serà cunsacratu à l'unu è disprezzanu l'altru. Ùn pudete micca serve à Diu è à mammone. Dunque ti dicu, ùn siate micca ansiosi di a vostra vita, di ciò chì manghjate o di ciò chì duvete beie, nè di u vostru corpu, di ciò chì duverete mette. A vita ùn hè più cà cibu, è u corpu più cà vestiti? Guarda l’acelli di u celu: ùn suminanu nè raccolgenu nè si riuniscenu in granaghju, eppuru u vostru Babbu celestiale li nutrisce. Ùn site micca di più valore ch'è elli? E quale di voi per esse ansiosu pò aghjunghje un cubitu à a so durata di vita? È perchè site ansiosu di i vestiti? Cunsiderate i gigli di u campu, cumu crescenu; ùn travaglianu nè filanu; eppuru a vi dicu, ancu Salomone in tutta a so gloria ùn era micca dispostu cum'è unu di questi. Ma sì Diu vesti cusì l'erba di u campu, chì oghje hè viva è dumane hè ghjittata in u fornu, ùn vi vesterà assai più, o omi di poca fede? Dunque ùn siate ansiosi, dicendu: "Chì manghjaremu?" o "Chì duvemu beie?" o "Chì ci purteremu?" Perchè i pagani cercanu tutte sse cose; è u vostru Babbu celeste sà chì avete bisognu di tutti. Ma circate prima u so Regnu è a so ghjustizia, è tutte sse cose seranu ancu e vostre. Dunque ùn siate ansiosi per dumane, perchè dumane serà ansiosu per ellu stessu. Lasciate chì i prublemi di u ghjornu sianu abbastanza per a ghjurnata. (Matt 6: 24-34)
 
Difficiule di lascià andà? Iè. Questa, in fattu, hè a Gran Ferita di u peccatu uriginale. U primu peccatu d'Adamu è Eva ùn era micca pigliatu un muccuni di u fruttu pruibitu - era senza fiducia in a Parolla di u so Creatore. D'ora in poi, a Grande Ferita chì Ghjesù hè venutu à guarisce hè stata questa violazione di a fiducia infantile in a Santa Trinità. Hè per quessa chì a Scrittura ci dice: 
 
Perchè per grazia site statu salvatu a fede; è questu ùn hè micca u vostru fattu, hè u donu di Diu ... (Ef 2: 8)
 
Oghje hè u ghjornu per vultà à quellu zitellu fede, ùn importa quale site. In questa piantina di fede hè l '"arburu di a vita", a Croce, nantu à a quale hè appesa a to salvezza. Hè cusì simplice. A vita eterna ùn hè tantu luntana da a portata. Ma richiede di entrà in questa fede zitellina chì, à u so volta, hè pruvata - micca da un eserciziu intellettuale - ma da u travagghi in a vostra vita. 
 
... sì aghju tutta a fede, per caccià e muntagne, ma ùn aghju micca amore, ùn sò nunda ... Cusì a fede per ella stessa, s'ellu ùn hà opere, hè morta. (1 Cor 13: 2, Ghjacumu 2:17)
 
In verità, però, simu cusì impastati in u nostru peccatu è quellu di l'altri chì pò diventà assai difficiule d'entrà in stu statu di abbandunamentu. Cusì vulemu raccomandà à voi una più bella è putenti nuvena chì hà aiutatu innumerevule anime micca solu à truvà un core zitellinu, ma trova guarigione è aiutu in e situazioni più impussibili. 

- Mark Mallett

 

Novena di l'abbandonu 

da Servu di Diu Fr. Dolindo Ruotolo (m. 1970)

 

Una nuvena vene da u latinu novem, chì significa "nove". In a tradizione cattolica, una novena hè un metudu per pregà è medità per nove ghjorni di fila nantu à un certu tema o intenzione (e). In a nuvena chì seguita, basta à riflette à ogni meditazione di e parolle di Ghjesù cum'è s'ellu li parli à voi, personalmente (è ellu hè!), Per i prossimi nove ghjorni. Dopu ogni riflessione, prega cù u to core e parolle: O Ghjesù, mi rinunciu à tè, cura di tuttu!

 

Day 1

Perchè vi cunfundite inquietendu? Lasciate a cura di i vostri affari à mè è tuttu serà pacificu. A vi dicu in verità chì ogni attu di rende vera, cieca, cumpleta à Me produce l'effettu chì vulete è risolve tutte e situazioni difficili.

O Ghjesù, mi rinunciu à tè, cura di tuttu! (10 volte)

 

Day 2

Arricàmi à Me ùn significa micca inquietassi, esse sconvolti, o perde speranza, nè significa chì mi offre una preghiera inchietata chì mi dumanda di seguitàvi è cambià a vostra preoccupazione in preghiera. Hè contru à sta resa, prufundamente contru, per inchietassi, per esse nervosu è per desiderà pensà à e cunsequenze di qualcosa. Hè cum'è a cunfusione chì sentenu i zitelli quand'elli dumandanu à a so mamma di fighjà i so bisogni, è poi cercanu di curà quelli bisogni per se stessi in modu chì i so sforzi zitellini entrinu in a manera di a so mamma. Rinuncia significa chjode placidamente l'ochji di l'anima, alluntanassi da i penseri di tribulazione è mette ti in a mo cura, affinchì solu io agisca, dicendu "Tu ne teni cura".

O Ghjesù, mi rinunciu à tè, cura di tuttu! (10 volte)

 

Day 3

Quante cose chì facciu quandu l'anima, in tantu bisognu spirituale è materiale, si volta versu Me, mi guarda è mi dice; "Vi ne fate cura", dopu chjude l'ochji è riposa. In u dulore pregate per mè per agisce, ma chì aggu in u modu chì vulete. Ùn vultate micca versu Me, invece, mi vulete adattà e vostre idee. Ùn site micca malati chì dumandanu à u duttore di curalli, ma piuttostu malati chì dicenu à u duttore cumu fà. Dunque, ùn agite micca cusì, ma pregate cum'è l'aghju amparatu in u nostru Babbu: "Santificatu u to nome " vale à dì, esse glurificatu in u mo bisognu. "Veni u to regnu " vale à dì, lasciate chì tuttu ciò chì hè in noi è in u mondu sia d'accordu cù u vostru regnu. "A to vuluntà si farà nantu à a Terra cum'è in u Celu " vale à dì, in u nostru bisognu, decide cum'è vedi adattu per a nostra vita tempurale è eterna. Se mi dite veramente: "A to vuluntà serà fatta ", chì ghjè u listessu chì si dice: "Vi ne fate cura", interveneraghju cù tutta a mo onnipotenza, è risolveraghju e situazioni più difficiule.

O Ghjesù, mi rinunciu à tè, cura di tuttu! (10 volte)

 

Day 4

Vidite chì u male cresce invece di indebulisce? Ùn ti ne fà. Chiudite l'ochji è dimmi cun fede: "A to vuluntà sia fatta, tu ne teni cura". A vi dicu chì mi ne occuperaghju, è chì interveneraghju cum'è un duttore è compieraghju miraculi quand'elli seranu necessarii. Vidite chì a persona malata s'aggrava? Ùn vi scuntentate micca, ma chjudite l'ochji è dite "Vi ne fate cura". A vi dicu chì mi ne occuperaghju, è chì ùn ci hè micca una medicina più putente chè a mo intervenzione amatrice. Per u mo amore, vi prumettu questu.

O Ghjesù, mi rinunciu à tè, cura di tuttu! (10 volte)

 

Day 5

È quandu devu guidà vi nantu à una strada sfarente di quella chì vedi, ti prepareraghju; Ti purteraghju in e mo bracce; Ti lasceraghju truvà, cum'è i zitelli chì sò stati addurmintati in i bracci di a mamma, annantu à l'altra sponda di u fiume. Ciò chì ti preoccupa è vi face male immensamente sò a vostra ragione, i vostri penseri è preoccupazioni, è u vostru desideriu à ogni costu di trattà cun ciò chì vi affligge.

O Ghjesù, mi rinunciu à tè, cura di tuttu! (10 volte)

 

Day 6

Sì insomni; vulete ghjudicà tuttu, dirighje tuttu è vede à tuttu è vi rendite à a forza umana, o peghju - à l'omi stessi, fidendu in a so intervenzione - eccu ciò chì impedisce e Mie parolle è I Miei punti di vista. Oh, quantu vogliu da voi sta resa, per aiutavvi; è cumu soffru quandu ti vecu cusì agitatu! Satanassu prova à fà esattamente questu: per agitarvi è per alluntanassi da a Mia prutezzione è per lanciàvi in ​​e mascelle di l'iniziativa umana. Dunque, fidati solu in Me, riposa in Me, arrenditi à mè in tuttu.

O Ghjesù, mi rinunciu à tè, cura di tuttu! (10 volte)

 

Day 7

Facciu miraculi in proporzione à a vostra piena resa à Me è à chì ùn pensate micca à voi stessi. Sementu tesori di grazie quandu site in a più prufonda povertà. Nisuna persona di ragione, nisun pensatore, hà mai fattu miraculi, mancu trà i santi. Face opere divine chiunque si rende à Diu. Allora ùn ci pensate più, perchè a vostra mente hè acuta, è per voi, hè assai difficiule di vede u male è di fidà si in Me è di ùn pensà micca à te. Fate questu per tutti i vostri bisogni, fate questu tutti voi è vedrete grandi miraculi muti continui. Mi occuperaghju di e cose, vi prumettu questu.

O Ghjesù, mi rinunciu à tè, cura di tuttu! (10 volte)

 

Day 8

Chiudite l'ochji è lasciatevi trascinà nantu à u currente chì scorre di a Mia grazia; chjude l'ochji è ùn pensate micca à u presente, alluntanendu i vostri penseri da l'avvene cum'è voi da a tentazione. Riposate in Me, cridendu in a mo buntà, è vi prumettu per u mo amore chì, se dite "Vi ne fate cura", aghju da curà di tuttu; Ti cunsuleraghju, liberaraghju è guidaraghju.

O Ghjesù, mi rinunciu à tè, cura di tuttu! (10 volte)

 

Day 9

Pregate sempre in prontu à arrendesi, è riceverete da ella una grande pace è grandi ricumpense, ancu quandu vi cunferiscu a gràzia di l'immolazione, di u pentimentu è di l'amore. Allora chì importa a suffrenza? Vi pare impussibule? Chjudite l'ochji è dite cù tutta l'anima: "Ghjesù, ti ne occupi". Ùn àbbia paura, aghju da curà e cose è benediscerete u mo nome umilianti. Mille preghiere ùn ponu micca uguale à un solu attu di resa, ricordate bè. Ùn ci hè nove novena più efficace chè questu.

O Ghjesù, mi rinunciu à tè, cura di tuttu!


 

Reading Related

Perchè a Fede?

Una Fede Invincibile in Ghjesù

Nantu à a Fede è à Pruvidenza in sti tempi

U Sacramentu di u Momentu Presente

 

 

Footnotes

Footnotes

1 "Nel passà i vostri ghjorni", traduzzione litterale: "passendu i vostri ghjorni"
Posted in missaghji, Valeria Copponi.