Angela - Ghjesù hè venutu à serve

A nostra Signora di Zaro à Angela u 8 di ghjugnu 2021:

Sta sera a Mamma hè apparuta cum'è a Mamma è a Regina di tutti i Populi. Idda purtava un vistitu rosa è era impannillata in un grande mantellu turchinu-verde; a so testa era incurunata da dodici stelle luccichenti; avia e mani intrecciate in preghera; in e so mani era un longu rosariu santu biancu, cum'è fattu di luce. I so pedi eranu nudi è eranu posti nantu à u mondu. Nantu à ellu era u serpu chì scuzzulava forte a coda, ma Mamma a tinia ferma cù u pede drittu. Chì Ghjesù Cristu sia lodatu ...

Cari figlioli, eccu una volta di più quì trà voi in i mo boschi benedetti, per l'infinita misericordia di Diu. Carissimi figlioli, i tempi duri vi aspettanu. Eccu dighjà i tempi di u dulore è di a prova. Figlioli mei, sta sera vengu torna quì à dumandà a preghera per a mo amata Chjesa. Pregate assai per a Chjesa, micca solu a Chjesa universale ma [ancu] per a vostra lucale. I mo figlioli, in a vostra chjesa ci sò troppu divisioni, troppu fazioni. Diu hè amore, Diu hè unità. I mo figlioli, quandu vi cunverterete, quandu capirete chì hè impurtante chì ognunu di voi sia un "servitore inutile" [cf. Lk 17:10, vale à dì. quellu chì hè simplicemente fidu à a Parolla di Diu cumu hè u so duvere]? Ghjesù hè venutu per serve, micca per esse servutu, mentre chì parechji preti utilizanu u ministeru per esse servutu.

Allora Mamma m'hà stesu a manu è m'hà dettu: "Venite cun mè". Mi sentu risurrezzione è mi sentia sospettatu cun ella. Sottu à mè era cum'è s'ellu ci era un grande fogliu di vetru. Ella hà indicatu cù u so indice chì aghju da guardà. - Guarda, figliola. Aghju guardatu nantu à sta grande piastra trasparente, induve aghju cuminciatu à vede scene di guerre, vari eventi disgraziosi, scene di violenza è prostituzione. Tuttu u viulente è u male. Allora Mamma m'hà dettu: "Avà venite cun mè". 

Mi sò ritrovu in Piazza San Petru, nantu à u grande parvis; una celebrazione eucaristica era in corsu. À u latu drittu c'eranu seduti vescovi è cardinali, à i preti di manca è assai ordini religiosi diversi. A messa era celebrata è presidita da u papa Francescu. À un mumentu datu un grande fulmine hà illuminatu tutta a piazza è era in traccia di colpisce u crucifissu, ma malgradu u fattu chì fiamme alte assai eranu state create, u crucifissu ùn hè micca statu dannighjatu. U tarrenu cuminciò à scuzzulà forte è una grande crepa apparsu davanti à l'altare; tuttu cuntinuava à scuzzulà. Parechji Vescovi, preti è l'altri ordini chì eranu prisenti quallà, si sò messi in ghjinochji, unipochi in faccia, mentre chì altri sò stati in piedi, impassibili. U Papa andò à u crucifissu è li basgiò u pede. À stu mumentu Mamma stese u so grande mantellu è cupria tuttu. Pocu à pocu a terra si hè chjosa di novu. Principia à parlà torna.

Figlioli, ùn temite micca, e forze di u male ùn prevaleranu è à a fine u mo Cuore Immaculatu trionferà. Carissimi figlioli, siate fiamme vive: ùn spegne micca a vostra fede, è pregate chì u veru magisteriu di a Chjesa ùn sia persu. Zitelli, sti boschi sò i mo boschi benedetti: una chjesa chjuca serà custruita quì è po una chjesa maiò. Per piacè, ùn ci possa esse divisioni trà voi ma [piuttostu] esse uniti.

Dopu aghju pricatu cù a Mamma per a Chjesa, è infine l'aghju dumandata di benedisce tutti quelli chì s'eranu cummandati à e mo preghere.

In u nome di u Babbu, u Figliolu è di u Spìritu Santu. Amen.

Posted in missaghji, A nostra Signora, Simona è Angela.