Angela - I mo figlioli, induve hè a vostra fede?

Nostra Signora di Zaro hà ricevutu à Angela u 8 d'aostu di u 2022:

Sta sera Mamma apparsu tutta vestita di biancu ; u mantellu avvoltu intornu à ella era ancu biancu, era dilicatu è ancu copre u so capu. Nantu à a so testa era una corona di dodici stelle brillanti. Mamma avia e so mani in preghiera ; in e so mani era un longu rosariu santu, biancu cum'è lume, chì li falava guasi à i so pedi. I so pedi eranu nudi è appoghjanu nantu à u mondu. U mondu era avvoltu in una grande nuvola grisgia, è sopra u mondu era a serpente; Mamma u tennia fermamente cù u so pede drittu, ma ellu si torciava è emetteva qualcosa cum'è striduli, scuzzulà a coda dura. Mamma pressu u so pede forte nantu à u so capu è stava zittu, prima emettendu un gridu forte. Chì Ghjesù Cristu sia laudatu ... 
 
Cari figlioli, vi ringraziu per esse quì in u mo boscu benedettu per accogliemi è per risponde à sta chjama mia. Figlioli, sta sera pregu cun voi è per voi ; Asciugu e vostre lacrime, toccu i vostri cori è vi pregu à tutti à pricà insistentemente. I mo figlioli, a preghiera hè un'arma putente contr'à u male. Pregà u santu rosariu ogni ghjornu. Pregate, figlioli. I mo figlioli, i tempi duri vi aspettanu; u mondu hè avvucatu da u male, u prìncipe di stu mondu hè assai forte per via di u peccatu. Per piacè, figlioli, ascoltami, ùn mi fate micca soffre.
 
Cum'è a Vergine Maria dicia: "Ùn fate micca soffre," i so ochji pieni di lacrime, finu à chì e lacrime ùn sò micca solu cascà nantu à u so vestitu, ma ancu bagnatu a terra. Allora ripigliò à parlà.
 
Figlioli amati, questi sò i mo boschi benedetti; quì, assai segni si feranu è parechji seranu i miraculi chì u mo Figliolu vi darà. Per piacè capisce ciò chì vi aghju dettu tutti questi anni. Sta terra hè un locu benedettu; per piacè ascoltami.
 
Allora aghju avutu una visione; Aghju vistu u boscu chinu di pellegrini - ognunu avia una torcia in e so mani, i fiammi eranu brusgiate, ma cum'è e torches s'eranu, assai pochi torches restavanu accese.[1]cf. A Candela di U Pitu e U Novu Gedeone Mamma ripigliò à parlà.
 
I mo figlioli, induve hè a vostra fede ? Induve hè, figlioli ?
 
Dopu à quessa, a Mamma stava in silenziu è dopu à un pezzu m'hà dumandatu di pricà cun ella. Aghju pricatu per a Chjesa è in quantu à i piani per i boschi di Zaro. Allora ripigliò à parlà.
 
I mo figlioli, vi dumandu di esse figlioli di luce: siate luce per quelli chì campanu in a bughjura, esse omi è donne di preghiera. Piegate i vostri ghjinochji in preghiera davanti à u mo Figliolu Ghjesù. Hè vivu è veru in u Santu Sacramentu di l'Altare. Pregate è stà zittu davanti à Ghjesù. Ascoltate attentamente i battiti di u so core; Hè vivu è veru in u Tabernaculu è hà un core chì batte per tutti.
 
Allora Mamma benedettu tutti.
 
In u nome di u Babbu, u Figliolu è di u Spìritu Santu. Amen.

Footnotes

Posted in Simona è Angela.