1ª PARTE: Fr. Michel Rodrigue: Un Apostolu di i Tempi Finali

 

PARTI 1 di UNA "RETIRATA VIRTUALE" CON FR. MICHEL RODRIGUE

Fr. Michel Rodrigue storia di vita:

 

Fr. Michel’s Personal Story:

Michel hè u vintisimu terzu di vinti trè figlioli. Quandu avia trè anni, Diu hà cuminciatu à parlà cun ellu, è avarianu conversazioni regulare cù e parolle semplici di un capiscitu di trè anni. Michel si ricorda di pusà sottu à un grande arburu in i campi agriculi di a so famiglia daretu à a so casa è dumandu à Diu: "Quale hà fattu questu arburu?"

"Aghju," Diu hà rispostu. Quandu Diu hà pronunzia a parolla, "Iu" Michel fu subitu datu una vasta vista di a Terra, di l'universu, è di ellu stessu, è hà capitu chì tuttu era fattu è tinutu in esistenza da Diu. Cum'è u zitellu, Francesco Forgione, chì hè crisciutu à diventà San Padre Pio, Michel hà pensatu chì tutti avianu tali conversazioni auditive cù u Babbu. Da trè à sei anni, Diu l'ha struitu in a fede cattolica è li ha datu una educazione teologica minacciata. Diu hà ancu dettu quand'ellu era trè, ch'ellu sarà un prete.

Intornu à l'età di sei anni, Michel hà scontru u peccatu è u diavulu. I so ochji eranu di colpu à vede u diavulu cumportendu in una certa persona, influendu u so pensamentu, u so modu, è i muvimenti. U picculu Michel hà vistu visibilmente chì sta persona avia un cori freddu bluccatu di l'amore, è ellu è testimoni di u diavulu moveva i bracci è e gambe di a persona. Sorpresu, Michel hà dumandatu à Diu, "Chì hè questu?"

Diu u Babbu rispose: "Hè u diavulu chì agisce in una persona quandu sò in peccatu."

"Chì hè un peccatu?"

"A ghjente peccatu ogni volta chì facenu qualcosa contru à mè, contru i vostri fratelli è sorelle, contru a mo vuluntà è contru l'insignamenti chì vi dò."

Fr. Michel si ricorda di avè scontru u so propiu peccatu per a prima volta. Cun cinquanta cinque nipoti, era un ziu chì era natu prima. In u 2004, cuntava quantu nipoti avia, è ghjunghje à u totale di 250, cusì cessò di cuntà. Un ghjornu quandu Michel era à ghjucà cù u so nipote Claude, u babbu di Michel, chjamatu Émile, pigliò Claude, li fece chjappà in u so ghjallu, è u fece ballà è ridassi. Michel si grugnìva di gelosia.

Quandu u babbu hà infine messu à Claude, Michel hà dettu à Claude affannatu: "Venite fora è ghjuca cun mè." I fili elettrici allineavanu a valla per tene di scappà i porchi di a famiglia di famiglia. Michel hà cuminciatu à spinghje Claude à casu in u filu.

À sente à i gocci intermittenti di Claude, a mamma di Michel si mirò fora è strigò: "Michel! Chi stai facendu?"

"Ghjucanu!" si gridò in daretu. "Questu era u mo second peccatu", conta Fr. Michel. "Eu minté." A so mamma u purtò in l'internu è per u so casticu, u fece arruinà si davanti à u muru.

"Perchè avete fattu quessa, Michel?" ella dumandò.

"Hè perchè Claude era in a perna di u mio babbu, è li fece ballà, è mi vulia esse in u so locu".

“Michel, ùn capisci micca. U vostru babbu ti ama. Hè u so figliolu. È piace à u to nipote. " Michel hà cuminciatu à spinghja. Dopu avè intesu dì chì u so babbu amò ancu un altru zitellu oltri, sentia cumu l'avè statu tatuatu. Era a prima volta chì hà capitu chì l'amore ùn era micca solu per ellu. L'amore era per tutti. "Era troppu ghjovanu per andà in Confession", Fr. Michel dice: "Allora aghju avutu à aspittà. Mi sentia culpevule davanti à u Babbu, ma Iddu era tantu grande. Hà cuntinuatu à parlà cun mè. "

Quandu Michel avia quattru o cinque anni, hà avutu un camion BIG - un blocu di lignu cù quattru rotule in copertine di frascaricci - è ne era assai fieru. Un ghjornu, mentre ghjucava cù u so camionu davanti à a casa di a so famiglia, mentre facia accumpagnarii di rumore di mutore di camion, hà intesu Diu di u Babbu dicendu: "Michel" 

"Iè", rispose, ancora assorbatu in u so ghjocu.

"Un ghjornu viaghjerete."

“Viaghju? Chì significa viaghju? "

"Andarete in altri posti."

"Senza a mo mamma?"

"Iè."

"Oh", è hà turnatu à fà u sonu di camione. U messagiu l'hà fattu una maraviglia, ma ùn l'ha molestatu assai. I parolli di u Babbu anu prestu vita, da 2017 à 2019, Fr. Michel hà viaghjatu in Canada è in i Stati Uniti dendu parlate è retiri - senza a so mamma.

Quandu Michel avia sei anni, sintì u so nome chì si chjamava di novu quandu era ghjucatu fora: «Michel! Michel! " Ma ùn hà micca ricunnisciutu a voce questa volta da Diu sta volta. Guardò circa, ma nimu ci era. I so surelle ùn eranu micca in casa, è i so altri fratelli travaglianu in u campu, è cusì andò in a casa. "Mamma, m'hai chjamatu?"

"Innò."

"Qualchissia m'hà chjamatu."

“Innò, nò. Andate à ghjucà fora. "

Cusì hà fattu. Allora sintì torna u so nome, «Michel! Michel! "

A voce pareva cusì vicinu, ma à u listessu tempu, luntanu da ellu. Entrò in novu.

“Mamma, m'hai chjamatu? Aghju intesu una voce, Mamma. "

"Innò, nò, è micca. Vai è ghjucate. "

Mentre era ghjucatu fora, a voce chjamava u nome di Michel per a terza volta. Quand'ellu intrì in casa di novu, a mamma hà dettu: "A prossima volta chì sente a voce, dite:" Parlate, Signore, perchè u vostru servitore hè ascultatu "."

Ddu dumenica, tutta a famiglia di Michel era andatu in missa, micca tutti à u stessu tempu è micca in una vittura. Viaghjavanu à cavallu ottu chilometri, è hà alluntatu u spinu bumpy. A prima lettura hè stata da 1 Samuel, Capitulu 3:

Di novu u Signore chjamava à Samuel, chì resu andatu in Eli. "Eccu, sò", disse. "Tu m'hai chjamatu." Ma ellu rispose: "Ùn aghju micca chjamatu, u mo figliolu. Vultate à dorme. "

Quandu u Signore chjamò in a lettura per a terza volta, Michel hà sappiutu a famosa sintenza di u prufeta: "Vai à dorme, è se ti chjama, rispondi," Parlate, Signore, perchè u vostru servitore sta ascolta. " E parolle di Eli eranu e parole di a so mamma. Continuò l'Scrittura: "Samuel hà crisciutu, è u Signore era cun ellu, ùn permettenu micca chì alcuna parolla soia ùn sia micca cumpleta" (1 Samuel 3: 19) Michel si pusò ind'u schernu stunatu.

Per un cortu tempu in u sestu annu di Michel, u Signore cessò di parlà per ellu per mezu di i locuzzioni, invitallu à sente a so voce per via di a Parola. Quandu Diu u Patre hà ripresu a posizione, a so voce si sonava sfarente da Michel da quellu chì avia intesu di trè anni. Questu annu, hè statu ancu introduttu in una nova dimensione di a realtà.

Un ghjornu, Michel currò à a so mamma, spaventatu. "Mamma, aghju vistu sta cosa brutta!" Una bestia intornu à quindeci metri d'altitudine avia apparsu nantu à a so famiglia. Era Satana, ellu stessu.

"Ùn ti preoccupate micca", a so mamma li disse. "Pregueremu dighjà u Rosariu. Cù a recitazione di u Rosariu, Michel hà tistimuniatu chì e preghiere scacchianu Satana di ritornu in infernu.

"I mo genitori eranu santu", Fr. Raconta Michel. "A mo mamma era assai forte, materna, nutritiva è amante. U mo babbu era sempre un ghjucadore. " Nta l'ùltimi anni, Émile hà patitu tante ch'ellu si luttava à respira; ma Michel ùn hà mai vistu u so babbu rivoltà o lamentà contra Diu per via di a so malatia.

Ogni annu, i pulmoni di Émile lanciavanu più ossigenu, è à quellu tempu ùn eranu micca dispunibili macchine d'ossigenu. In tempu di l'inguernu, a famiglia hà sceltu di mantene e finestra è e porte aperte perchè l'aria fredda hè più ossigenata. Ogni membru di a famiglia di vinti trè anni di Ghjesù era dispostu a congelà per chì Émile si sentia megliu. A notte, Michel hà fighjulatu i ghiaccioli appiccicati da u tettu.

U ghjovanu Michel hà dumandatu à Diu u Babbu un ghjornu: "Perchè u mo babbu hà questa malatia?"

Diu hà rispostu, "Ti ricordi quandu ti aghju parlatu di u peccatu originale è cumu provoca malatie in u corpu? Hè una cunsequenza di u peccatu originale ". 

"Ma perchè u cancer?"

"A debulezza in u so corpu l'hà fattu suscettibile à u cancer. Ma ùn hè micca a so culpa. "

Durante una tempesta massiva cù cinque piedi di nevicata, Émile pareva vicinu à a morte, è e strade eranu bloccate. A mamma di Michel disse à u so fratellu Gaitanu d'andà à chjappà un prete. Gaitán s'hè lampatu annantu à una snowmobile è vultò cun un prete chì stava à a cintura, purtendu un cascu grande. U sacerdottu intrì in stanza di Émile, li dò l'ultimi riti, pricava cun ellu, vultò à vede a mamma di Michel è si messe à risa.

"Perchè ridite? ella dumandò.

"Ah, ùn murerà micca."

"Innò?"

"Perchè dice chiste." U babbu di Michel hà campatu altri dui anni.

Per mezu di questu incidente, Diu u Babbu hà approfonditu a capiscitura di Michel di u putere di i sacramenti.

Quand'ellu cresce u Michel, più era avutu à affruntà u male perchè, cum'ellu era risultatu, a casa di a so famiglia era raghjucata. Pianu Michel sapia chì u diavulu era dopu à ellu, ogni volta chì u diavulu si agitava è sciaccò a so casa, o fece rumore spaventosi chì li mandavanu trifossi in tutta a pelle. U so babbu hà vistu ancu Satana in casa soia, cum'elli anu fattu i so fratelli è i so fratelli, è cusì anu dettu à u so parrocu: "Devi benedica a nostra casa perchè u diavulu hè quì." Quandu u sacerdote hè ghjuntu è apre a porta, prima di fà una preghiera, Satana hà liberatu un rocciu terrificante, è u sacerdote fu luntanu! Dunque anu chjamatu u vescu, è appena aprisse a porta di u so portale, u diavulu gridò di novu. U vescu gridò: "Non possu fà! Ùn possu micca! ” è lasciate prima di pruvà.

A famiglia Rodrigue avia un lagu nantu à a so pruprietà, è un ghjornu à u tramontu, quandu Michel avia circa sette anni, a mamma li disse: "Vai è nutrisce i papi."

"Mamma!" trimava "Sò sicuru chì vulete chì possu fà questu?"

"Iè, pudete fà."

"Mamma, hè guasi notte, è quella cosa mi va da riceve!"

"Ùn vi preoccupate", disse. U fratellu di Michel, Gervais, videndu ch'ellu era spaventatu, si offre per accumpagnalli. Quandu si avvicinavanu à u lagu, di colpu, a terra s'hè aperta sott'à Michel, è e duie mani d'animali di quattru piedi, unghie lunghe, sgrossate da u mondu sottu, si avvicinonu di a perna, è u cuminciavanu à tirà si forte. Gervais catturò e mani di Michel è pruvò à tirallu, ma a bestia era più forte. "Sò finitu!" pensò Michel. Ricurdendu a Vergine Maria, urgeva: "Maria, Madre di Diu, per piacè, aiuta!" Una forte forza di colpu li fece chjappà da u bughju è si ne turnò in casa.

"Ùn ci ne dumandate mai più, mamma!" urlavanu.

"Pregueremu u Rosariu."

A mamma di Michel era una donna di una pietà profonda chì hà fiducia in a preghiera è chì avia sperimentatu parechji miraculi in a so vita. Pocu dopu Michel era natu, Émile era in un terribile accidente. Ella pricava à Santa Anna, a nanna di u Signore, è i dui fratelli di Michel, chì era mortu di trè è sei mesi, si apparsu à ella in una luce di luce. "Ùn vi preoccupate, mamma", li disse. "Papà arriverà à casa vostra dumane, è ellu sarà cun voi finu à chì u zitellu (Michel) hà dece anni." E so parolle si acque. U babbu di Michel hè tornatu u ghjornu dopu, hà vissutu altri dece anni, è morse di cancru in i braccia di Michel quandu Michel avia dece anni.

Just dopu Émile murì, tutta a famiglia avia una riunione. Hanu avutu affruntà a realità chì avianu bisognu di piglià azione in quantu à u diavulu in mezu. Era statu u so invitatu tantu disgraziatu. Impussibule di scacciallu, anu decisu di brusgià a so casa. Perchè l'attività di Satana pareva diretta versu u picculu Michel, hà annunziatu à a famiglia: "Seraghju quellu chì s'accende u focu".

A famiglia di Michel hà fattu sei buchi in u pavimentu di a so casa maiò, chì cunteneva tutti i vinti trè zitelli è a mamma di Michel. Ha versatu a benzina in tutti i buchi, hà lampatu un scontru, è u lampò. Un focu erughje seguitu da un ventu maiò, chì soffiava i fiammi. Hà lampatu una seconda partita, u lancia, è a stessa cosa hè accaduta. Nanzu a so terza prova, pricava à a Mamma di Diu chì a casa puderia brusgià. Sta volta, u focu hà scendi, è Michel avia da attraversà e fiamme per ghjunghje à a porta principale, chì era falata da ogni latu da dui grandi finestri. Eppuru i dui finestri si spechjavanu, è cume scappò da a porta principale, duie mani di focu ghjunghjenu à traversu duv'ellu era statu chjappu l'affrancà. A mamma di Michel, appena fora di e porte di fronte, pricava à u Sacru Cori di Ghjesù, è e mani si ritironu di novu in a so casa ardente.

Fr. Michel dice di questu avvenimentu, "Questa hè una di e migliori decisioni chì avemu fattu inseme in famiglia perchè avemu duverebbe ripiglià a vita in un altru paesi, in una nova casa. Ma u diavulu hà truvatu un altru modu di stà cun mè. Cuminciò à soffre di u terribile dolore sottu à a mo pelle, è quandu a mamma m'hà pigliatu per vede un duttore, hà dettu: "Ùn aghju mai vistu una malatia cume nant'à un ghjovanu. Solu succede à l'anziani chì sò vicinu à a morte. ' Mi dò medicazione, ma ùn era micca capace di tumbà u dulore. Sentu chì qualcosa era in mè, cum'è una spiderna grande, è l'unica volta chì aghju trovu sollievu era quandu pone u mo corpu sopra a nostra stufa à legnu. Quandu aghju fattu questu, puderia sente vicinu à u mo core chì questu 'qualcosa' era mortu, è à u listessu tempu, u mo corpu ùn senteria micca u calore di a stufa. Era tuttu stranu, è a mo mamma era ancu cunfusa ".

Un ghjornu, a mamma di Michel s'avvicinò quand'ellu chianciava da u dulore:

"Stà à sente mi. Quarchi cosa va male. Questu ùn hè micca di u Signore ".

"A sò, mamma. Ma hè in mè. Un sò ciò chì hè. "

"Preguemu è fighjemu u Sacru Cori di Ghjesù". Cusì, pricavanu davanti l'imaghjini di u Signore. "Ora, fighjate u Coraghju Immaculatu di Maria. Ci dumanderemu di mette ti in sonnu in modu chì u Signore ti pò guarì ". Michel hà dettu sta preghiera cù a mamma è dopu s'addormì. Quandu hà svegliatu a matina dopu, u so corpu era completamente liberu di u dulore. Questa "cosa" era cascata da ellu è in u lettu. Dopu, sò chjappi i copertini di u lettu è brusgiatu.

Pocu dopu, Michel hà fattu a so Prima Cumunione. Siccomu a so famiglia era povera, ùn hà micca avutu un vestitu di fantezia, cum'è l'altre masci davanu. A so mamma hà fattu tuttu per Michel è i so fratelli da a manu. Benchì era ben vestitu cum'è u so core è i sacchetti u puderianu fà, si sentia timido è autocosciente nantu à i so vechji scarpi, essendu u solu zitellu presente senza scarpe nove brillanti.

Quandu era ghjuntu l'ora di Michel per riceve a so Prima Sacra Cumunione, a so mente ùn era micca presente. Era mentalmente in i so scarpi. Mentre passava in avanzu per a Cumunione, stava da guardà à i so pedi. Alzò l'ochji per vede u santu sacerdotale parrocchiale, P. Jean-Marc, chì cunnuscìa bè a so famiglia è servì u so paesi in Québec di lingua francese durante trenta anni. Fr. Jean-Marc alzò l'ospite, è mentre pronunciava e parolle: "U corpu di Cristu", un luminoso raghji di sole raggruppava tra i finestri laterali di a chjesa, bagnendu solu u Babbu è Michel à a so luce. U prete si congelò, cume sospendu, chì li dete à Michel abbastanza tempu per dì à u Signore: "Scusate per i mo scarpi." Allora riceve a so Prima Cumunione.

A partesi di l'età di dieci anni, Michel hà avutu un sacerdote cunsiglieru spirituale. U sacerdote sapia chì Michel avia paura di a bughjura. Hà ancu saputu chì Michel si terrificò ogni volta chì videva u visu bruttu di u malignu, chì si rivelava spessu.

A dodici anni, Michel hà travagliatu in a chjesa dopu a messa, quandu u prete disse: "Michel, sta sera pregheremu inseme."

"Ah?"

"Venite à u santuariu, è pregherete cun mè." Quella notte, Michel l'incuntrò in a chjesa. "Senteraghju è prichere da un latu di a chjesa", disse u prete, "è voi fari u listessu di l'altra parte." Dopu hà apagiatu tutte e luci. Era silenziu. Scuru. Solu a fiamma luminosa da a candela Tabernaccu era visibile.

"Perchè ùn lascemu micca i lumi?" Michel sbuffò, spaventatu.

Ùn ti ne preoccupate. "

Di colpu, a porta di u vestibule cumminciava à sbulicà in furia.

U prete disse à Michel: "Vai è vede ciò chì hè."

"O Diu!" tremò Michel, sentendu cum'è se stava morendo di paura. "Avemu da lascià!"

"No, anderete versu u noise. Marchjarà. Quandu ghjunghje à a porta, apre lu. " Michel hà ubbiditu è ​​s'avvicinò versu u rumore in bughju. U battere è sbattutu scuzzulò a porta fisicamente. U diavulu voleva.

Michel si appruntava à a porta di a chjesa in u bughju. Cù una mani tremendu è a paura di una morte imminente, hà apertu a porta. Nunda è nimu ùn ci era. S'assettò cù u prete per alcuni minuti. Dopu subitu u battu è a ripresa hè ripigliata.

"Vai".

"O Diu."

"Ripigliu ancu."

"Aghju paura."

«Vai. Ci duvete andà. "

Agitendu i so scarpi, Michel camminava à u bughju à a porta di u vestibule. S'hè apertu è tremendu, hà lampatu à u santuariu di a chjesa, ma nunda ci era, dunque si marchjò dopu è si pusò. Questu hè successu a terza volta cù u listessu risultatu.

À pusà, si pensò à sè stessu. "Anderaghju à mori quì, avà." Allora i lumi in u vestibule cumincianu à accende è spuntà nantu à a so propria.

"Duvete vultà è apague i lumi."

“Ma u interruttore di lumera hè digià spertu. Era scura prima. "

"Avete da andà."

Avanzendu in timore abbattimentu, Michel camminò versu a parte posteriore di a chjesa, passò da a porta in u vestibule è accese e spine di e luci si apaga. I luci stavanu.

Si pusò daretu. Dopu, di colpu, tutte e finestre chjude in a chjesa si sò aperte à tempu. Michel sbuffò, sintendu u so core quasi sfughjà u pettu.

"Questu hè u diavulu", hà dettu u so cunsiglieru spirituale. "Ma Ghjesù hè quì. Quandu site cun Ghjesù, nunda ùn vi pò paura. " E so parolle davanu à Michel tali forza chì dopu, ùn sentia micca paura. Tutti sò diventati tranquilli, è da quellu mumentu, Michel hà avutu chì puderia affruntà ogni situazione scura chì u so avvene puderia purtà.

"Ora," hà dettu u so cunsiglieru spirituale, "pudete esse un prete."

* * *

Michel hà decisu di entre in u seminariu in Quebec, è u Signore hà cuntinuatu à affirmà a so chjama. Un ghjornu, u pastore, Fr. Jean-Marc, hè venutu à visità. "Michel", disse, "ti ricordi quandu avete ricevutu a vostra Prima Sacra Cumunione da mè parechji anni fà?"

"Iè, ma ciò chì mi ricordu più sò e mo scarpe." Si ridianu finu à chì i capi rotulonu. Raccolta di u so sapientu, u pastore hà dettu: "Ci hè qualcosa chì ùn vi aghju mai dettu."

"Chi?"

"Ti ricordi di i raghji chì coprenu solu noi dui?"

"Sì, era impressiunante."

"Beh, in questu mumentu, aghju ricevutu una parolla da Ghjesù."

"Oh, chì era?"

"Quandu aghju prisentatu l'ospite, Ghjesù m'hà dettu:" Quellu chì riceveraghju u mo corpu oghje, quellu davanti à voi, sarà un prete. " Dunque, quandu aghju intesu entra in u seminariu, vulia dì à questu, per dà u curagiu di cuntinuà avvià. " Avissi bisognu di stu curagiu in l'anni à vene.

Michel hà iniziatu à travaglià cum'è venditore di pesciu porta a porta per raccoglie soldi per i so studii. Era u più venditore perchè hà fattu a risa di e persone chì anu compru u so pesciu, è ùn hà mancu saputu perchè sò rire. (A risa è u sorrisu pronti di Fr. Michel sò istantaneamente contagiosi.)

À i primi mesi di seminariu Michel, era di tantu, à l'età di sedici anni, u peghju studente di filusufia in a so classe di tredici anni. Hà capitu nunda di ciò chì u maestru hà dettu è hè diventatu scuraghjatu. U rettore hà scontru cun ellu è hà dettu: "Ùn ne andate da fà attraversu i vostri studii. Avete da vultà in casa. Ùn avete micca capacità per seminariu è certamenti micca per studii universitari. Se pudete fà qualcosa cù e vostre mani, questu serà bè per voi. "

Strittu, Michel si pensò à ellu stessu: "Innò, no, ùn sò micca un vasu viotu!" Si n'andò à vede u prufessore di filosofia, chì paria un pocu persu, datu i so capelli disgraziati è murmure, ma era un veru geniu. Era un sacerdote di u Sacru Cori di Ghjesù chì hà insegnatu a fisica è ha dottore in matematica è in filosofia.

"Vogliu parlà cun voi", hà dettu Michel.

"Venite!" Dopu avè seguitatu à a so uffiziu, Michel hà sparte cun ellu e parolle di u rettore. U sacerdote lasciava una bella risata. "Ùn sanu micca nunda. Ùn sanu nunda! "

"Ah, nò?"

"No, ti daraghju sta preghiera", è rimesse à Michel una preghiera à San Tumasgiu d'Aquinu:

Venite, Spiritu Santu, Divinu Creatore, a vera fonte di luce è fonte di saviezza. Versa u vostru splendore nantu à u mo intellettu, dissipate l'oscurità chì mi copre, quella di u peccatu è di l'ignuranza. Dà mi una mente penetrante per capisce, una memoria ritenente, un metudu è una facilità in apprendimentu, a lucidità da capisce, è una abbondanza di grazia per esprimermi. Guidate l'iniziu di u mo travagliu, dirigite u so prugressu, è portatelu à a fine. Questu dumandu per mezu di Ghjesù Cristu, veru Diu è veru omu, campendu è regnendu cun Tè è u Babbu, in i seculi di i seculi. Amen.

 "Diciate sta preghiera, mi capisci?" Prima di andà à dorme è quandu si svegliate matina, è viderete! Fighjarete! Vai! ”

Michel hà lasciatu l'uffiziu di u prufissore eccentricu, pensendu: "Puderia ancu vultà in casa o fà ciò chì dice è vede chì succede". A decisu di recite a preghiera ogni ghjornu, ma eppuru, ùn capia nunda di filusufìa. U trentesimu ghjornu di dicendu a preghiera fede, Michel s'assettò in a so classa, sintendu: "Bla, bla, bla", quandu di colpu una luce si accende à la so mente. L'hà sentitu entre cù un "Bang!" Immediatamente, hà capitu micca solu tuttu u materiale passatu è attuale chì u prufissore avia coperto, ma ciò chì avia da insignà. Michel alzò a manu.

"Iè, Michel."

"Professore, ciò chì dite hè. . . "

Quandu hà finitu parlà, u prufessore acclamò: "Oh, ah, vedi! Micca solu avete capitu i mo lezioni passati è ciò chì dicu ora, ma m'hai datu i mo futuri corsi! "

Dopu, i studienti cuminciaru à vene à Michel per chì li puderia spiegà a filosofia. Hè divintatu un altru "maestru" à u seminariu. Dopu qualchì annu, andò in un università per studià teologia è diventa ancu un mini-maestru in quella materia. Partenu à chjamallu u “Bull di a facultà”. Pò stà davanti à un prufissore chì dava un insegnamentu sbagliatu è micca solu di ritruvà i so argumenti ma di pruvà l'insignamentu di a Chiesa. Questu era perchè era già statu insegnatu teologia da u Babbu Eternu, à partesi da trè anni. Monsieur Michel dice chì ùn avia micca meritu in questu. L'infurmazioni era solu in a so testa. Inoltre, hà avutu una memoria fotografica, à questu tempu. Puderia fighjà nantu à una pagina di u libru, "fotografà" in a so mente, dopu chjude l'ochji, assorbe l'infurmazioni, è vultate à a pagina dopu. Ma questa notable capacità hà cambiatu più tardi in a vita dopu avè u so primu attaccu di cori (unu di ottu)!

Dopu un annu di teologia, Michel hà sentutu cumu perde u tempu, cusì andò à vede u decanu di l'università. "Aghju un prublema. Aghju amparatu nunda quì ", disse. Fr. Michel comenta avà: "Imagine chì fieru chì devi esse sonu - un tippu cum'è mè".

"Hè impussibile".

"A sò digià tuttu ciò chì insegnanu."

"Va bè, videremu. Vi pruvamu. "

Trè omi cun dottorati in tiuluggìa appruntonu esami cumplessivi per Michel, è hà ricevutu una qualificazione di A +. "Tu sia troppu ghjovanu per esse ordinatu", disse u decanu, "perciò vi starà quì è studià diverse aree di teologia di a vostra scelta, è vi daraghju un dutturatu in teologia." Questu hà datu à Michel assai per amparà, è sottu a vigilanza di a facultà, hà colpu in mariologia (a teologia di a Mamma di Diu), a pneumatologia (a teologia di u Spìritu Santu), a teologia di a grazia, i scritti di a Chjesa. Babbi, è altri zoni di teologia.

A verità era, esse in seminariu hè statu duru. Quandu Michel entra prima, ghjustu fora di a porta di a stanza accantu à a so, s'assettò un dimoniu, fighjendu è aspittà. L'attività omosessuale era allughjatu allu à l'epica, è u so vicinu hà ricevutu assai visitatori dopu à a bughjura. Michel hà sappiutu tuttu trà i mura è pudia sente i coffri di alcolu. Accustò à u rettore è li disse a situazione, chjamendu u ghjuvanottu à fiancu. In risposta, u reattore u ghjacciase fora di u seminariu. Anu dettu chì era troppu spirituale è l'accusatu di dì u Rosariu troppu fora in i terreni di u Seminariu. A nutizie era cusì dolorosa per ellu chì quasi si ne svinculò di sente la sente. Più tardi, hà da amparà chì u rettore era unu di i visitatori di a notte di u so vicinu vicinariu.

Michel si ne vultò in casa, sbattutu da una spada di tristezza è scunfitta, cumpresu da u desideriu di e persone di tumbà a so vucazione. U dulore era cusì insupportable chì l'ha sentitu piercing fisicamente u so core. A so mamma hà prestu discernutu u so spiritu deflatatu è disse: "Michel, mi guardate." Si alzò u bugnu sgrossatu. "Ti ricurdati quandu avemu pricatu inseme à u Coraghju Immaculatu è u Sacru Cori di Ghjesù?"

"Iè, Mamma."

«Sì Ghjesù vole chì tù sia prete, allora nimu, nimu ùn vi fermerà. Capisci? Cusì basta à fiducia in ellu è fiducia in ellu ". Un pocu animatu da e so parolle, Michel hà decisu di chjamà Louis-Albert Vachon, l'Arcivescu di Québec, à quellu tempu, chì cunniscia Michel perchè avia servutu a messa per ellu cum'è un accolitu.

L'arcivescu l'hà chjamatu. "Aghju amparatu chì vi era messu fora. Chi hè successu?" Michel li hà dettu a storia, chjamendu tutti è tuttu ciò chì era interessatu. Pocu dopu, l'arcivescu intrì in u seminariu in secreta à a tardi. Andendu à a stanza di u vicinatu di Michel, ellu hà brusgiatu à a porta. S'hè apertu. "Purtatte e vostre borse è esce da quì!" hà urdinatu. Dopu, l'arcivescu hà andatu à a porta di u rector: "Knock, batte, batte."

"Chi hè successu?" disse u prete saccu. "Cumu site?"

"Sò quì perchè questu hè a mo casa!"

"Chì hè accadutu?"

"Aghju ghjustu cacciatu u to seminaristu, è avà tocca à tè." Quella notte, l'arcivescu Vachon hà pulitu u seminariu, è aghju pussutu vultà à i mo studii. Hà finitu i so studii teologichi è hà continuatu à studià a psiculugia. Ma ùn tutti ùn eranu cuntenti di u so cornu. Un ghjornu, l'Arcivescu di Rimouski hè andatu à vede a mamma di Michel per dilli chì nimu ùn l'urdinerebbe, è Michel ùn seria più seminariu.

A mamma di Michel si guardò à ellu è disse: "A vostra eccellenza. U mo figliolu hè un omu chì hà una vuluntà libera, è Diu farà cù Ellu ciò chì Ellu voli fà. Puderia avè una mitra nantu à a vostra testa, ma ùn site micca Ghjesù. Sò solu un discepulu di Ghjesù. Quandu facimu a mo zuppa per parechje quì, ùn site micca invitatu. Pruvate a zuppa à a vostra propria casa, è eiu mi faremu a meia. Pudete lascià avà. "

A mamma di Michel, dice, era un santu. Ella ùn solu hà pigliatu cura di vinti trè figlioli, ma sempre avutu una stanza in a so casa di famiglia per i mandatori chì avianu bisognu di un ghjocu per stà, ma ùn ci era più locu per l'arcibisbe. A mamma di Michel hà patitu assai per Michel. Ella offrì tuttu ciò chì pudia per aiutà à diventà sacerdote.

Michel a continué à s'impliquer dans le ministère et a été assigné à être le liturgiste en chef de l'archidiocèse de Rimouski et à superviser la vie liturgique de trois autres diocèses. Dopu si n'andò in a diocesi di Amos per aderisce à una cunfraternita fundata da un prete, ma quandu i so omi sò stati urdinati, u vescu li manda per esse preti diocesani, dunque hà da chjode a cunfraternita.

Michel hà vultatu in Montréal è hà apertu un centru per i ghjovani in difficultà, da diciottu à vinti anni di età residenti in carrughju, implicati in droghe è prostituzione. Per quellu tempu, era ancu graduatu in psicoanalisi. Michel hà cunsigliatu i ghjovani, li dò una speranza è un futuru, è hà riunitu parechje persone per travaglià sottu à ellu per a causa.

Versu quellu tempu, a mamma di Michel hà cuntrattu u cancer, è sapia in u so core chì ùn avissi micca vivu longu. A notte prima di morire, Michel hà dettu à a Vergine Maria: "Ùn pude micca vede a mo mamma cusì. Hè troppu. Per piacè fà qualcosa. Sia guarìla durante a notte o venite à purtalla. " Quandu era andatu à dorme, hà avutu un sognu induve hà vistu u so babbu, Émile, stendu in un grande campu di granu d'oru, luntanu à a so diritta. A mamma di Michel hà apparsu dopu à a fine sinistra di u campu. Émile hà messu in ballu i so bracci, movendu pè a so moglia chì s'avvicinessi versu ellu mentre fighjulava à Michel è sorride. Émile fighjò poi à Michel e fece inchinu u capu. Michel sapia chì questu significava ch'ella morì. A so mamma si ne andò versu u campu, si firmò, ripigliò una volta à Michel è dopu à Émile, chì l'abbandunò di novu. Ella sorrì à Michel una volta l'ultima, è poi camminò versu u so maritu.

A mamma di Michel hà mortu u ghjornu dopu, cinque minuti prima di mezanotte. Fr. Michel conta, "Per vi cuntà ch'ella era grande, durante e so ultime quattru ore di vita, hà illuminatu a so stanza di l'ospitale. Luci sciarpava da u so corpu, è ogni infermiera è duttore di l'Hospital Sacred Heart in Montréal hè ghjuntu à vede ciò chì chjamavanu "u fenomenu". Ùn sapianu micca chì l'uscita chì emana da ella era un signu di a so santità ".

Semaine dopu a morte di a so mamma, Michel hà ricevutu una chjama telefonica da un sacerdote amicu di u so, invitandu à cantà à una missa di ordinazione in a diocesi di Hearst in Ontario, Canada. Ava bisognu à cantà a Letania di i Santi è una canzone à u Spìritu Santu cù note alte chì nimu ùn pudia ghjunghje. Michel accettò. U vescu di Hearst, Roger-Alfred Despatie, era prisente, è in ghjinochju, affruntendu l'altare, per a litania di i santi, sintì una voce chì li disse: "U mo figliolu, quellu chì canta a litania di i mio santi, vogliu chì l'ordineti." U vescu scuzzulò u capu, circò intornu, è pensò à sè stessu: "L'aghju pazzi. Sentu una voce ». Pruvatu di ignurallu, si cuncentrava di pricà a litania di i santi più in fondu, ma a voce torna: "U mio Figliolu, stà à sente. Quellu chì canta a litania di i mio santi, vogliu chì l'ordineti. " U vescu Despatie hà capitu tandu chì era a voce di Ghjesù.

Quandu u serviziu finì, u vescu s'avvicinò à Michel è li dumandò: "Vulete esse urdinatu un prete?"

Ellu rispose: "Sì, mi vogliu."

"Vi chjamu avà", hà dettu.

Michel hà cuminciatu à ridì. Hà avutu tantu difficultà cù a ghjerarchia chì ellu assumì chì u vescu era in broma. "Sì seriu?"

"Vi chjamu avà".

"Va bè", ripigliò, "ma ùn vogliu micca venite à serve cum'è assuciatu pastorale laico. Se mi vulete, vi vene à voi cum'è un futuru sacerdote. "

"Iè, hè ciò chì vogliu."

"Va bè!"

Michel rinuncia di a so pusizione di presidente direttore di i servizii psiculogichi à l'urganizazione chì hà fundatu in Montréal, è solu ghjorni dopu, u vescetu Despatie hà chjamatu à dìllu: "Ti sarà ordinatu è assignatu à a Chiesa di l'Assunta di a Vergine Maria."

"Uh, intesa?" rispunnì Michel.

"Perchè?"

"Va, va," murmurò Michel, senza entusiasmu. U so core s'hè abbandunatu perchè à l'età di dodici o quindici anni, quandu stava pricava davanti à una statua di Nostra Signora di tutte e Grazie in a so chjesa natale, a Nostra Signora l'hà detta, "Un ghjornu, sarai ordinatu cum'è prete sottu u mio Cuore Immaculatu" è hà aghjustatu chì serà urdinatu in una chjesa chjamata Immaculata Cuncepzione di a Vergine Maria.

"No, qualcosa va male", hà pensatu Michel. "Forse vi aghju interpretatu male, Mamma?"

Dui o trè ghjorni dopu, hà ricevutu una altra chjamata da u vescu. "Michel, aghju un prublema. Ùn possu micca spustà u pastore da l'Assunzione di a Chjesa di a Vergine Maria, per quessa chì devi spustassi. Andaraghju in piazza à l'Immaculata Concepzione di a Chjesa Vergine Maria, induve sarai urdinata. "

"Iè, iè!" Michel hà esclamatu prima chì l'evucatu puderia finisce a so sentenza. Cusì, Michel finale diventa Fr. Michel Rodrigue à l'età di trenta. Michel hà avutu l'abitudine di anni per dì à u so anghjulu guardianu: "Dopu à tè" quandu entre in a so stanza. Ma u ghjornu di a so ordinazione, quand'ellu turnò in a so stanza è disse: "Per piacè, vai davanti à mè", hà intesu u so anghjulu dicendu: “No, andate davanti à mè. Ora sì un prete. "

Parechji anni dopu, u vescu Despatie hà dettu à Fr. Michel, "Aghju intesu a voce di Ghjesù una sola volta in a mo vita, è hè stata per u vostru ordinazione."

* * *

Cusì Michel Rodrigue hè statu urdinatu à u sacerdotatu da u vescu di Hearst in Ontario, Canada, Roger-Alfred Despatie. Ricunnosce Fr. I rigali straordinarii di Michel, hà fattu Fr. Michel un direttore di furmazione di i preti pocu prima di a morte di u vescu. "Andarete in Montreal per scontre i Fathers Sulpician", disse, è hà appruntatu u fr. Michel per scuntrà u Superiu di un ordine in a Chjesa ch'ella ùn avia mai intesu dì. Pocu dopu, Fr. Michel addivintò un prete Sulpician è prufessore di u Seminariu in Montréal. A stu compitu hè statu aghjuntu u rolu di esorcista, capellu di l'ospedale, è di pastore di trè parrocchie.

Fr. U sacerdotatu di Michel ùn hè mai statu un ordinariu. A vigilia di Natale di 2009, una parrocchia in Montréal ùn pudia truvà un pastore per festighjà a so messa à 8 è 10 ore. "Andaraghju!" pensatu Fr. Michel. San Michele hè u mo santu. " A Missa di a vigilia di Natale hà iniziatu cum'è una cerimonia normale, piena di capacità cù trè balconi rivolti, è dopu, di colpu, u Spìritu Santu s'hè vultatu à tutti presenti, cum'è una Pentecoste. L'esperienza era più gloriosa chè Fr. Michel hà parolle per descrivere. Quandu l'spiritu di u pòpulu hè statu risuscitatu, si sò cambiati da u cantu di una canzone di Natale per alzà e mani in elogie, un pocu di quelli cantanu in lingue. U sonu era tantu forte chì a ghjente fermò e vitture è entrò in a chjesa da a strada, se pregunta ch'è puderia succede à l'internu. Fr. Michel flottava in u Spìritu è ​​sentia l'electricità chì andava à traversu ellu mentre predicava. "Sò in u mo elementu!" pensava.

Allora venenu a missa di 10 ore .Ampre elettrificatu, Fr. Michel hà speratu di vede a ghjente piglia u focu di u Spìritu di novu. No. Fighjulendu li chjuchi da i cimini era un mare di facce svelte. Fr. Michel comenta: "Quandu u Spìritu Santu, Ghjesù, è u Babbu vi dannanu una pezza di caramella, ùn ci ne duna u stissu duie volte." Dumandendu un altru "Pentecoste", disse à u Signore: "Fate qualcosa, per piacè!" Subitu dopu, tutti ognunu urlava da un terzu grillu: "Aiutu!" Fr. Michel sapia chì qualcosa era grave, cusì fermò a predicà e corre. "Ci hè qualchi medici quì?" si chjamava, è quattru currinu davanti à i scalini davanti à ellu. Quand'ellu ghjunghjia à u terzu balcone, bolbuttava è pupava, i medichi facianu compressioni manuale di pettu à una donna chì era cascata. Dopu à pruvà à rinasce ella, li disse: "Hè finita, Babbu. Hè morta. "

"Chì !? Mortu !? Sta notte !? " Ogni altra volta, Fr. Michel avissi accettatu questu perchè sapia chì u Natale era unu di i migliori tempi per mori - un ghjornu chì Diu riceve l'ànima in u paradisu in parechje quantità. Ma in questu mumentu (è ùn sapia micca per chì) hà luttatu contru. S'appiccò à u latu di u corpu di a donna, è tuttu sparì intornu à ellu. Ellu gridò: "Hè finita? Cumu hè, Babbu? Cumu pò sta signora mori sta sera? Ùn possu micca accettà! Chi stai facendu? Questu hè Natale! A Natività di u to Figliolu! Nisunu quì hè suppostu chì sia mortu sta notte. Supposti chì a vita dea! "

E hà scurdatu chì u so microfonu lavalier era in funzione. Tutta a chjesa u sintimu tuttu forte è chjaru. In a so furia, si mette a manu nantu à u pettu è dichjara: "In nome di u Signore Ghjesù, vultate!" Cù un forte scuppiamentu chì era intesu in tutta a chjesa, a donna pigliò un grande soffiu d'aria è intrì in u corpu. Poi saltò e cuminciò à ballà davanti à Fr. Michel, è i medichi si parevanu cunfusi. «Babbu, stanu bè! Ùn aghju mai sentutu megliu in a mo vita! "

“Pare, à piantà. Duvete andà à l'uspidale ", insistia.

"No, no, ùn vogliu micca andà à l'uspidale."

Qualchissia avia chjamatu una ambulanza, chì aspettava fora. "Stà à sente", a disse cù e parolle chì u Spìritu li hà datu. "Andarà in l'uspidale. Ùn truvaranu nunda. Averete vultà, è quandu fate, e porte di a parte posteriore di a chjesa si apreranu. Viderete un corridore di vapore da u fiume San Lawrence chì entra in a chjesa (l'invernu in Montréal pò cascà à 20 gradi negativi). Passerete per questa nuvola, è à tempu chì esce, riceverete a Sacra Cumunione, cum'è sì un apparizione. "

Idda ghjustu à guardò lu e hà dettu: "Iè."

Fr. Michel si n’hè andatu in daretu à u santuariu di a chjesa è vide chì tutti stavanu inginocchiati in silenziu. "Chì aghju fattu?" si maravigliava. Cuntinuò à dì a Santa Misa, è quandu stava cummandendu a Cumunione à l'ultimi populi in fila, tutti ognenu un forte rimore. I portelli di a parte posteriore di a chjesa, chì ùn era micca stata aperta in circa 100 anni, si sò lentamente aperti da a so volta, è a nebbia da u fiume San Lawrence si iscumò cum'è un corridore in mezzo à a chjesa. A donna era ammucciata di a vista mentre passava à traversu a nuvola di vapore, è cum'è a nebbia dissipava, aparece "miraculosamente" davanti à Fr. Michel. Quand'ella hà ricevutu a Sacra Cumunione, tutti in a chjesa, pieni di timore, si alzonu spontaneamente à i so pedi è battevanu e mani in un tontu applaudimentu.

U Signore avia orchestratu forse unu di i più grandi climi di fede chì si pò avè: vede una signora, risuscitata da a morte, riceve u Corpo di Ghjesù Cristu, circundatu da una nuvola, a vigilia di a nascita di u Salvatore.

Cum'è Fr. Michel hà andatu in casa à u seminariu, Diu u Babbu diciava à ellu u cumpletu per u Patre Eternu, chì Fr. Michel ùn sapia micca prima chì u Babbu l'hà struitu in questu - tutta a casa. Fr. Michel s'hè imbulizatu cusì cun a grazia di u Babbu chì a preghiera "U nostru Babbu" respirava è campò in ellu. À u mumentu chì ghjuntu in casa à a fine di u ghjornu, era tantu pienu cù u soffiu vivu di Diu chì "flottò" in a so stanza. "Signore," Fr. Michel si rivolse: "Duvemu dorme avà perchè dumane avemu un ghjornu longu!"

Diu u Patre, però, avia altre piani. À 2:30 di a matina, Fr. U lettu di Michel hà cuminciatu à muvimentu da un latu à l'altru, è u vide à San Benedettu Ghjiseppu Labre chì si stava davanti à a so chjesa, scuzzulendu a so spalla per svegliallu. San Benedettu Ghjiseppu Labre era un laicu francese di u 1700 chì era chjamatu da Diu per esse un capricciu solitariu. Dotatu di rigali spirituali straordinarii, era à volte vistu in parechje chjese in tempu, aducendu à Ghjesù in l'Eucaristia. Solu dui o trè altri santi in a storia di a Chjesa anu avutu stu rigalu di multi-locu. Oghje, u corpu di San Benedettu Ghjiseppu Labre hè incorruffu - è flexible.

Parlendu di ciò chì hè accadutu dopu, Fr. Michel dice: "Sò a voce di u Babbu, cunnosce a voce di Ghjesù, cunnosce a voce di a Vergine Maria, è cunnosci ancu a voce di u mo anghjulu custode. Ma a voce chì aghju intesu dopu ùn pudia micca identificà perchè era cusì prufonda. Hè statu u surghjente di tuttu. Ùn era micca sicuru ch'è sta parlava. Pensava chì forse era a Trinità chì parlava cum'è unu. "

Fr. Michel poi sente a voce chì li disse: "Stand" cusì hà fattu. "Vai à l'urdinatore," dunque si caminava è pusò à u so scrivania. "Ascolta è scrive." Allora Diu u Babbu hà procedutu à dittà tutta a custituzione per un novu ordine religioso. Scrivendu sessanta trè parole per minutu, ùn pudia rintellà. "Ùn ti possu seguità!" si lagnò. "Vai assai veloci!" Fr. Michel hà intesu chiancià u Babbu, è si rallentò per ellu. Diu hà dettu à Fr. Michel chì l'ordine se chjamassi Fraternité Apostolique Saint Benoît-Joseph Labre (A Fraternità Apostolica di San Ghjiseppu Benedettu Labre). Una filiera seria per e famiglie impegnate in a vita cristiana, un'altra per e sorelle consacrate, è una altra per i futuri sacerdoti è diaconi.

Allora u Babbu si piglia subitu Fr. Michel si alluntanò cun ellu. S'hè truvatu volendu sopra un pezzu di terra in a diocesi d'Amos in u nordu di u Quebec, induve Diu vulia sta nova fraternità di vita semi-monastica. Diu hà mustratu u munasteru per esse custruitu è ​​u fiumu daretu à questu. Dopu Hà guidatu Fr. Michel dentru i so mura, è passanu inseme da e so stanze. Fr. Michel hà pussutu vede tuttu in grandu dettagliu, ciò chì a fraternità averia bisognu, ciò chì saria. Allora Diu hà mustratu un second edifiziu di u monasteru è u so internu, lascendu un'impronta di tuttu in a so mente.

Fr. Michel hà iniziatu à u panicu. Ciò chì u Babbu si dumandava di ellu pareva troppu grande, troppu! Era già insegnante in u seminariu furmendu futuri sacerdoti di a Chjesa. Era pastore, prete in cattedrale, è esorcistu. Cumu puderia Diu dumandallu di truvà una altra comunità? Ellu disse à Diu: "Ùn possu micca fà questu, Babbu! Tu mi cunnosci. Aghju avutu ottu attacchi di cuore è cancer per trè volte. Moriraghju Perchè ùn sceglite micca qualcunu intelligente - un bon teologu. Perchè ùn sceglite micca qualcunu in bona salute? "

Fr. Michel hà amparatu chì ùn si deve micca argumentà troppu cù u Babbu. Di colpu, tuttu hè sparitu, è hè statu suspendu cum'è a polvera in l'universu. Pò vede tutti i pianeti, u sole, e stelle, e galassie - tuttu. Hà avutu apertu libri d’astronomia è vistu belle immagini di l’universu, ma ùn si paragunavanu micca à a grandezza chì li circonda. Allora Diu, u Babbu, hà parlatu. E so parolle tronu, chì emanavanu da a Fonte di tutta a vita, hà fattu chì ogni cellula di u so corpu vibrà intensamente. “TU, RASE UMANA. TU CHE CREU AMBU U ME AMU, QUI SINDU SIN. " Quandu Diu pronunzia a parolla "SIN", Fr. Michel hà pensatu ch'ellu murì - sta volta, per veru.

Allora sente à Ghjesù chì disse: "Michel" cù una voce dolce, amante, cumpletamente diversa da quella di u Babbu. Cù u sonu di ellu chjamatu, intrì in e camere di u Sacru Cori di Ghjesù. In e so parolle, Fr. Michel s'arricorda:

In a prima camara eranu tutti i preti è i viscuci chì sò chjamati per rapprisintallu nantu à a Terra. In a seconda camara sò stati tutti i battezi. In u terzu eranu quelli chì ùn cunniscenu micca à Ghjesù, chì deveru esse evangelizatu, è in u quartu era tutta a creazione di Diu nantu à a Terra è in l'universu. Aghju capitu chì in Ellu è per Ellu, per a vuluntà di u Babbu, avemu a nostra esistenza. Puderia vede è sente u colpu di u Cori di Ghjesù, chì riprisentò l'amore di l'Eternu. Aghju vistu u flussu di u so sangue, alimentendu è dendu l'armunia à tuttu. In ogni mumentu di a nostra vita, u so Sangu passa per noi, toccu cumplettamente ogni livellu di l'universu. Ùn mai scurderaghju di u colpu di u Cori di Ghjesù.

Allora Ghjesù hà dettu novu u so nome, "Michel" è vistu i monasteri, a terra, è tuttu ciò chì u Babbu li avia mustratu. "Ùn sapete micca chì tuttu u mio Babbu vi hà dumandatu di fà esiste digià? Sì solu u so servitore, è truverete persone per aiutà ".

Fr. Michel dice: "Puderaghju assicuratevi chì, in questu mumentu, aghju aghjustatu tuttu u mo apprendimentu teologicu in pochi secondi."

"Iè, Babbu", disse. "U feraghju", è di colpu era di ritornu in casa, sedutu davanti à u so urdinatore.

Fr. Michel dice:

Quandu aghju vultatu, u Babbu hà cuminciatu à mustrà assai cose chì succederanu in u mondu. Tuttu ciò chì mi sparte, dicu ancu à u mo vescu. Ùn aghju micca sicreti. Lui è trè altri vescovi anu tutti appruvati di u novu ordine, dunque ùn aghju avutu più scelta ma di fà avanzà perchè sò sacerdote di a Chjesa. Da tandu, u Babbu hà accunciatu tuttu. Avemu a terra. Avemu cuminciatu a custruzzione di u primu monasteru è dumandemu fondi per u sicondu. Hè preparatu a Chjesa di l'avvene è un rifuggiu per i preti. Hè per quessa chì ellu ci hà dumandatu di custruisce u novu monasteru, è hè per quessa chì vi dumandemu à e persone chì mi aiutanu. Ùn hè micca per aiutà, hè per aiutà u Patre. È mi hà dimustratu ch'e aghju preparatu i sacerdoti per u futuru di a Chjesa. U futuru di a Chjesa hè in e so mani. 

U nostru vescu hà appruvatu di u novu ordine à traversu a Chjesa, è durante a ceremonia quandu hà benedettu i nostri vestiti è pusendu u novu vestitu cum'è u primu abatu di u novu monasteru, aghju intesu a voce di a Vergine Maria dicendu: "Chjamu l'apòstulu di i tempi di a fine. " [Nota: Fr. Michel hà ancu amparatu à San Michele l'Arcàngel chjamà a Chjesa "Prega cù a Mamma di Diu per chì l'apostuli di l'ultimi ghjorni risuscitinu!" Dunque, Fr. Michel ùn hè micca u solu chjamatu per testimone di sti "tempi di fine".] E allura aghju intesu, "Chjamu un novu ordine di a Chjesa".

 

Per continuà à u prossimu postu per u "ritiru virtuale" cù Fr. Michel, cliccate nantu PARTE 2: Fr. Michel Rodrigue - Avventure in Medjugorje.

Clicca qui per principià à u principiu.

Posted in Anghjuli, Anghjuli è Demoni, Audio Parlate, Fr. Michel Rodrigue, Videos.