Sequenza temporale

(Fare clic sull'immagine sopra per ingrandire)

I dolori del lavoro
Il primo sigillo
Il secondo sigillo
Il terzo sigillo
Il quarto sigillo
Il quinto sigillo
Il sesto sigillo
Il settimo sigillo
Le porte divine
Il giorno del Signore
Tempo di rifugi
I castighi divini
Il regno dell'Anticristo
I tre giorni dell'oscurità
L'era della pace
Il ritorno dell'influenza di Satana
The Second Coming

I dolori del lavoro

La seguente linea temporale si basa sull'interpretazione del Libro dell'Apocalisse dei Padri della Chiesa antica così come fu loro consegnata, e quindi sulla loro lettura diretta dei Capitoli 19-21. Ciò è complimentato con gli insegnamenti magisteriali dei papi, le apparizioni approvate di Fatima e integrato dal "consenso profetico" di vari credenti credibili in tutto il mondo.

Gesù ha dato una bellissima analogia che si applica meravigliosamente ai nostri tempi:

Quando una donna è in travaglio, è angosciata perché è arrivata la sua ora; ma quando ha dato alla luce un bambino, non ricorda più il dolore a causa della sua gioia per il fatto che un bambino è nato nel mondo. Quindi anche tu ora sei nell'angoscia. Ma ti rivedrò e i tuoi cuori si rallegreranno e nessuno ti toglierà la gioia. (John 16: 21-22)

È facile per una madre che lavora afferrare il dolore del momento, le contrazioni angoscianti che precedono immediatamente la nascita. Allo stesso modo, è facile che la "Chiesa Madre" sia pre-occupata dal duro lavoro del presente e dei futuri cataclismi, persecuzioni e incertezze. Mentre non annacqueremo qui ciò che lo stesso Nostro Signore ha avvertito (perché voleva che fossimo preparati, non spaventati), né vogliamo che il lettore mai perdere la concentrazione su dove siamo diretti. In definitiva, quello è il Paradiso; ma prima di allora, le Scritture e i Messaggi del Cielo, attraverso veggenti e veggenti scelti, parlano di una prossima Era di Pace, la "nascita" di tutto il Popolo di Dio quando le spade saranno battute in vomeri, il lupo si sdraierà con l'agnello. .. e un "periodo di pace" regnerà su tutta la terra, da costa a costa. Come ha affermato il cardinale Mario Luigi Ciappi, teologo pontificio di Pio XII, Giovanni XXIII, Paolo VI, Giovanni Paolo I e San Giovanni Paolo II:

Sì, a Fatima è stato promesso un miracolo, il più grande miracolo della storia del mondo, secondo solo alla Risurrezione. E quel miracolo sarà un'era di pace, che non è mai stata realmente concessa prima al mondo. —9 ottobre 1994, Catechismo della famiglia dell'Apostolato, P. 35

Questa linea temporale è piena della realtà di molti dolori ma anche di vittorie, gioie e, in definitiva, pace. Questo perché, quello che stai per leggere, è la Passione della Chiesa che trova la sua fine, non nella morte, ma in una nuova risurrezione. Poiché è la madre della Chiesa, la Beata Vergine Maria, la "Donna vestita di sole che lavora per dare alla luce"[1]Rev 12: 1 prendiamole la mano e chiediamole di camminare con noi attraverso questa linea temporale: insegnarci, consolarci e prepararci, non come semplici osservatori, ma come combattenti santi nella più grande battaglia della storia umana.

Quindi la legione di piccole anime, vittime dell'amore misericordioso, diventerà numerosa "come le stelle del cielo e le sabbie del mare". Sarà terribile per Satana; aiuterà la Beata Vergine a schiacciare completamente la sua testa orgogliosa. -St. Teresa di Lisieux, Manuale di The Legion of MaryP. 256-257

La grande tempesta

La cosa essenziale da capire è che questa fase della storia umana è che l'uomo "raccoglie ciò che ha seminato".

Quando semineranno il vento, raccoglieranno il turbine. (Os 8: 7)

Diversi mistici hanno parlato di questo periodo di grande tribolazione che sta arrivando sulla terra e lo ha paragonato a una tempesta come un uragano. 

... stai entrando in tempi decisivi, tempi per i quali ti sto preparando da molti anni. Quanti saranno spazzati via dal terribile uragano che si è già scagliato contro l'umanità. Questo è il momento della grande prova; questo è il mio tempo, o figli consacrati al mio Cuore Immacolato. —La nostra signora a p. Stefano Gobbi, 2 febbraio 1994; con imprimatur Mons. Donald Montrose

Sai, piccola mia, gli eletti dovranno combattere contro il Principe delle Tenebre. Sarà una terribile tempesta. Piuttosto, sarà un uragano che vorrà distruggere la fede e la fiducia anche degli eletti. In questo terribile tumulto che si sta preparando, vedrai lo splendore della mia Fiamma d'Amore illuminare il Cielo e la terra per l'effusione del suo effetto di grazia che sto trasmettendo alle anime in questa notte oscura. —La nostra signora a Elizabeth Kindelmann, La fiamma dell'amore del Cuore Immacolato di Maria: il diario spirituale (Posizioni Kindle 2994-2997); imprimatur del cardinale Péter Erdö

In effetti, anche la Scrittura usa questa metafora per descrivere un arrivo purificazione della terra attraverso una grande tempesta:

... un forte vento sorgerà contro di loro e, come una tempesta, li conquisterà. L'illegalità rovinerà tutta la terra e l'azione malvagia rovescerà i troni dei sovrani. (Sap 5:23)

Guarda, l'uragano del Signore, la sua ira, esplode, un temibile uragano, a esplodere sulle teste dei malvagi. L'ira del Signore non tornerà indietro finché non avrà compiuto e raggiunto il suo scopo. Negli ultimi giorni, lo capirai chiaramente. (Geremia 23: 19-20; La rivista Revised New Jerusalem, Study Edition [Henry Wansbrough, Casa casuale])

Un'altra analogia che usano sia Gesù che San Paolo sono i "dolori del travaglio". Gesù li ha descritti come tali:

Nazione insorgerà contro nazione e regno contro regno. Ci saranno potenti terremoti, carestie e pestilenze da un luogo all'altro; e dal cielo verranno immagini terrificanti e segni possenti ... tutto questo non è che l'inizio dei dolori del parto ... E poi molti si allontaneranno, si tradiranno a vicenda e si odieranno a vicenda. E molti falsi profeti sorgeranno e porteranno molti fuori strada. (Luca 21: 10-11, Matteo 24: 8, 10-11)

Pertanto, la prima metà di questa Tempesta, sebbene permessa come amorevole "disciplina" di Dio in questo Tempo di Misericordia, non è la stessa dei castighi diretti dal Cielo, di per sé, ma l'uomo essenzialmente "lo fa da solo" (allo stesso modo un genitore amorevole permetterà a un bambino persistente di "toccare la stufa" per avvertirlo del pericolo):

Dio manderà due punizioni: una sarà sotto forma di guerre, rivoluzioni e altri mali; deve provenire dalla terra. L'altro verrà inviato dal Cielo. —Benedetta Anna Maria Taigi, Profezia cattolica, Pag.76

Ciò è stato previsto anche nelle apparizioni approvate a Fatima:

[La Russia] diffonderà i suoi errori in tutto il mondo, causando guerre e persecuzioni contro la Chiesa. Il bene sarà martirizzato; il Santo Padre avrà molto da soffrire; varie nazioni saranno annientate. —Dal terzo segreto di Fatima, Il messaggio di Fatima, vaticano.va

Dal punto di vista del papato, questi non sono semplici scontri della volontà umana, ma un lungo piano diabolico radicato nelle "società segrete" per rovesciare l'attuale ordine:

In questo periodo, tuttavia, i partigiani del male sembrano unirsi insieme e lottare con la veemenza unita, guidati o assistiti da quell'associazione fortemente organizzata e diffusa chiamata Massoni. Non stanno più nascondendo alcun segreto sui loro scopi, ora si stanno coraggiosamente ribellando contro Dio stesso ... ciò che è il loro scopo ultimo si costringe a vedere - vale a dire, il totale rovesciamento di tutto l'ordine religioso e politico del mondo che l'insegnamento cristiano ha prodotto e la sostituzione di un nuovo stato delle cose in conformità con le loro idee, di cui le basi e le leggi devono essere tratte dal semplice naturalismo. —POPE LEONE XIII, Genere Humanum, Enciclica sulla massoneria, n. 10, 20 aprile 1884

È...

... lo spirito del cambiamento rivoluzionario che da tempo disturba le nazioni del mondo ... —POPE LEO XIII, Lettera enciclica Rerum Novarum: loc. cit., 97.

Infine, San Giovanni si riferisce a questi sconvolgimenti come contenuti nei "sigilli" che devono essere aperti dall '"Agnello che fu ucciso" ...

Guarda:

Ascolta:

Le note

Le note

1 Rev 12: 1

Il primo sigillo

I dolori del travaglio iniziano con il Primo sigillo:

Poi ho visto mentre l'Agnello apriva il primo dei sette sigilli e ho sentito una delle quattro creature viventi gridare con una voce come un tuono: "Vieni avanti". Ho guardato, e c'era un cavallo bianco, e il suo cavaliere aveva un arco. Gli fu data una corona e uscì vittorioso per favorire le sue vittorie. (6: 1-2)

Questo Cavaliere, secondo la Sacra Tradizione, è il Signore stesso.

È Gesù Cristo. L'evangelista ispirato [St. Giovanni] non solo vide la devastazione provocata dal peccato, dalla guerra, dalla fame e dalla morte; vide anche, in primo luogo, la vittoria di Cristo.—POPE PIUS XII, Discorso, 15 novembre 1946; nota in calce di La Bibbia della Navarra, "Apocalisse", p.70

Nell' Commentario della Bibbia cattolica di Haydock (1859) seguendo la traduzione latino-inglese di Douay-Reims, dice:

Un cavallo bianco come i conquistatori solevano cavalcare in un solenne trionfo. Questo è comunemente inteso come il nostro Salvatore, Cristo, che, da solo e dai suoi apostoli, predicatori, martiri e altri santi, ha trionfato su tutti gli avversari della sua Chiesa. Lui aveva un arco nella sua mano, la dottrina del Vangelo, perforando come una freccia il cuore degli ascoltatori; e il corona dato a lui, era un segno della vittoria di chi uscì conquistare, per poter conquistare ... Gli altri cavalli che seguono rappresentano i giudizi e le punizioni, che dovevano cadere sui nemici di Cristo e della sua Chiesa ...

Nel 1917 a Fatima, i tre bambini videro un angelo con una "spada fiammeggiante" sul punto di colpire la terra ... ma poi apparve la nostra Beata Madre e la luce che emanava da lei (cioè la sua intercessione) fermò l'angelo, che poi pianse su "Penitenza, penitenza, penitenza!" Con ciò, il mondo entrò in un "tempo di misericordia" definitivo. Santa Faustina scrive diversi anni dopo:

Vidi il Signore Gesù, come un re in grande maestà, guardando giù sulla nostra terra con grande severità; ma a causa dell'intercessione di sua madre Prolungò il tempo della sua misericordia... [Gesù disse:] Ho l'eternità per punire [questi], e così sto prolungando il tempo della misericordia per amore dei [peccatori]. Ma guai a loro se non riconoscono questo tempo della Mia visita ... Che i più grandi peccatori ripongono la loro fiducia nella Mia Misericordia ... Scrivi: prima di venire come Giudice giusto, spalanco prima la porta della Mia Misericordia. Chi rifiuta di passare per la porta della Mia misericordia deve passare per la porta della Mia giustizia ... —Divina Misericordia nell'anima mia, Diario di Santa Faustina, n. 1160, 1261, 1146

... ascolta la voce dello Spirito che parla a tutta la Chiesa del nostro tempo, che è il tempo della misericordia. —POPE FRANCIS, Città del Vaticano, 6 marzo 2014, vaticano.va

Quindi, le "vittorie" più significative sono quelle attraverso lo sfogo della Divina Misericordia mentre il Signore cerca di raccogliere quante più anime possibile attraverso la porta della Misericordia. Inoltre, abbiamo visto la diffusione della devozione mariana e la continua presenza della Madonna nelle sue apparizioni, i frutti del Rinnovamento Carismatico, che è stato benedetto da quattro papi, la nascita di migliaia di apostolati laici, il nuovo movimento di apologetica ha portato in gran parte da EWTN in tutto il mondo di Madre Angelica, il potente pontificato di Giovanni Paolo II che ci ha dato il Catechismo della Chiesa Cattolica, la "Teologia del corpo" e, in particolare, un esercito di giovani testimoni autentici durante le sue Giornate mondiali della gioventù.

Apertura del primo sigillo, [St. Giovanni] dice di aver visto un cavallo bianco e un cavaliere incoronato con un arco ... Ha inviato lo Spirito Santo, le cui parole i predicatori hanno inviato come frecce che raggiungono l'umano cuore, affinché possano superare l'incredulità. -St. Vittorino, Commento sull'Apocalisse, Ch. 6: 1-2

Tuttavia, in questi "tempi finali", c'è un'altra notevole rivelazione strettamente correlata alla Divina Misericordia che si lega alle immagini di San Giovanni di questo cavaliere che indossa una corona (vedi Le note divine). E questo è il messaggio del "dono di vivere nella Divina Volontà" -il "la corona e il completamento di tutte le altre santità" - impartito da Gesù alla Serva di Dio Luisa Piccarreta. Come il Commento biblico della Navarra dice di questo cavaliere sul cavallo bianco:

Il colore bianco simboleggia l'appartenenza alla sfera celeste e l'aver vinto la vittoria con l'aiuto di Dio. La corona che gli viene data ... farebbe riferimento alla vittoria del bene sul male; e l'arco indica la connessione tra questo cavallo e gli altri tre: questi ultimi saranno, per così dire, le frecce sciolto da lontano per attuare i piani di Dio. -Il libro dell'Apocalisse, p. 70

In altre parole, arrivano le vittorie della Divina Misericordia e della Divina Volontà da molto lontano e vengono infine portati a buon fine attraverso le "doglie" dei seguenti sigilli. Le rivelazioni di Gesù a Luisa riguardano anche il Re e la venuta del Suo "Regno della Divina Volontà", che regnerà "Sulla terra com'è in cielo". Si riferisce spesso alla conoscenza della Divina Volontà come alle "freccette" e alle "frecce" di Cristo, come in questo bellissimo appello per il suo regno a venire:

O santa Volontà, possano i tuoi raggi luminosi scatenare le frecce della tua conoscenza! Rivela a tutto il tuo desiderio di venire e renderci felici - non con una felicità puramente umana, ma con una divina - per darci l'autocontrollo che una volta possedevamo, ma che avevamo perso e la luce interiore che ci rivela la vera benedizione che riceviamo nel possesso della tua Volontà, poiché ci rende stabili e forti con una forza e stabilità divina, e il vero male che deriva dal rigettarlo ... Pertanto ti prego di scrivere attraverso la mia mano tutta la conoscenza che hai rivelato a me sulla tua Divina Volontà. Possa ogni parola, espressione, effetto e conoscenza che ne deriva, essere per coloro che leggono, amando i dardi e le frecce che, ferendoli, possono farli cadere ai tuoi piedi per accoglierti a braccia aperte e permetterti di regnare nei loro cuori . —Servente di Dio Luisa Piccaretta di L'appello della figlia

Il tuo gioco è formare l'amore le frecce, freccette e giavellotti e, con questi, trafiggono i loro cuori, il che ti fa rallegrare. -a partire dal Libro di preghiere della Divina Volontà, 24 ore della Passione, p. 325-326

Tuttavia, per coloro che non sono pentiti, le freccette dell'amore di Dio diventano frecce di giustizia:

Se uno non si pente, Dio affila la spada, stringe e prepara l'arco, prepara i suoi alberi mortali, fa scoccare frecce fulminanti. (Salmo 7: 13-14)

Alla luce di ciò, è il Signore a capo della Tempesta attraverso la rottura del Primo Sigillo, rivendicando "vittorie" per il formazione che collaborano con noi, attingono direttamente dalla storia e dalla tradizione veneziana per poi preparazione di un residuo da passare dall'altra parte della purificazione, così come Noè e la sua famiglia.

Guarda:

Ascolta:

Il secondo sigillo

Quando aprì il secondo sigillo, udii la seconda creatura vivente gridare: "Vieni avanti". Ne uscì un altro cavallo, uno rosso. Al suo cavaliere fu dato il potere di togliere la pace dalla terra, in modo che le persone si massacrassero a vicenda. E gli fu data un'enorme spada. (Ap 6: 3-4)

Il secondo sigillo è un evento o una serie di eventi che, secondo San Giovanni, "Togli la pace dalla terra, in modo che le persone si massacrino a vicenda". Considera gli eventi del 911 e ciò che seguì. Papa Giovanni Paolo II fortemente avvertito che l'America dovrebbe non ricorrere alla guerra, così come la Conferenza episcopale degli Stati Uniti:

Con la Santa Sede e i vescovi del Medio Oriente e di tutto il mondo, temiamo che il ricorso alla guerra, nelle circostanze attuali e alla luce delle attuali informazioni pubbliche, non soddisferebbe le rigide condizioni dell'insegnamento cattolico per scavalcare la forte presunzione contro l'uso della forza militare. —Stazione sull'Iraq, 13 novembre 2002, USCCB

Si stima che quella guerra abbia ucciso oltre un milione di persone.[1]secondo il Opinion Research Business (ORB) del 2007 sondaggio Nel vuoto delle conseguenze, i gruppi terroristici al Qaeda e infine l'ISIS salirono al potere producendo una "guerra al terrorismo" senza fine. Ciò ha anche generato innumerevoli morti in tutto il mondo poiché vari paesi, specialmente in Medio Oriente, sono stati immersi in guerra, le cellule terroristiche e gli attacchi si sono moltiplicati, i cristiani sono stati cacciati dalle loro case e terre e le loro chiese bruciate, milioni di rifugiati hanno allagato e le nazioni occidentali destabilizzate, mentre le libertà fondamentali vengono sempre più violate in nome della "sicurezza". In altre parole, ha immerso il il mondo intero in guerra:

Ciò che mi ha colpito di recente - e ci penso molto - è che finora nelle scuole ci hanno insegnato le due guerre mondiali. Ma quello che è appena scoppiato, credo, dovrebbe anche essere descritto come una "guerra mondiale", perché il suo impatto tocca davvero tutto il mondo. —Il cardinale Roger Etchegaray, inviato di Papa Giovanni Paolo II in Iraq; Catholic News, 24 marzo 2003

La guerra è una follia… anche oggi, dopo il secondo fallimento di un'altra guerra mondiale, forse si può parlare di una Terza Guerra, combattuta a pezzi, con crimini, massacri, distruzioni… L'umanità ha bisogno di piangere, e questo è il momento di piangere. —POPE FRANCIS, 13 settembre 2015; BBC.com

[Nota in calce: Se il Secondo Sigillo è una spada per togliere la pace dalla terra, non si può fare a meno di riflettere sulle origini di Covid-19, il "coronavirus". Mentre alcuni scienziati nel Regno Unito affermano che Covid-19 proviene da origini naturali,[2]nature.com un nuovo documento di La University of Technology della Cina meridionale afferma che "il coronavirus killer probabilmente proviene da un laboratorio di Wuhan".[3]16 febbraio 2020; dailymail.co.uk All'inizio di febbraio 2020, il Dr. Francis Boyle, che ha redatto il "Biological Weapons Act" degli Stati Uniti, ha rilasciato una dichiarazione dettagliata ammettendo che il Wuhan Coronavirus del 2019 è un'arma offensiva di guerra biologica e che l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) già lo sa.[4]zerohedge.com Un analista israeliano di guerra biologica ha detto la stessa cosa.[5]26 gennaio 2020; washingtontimes.com La professoressa Luc Montagnier, vincitrice del premio Nobel per la medicina nel 2008 e l'uomo che ha scoperto il virus HIV nel 1983, afferma che SARS-CoV-2 è un virus manipolato che è stato rilasciato accidentalmente da un laboratorio a Wuhan, in Cina.[6]gilmorehealth.com Che Covid-19 sia un'arma biologica o di origine naturale, sorge una domanda valida: questo virus è stato rilasciato da un laboratorio come un evento pianificato per far crollare l'economia mondiale? E perché l'aeroporto di Denver, in Colorado, di tutti i luoghi (noto per la sua arte apocalittica), presenta un soldato con una spada che uccide la "colomba della pace" mentre i morti giacciono attorno a lui - ed è in una maschera respiratoria?]

Detto questo, secondo diversi veggenti, c'è ancora una guerra su larga scala a venire. Questi eventi precedenti, sebbene abbiano "sguainato" la spada, possono essere solo precursori di una terza guerra mondiale.

Guarda:

Ascolta:

Le note

Le note

1 secondo il Opinion Research Business (ORB) del 2007 sondaggio
2 nature.com
3 16 febbraio 2020; dailymail.co.uk
4 zerohedge.com
5 26 gennaio 2020; washingtontimes.com
6 gilmorehealth.com

Il terzo sigillo

Quando aprì il terzo sigillo, udii la terza creatura vivente gridare: "Vieni avanti". Ho guardato, e c'era un cavallo nero, e il suo cavaliere aveva una bilancia in mano. Ho sentito quella che sembrava essere una voce in mezzo alle quattro creature viventi. Disse: “Una razione di grano costa una paga al giorno e tre razioni di orzo costano una paga al giorno. Ma non danneggiare l'olio d'oliva o il vino. " (Ap 6: 5-6)

Molto semplicemente, questo sigillo parla di iperinflazione a causa di un crollo della valuta.

Guarda:

Ascolta:

Il quarto sigillo

Quando aprì il quarto sigillo, udii la voce della quarta creatura vivente gridare: "Vieni avanti". Ho guardato, e c'era un cavallo verde pallido. Il suo cavaliere si chiamava Morte e Ade lo accompagnava. Fu dato loro l'autorità su un quarto della terra, per uccidere con la spada, la carestia e la peste, e per mezzo delle bestie della terra. (Ap 6: 7-8)

I rivoluzione globale scatenato dalla violenza, dal collasso economico e dal caos porta a massicci decessi da parte di "Spada, carestia e pestilenza". Più di un virus, che si tratti di Ebola, influenza aviaria, peste nera, H1NI, Covid-19 o "superbatteri" emergenti alla fine di questa era antibiotica, è pronto a diffondersi in tutto il mondo poiché le pandemie globali sono attese da qualche tempo. Papa Giovanni Paolo II sembrava anticipare quest'ora nel 2003:

Sono stato colpito personalmente dal sentimento di paura che spesso risiede nei cuori dei nostri contemporanei. Un terrorismo insidioso in grado di colpire in qualsiasi momento e ovunque; il problema irrisolto del Medio Oriente, con la Terra Santa e l'Iraq; le turbolenze che sconvolgono il Sud America, in particolare Argentina, Colombia e Venezuela; i conflitti che impediscono a numerosi paesi africani di concentrarsi sul loro sviluppo; le malattie che diffondono contagio e morte; il grave problema della carestia, specialmente in Africa [e ora locuste!]; il comportamento irresponsabile che contribuisce all'esaurimento delle risorse del pianeta: tutte queste sono tante piaghe che minacciano la sopravvivenza dell'umanità, la pace degli individui e la sicurezza delle società. —Indirizzo per la Diplomatic Corp, 13 gennaio 2003; vaticano.va

La carestia è il risultato del collasso economico e del crollo della catena di approvvigionamento alimentare. Ciò è solo aggravato dalla "spada", la violenza tra individui e nazioni, che facilita la rapida diffusione della malattia.

Guarda:

Ascolta:

Il quinto sigillo

Quando aprì il quinto sigillo, vidi sotto l'altare le anime di coloro che erano stati massacrati a causa della testimonianza che avevano portato alla parola di Dio. Gridarono a gran voce: "Quanto ci vorrà, santo e vero maestro, prima che ti siedi in giudizio e vendichi il nostro sangue sugli abitanti della terra?" A ciascuno di loro fu data una veste bianca, e fu detto loro di essere pazienti un po 'più a lungo fino a quando il numero fu riempito dei loro compagni di servizio e fratelli che sarebbero stati uccisi come erano stati. (Ap 6: 9-11)

San Giovanni ha una visione di "anime che erano state massacrate" che chiedono giustizia. Sorprendentemente, San Giovanni in seguito racconta coloro che vengono "decapitati" per la loro fede. Chi avrebbe mai pensato che le decapitazioni nel 21 ° secolo sarebbero state un luogo comune, come sono diventate in Medio Oriente e nel Nord Africa? Diverse organizzazioni riferiscono che, in questo momento, il cristianesimo sta subendo la sua più grande persecuzione mai nei nostri tempi, raggiungendo anche livelli "genocidi". Ma visti i precedenti sigilli e un pianeta ora spinto in un vero e proprio sconvolgimento e rivoluzione, il Quinto sigillo parla di una piccola persecuzione scoppiata contro la Chiesa, in particolare il sacerdozio. In un sogno, un sacerdote americano è stato visitato da Santa Teresa di Lisieux nel 2008. Ha detto:

Proprio come il mio paese [Francia], che era la figlia maggiore della Chiesa, uccise i suoi sacerdoti e fedeli, così anche la persecuzione della Chiesa avrà luogo nel tuo paese. Tra poco il clero andrà in esilio e non sarà in grado di entrare apertamente nelle chiese. Ministreranno ai fedeli in luoghi clandestini. I fedeli saranno privati ​​del "bacio di Gesù" [Santa Comunione]. I laici porteranno loro Gesù in assenza dei sacerdoti.

Nel gennaio 2009, pronunciando la Messa, il sacerdote ha poi ascoltato audacemente Santa Teresa ripetere il suo messaggio con più urgenza:

A breve, ciò che è accaduto nel mio paese natale, avrà luogo nel tuo. La persecuzione della Chiesa è imminente. Preparatevi.

È questo attacco contro il sacerdozio, che è un attacco contro Cristo, che "spezza" il Sesto Sigillo: a avvertimento alla terra ...

Guarda:

Ascolta:

 

Il sesto sigillo

Ci sono stati grandi eventi "prima" e "dopo" nella storia biblica che hanno cambiato il corso della vita umana sulla Terra. Il primo arrivò con la caduta, quando il paradisiaco giardino dell'Eden svanì in un mondo di lotte e vergogna. Dopo molte generazioni, il diluvio lavò via il peccato della Terra, lasciando solo una famiglia retta e coppie di animali per ripopolare la terra. Quindi si è verificato il tanto atteso e il più grande di tutti gli eventi, l'Incarnazione, cambiando marcatamente il corso dell'umanità. Dio divenne umano per salvare il suo popolo e, attraverso la sua morte e risurrezione, aprì le porte del paradiso, dando a tutti coloro che lo sceglievano un futuro ancora più glorioso dell'Eden che avevano perso.

Oggi, un altro cambiamento epocale potrebbe essere su di noi nel prossimo futuro, e la stragrande maggioranza delle persone non ne sanno nulla. Questo evento ha ricevuto numerosi titoli da santi e santi, tra cui la Madre di Dio. L'hanno chiamato l'Avvertimento, l'illuminazione della coscienza, l'illuminazione di tutte le anime, l'illuminazione di tutte le coscienze, la seconda pentecoste, la nuova pentecoste, il giudizio minore, il pre-giudizio misericordioso e il grande giorno della luce.

Cos'è questo evento? È un momento spartiacque nel tempo in cui tutta la luce del sole si estinguerà e una fitta oscurità coprirà il mondo intero. Quindi una luce brillante, proprio come due stelle in collisione, apparirà nel cielo, lasciandosi dietro un segno di Gesù Cristo, trionfante sulla croce, visibile a tutti nella sua gloria. Dai buchi delle ferite nel suo corpo, i raggi luminosi brilleranno, illuminando la Terra - e allo stesso tempo, trafiggerà ogni anima, illuminando la coscienza di tutti. Tutti vedranno i loro peccati passati e le conseguenze di quei peccati, indipendentemente dal fatto che credano nell'esistenza di Dio.

L'Avvertimento sarà il più grande atto di misericordia per l'umanità da quando Gesù venne sulla Terra. Sarà globale e intimamente personale. Sarà una correzione di coscienza per un mondo smarrito. (Tratto dall'introduzione del libro: L'avvertimento: testimonianze e profezie dell'illuminazione della coscienza.)

 

 

L'avviso

I primi cinque sigilli portano la Chiesa e il mondo a un punto di preparazione e anarchia. Per quanto più si avvicina l'occhio di un uragano, tanto più intensi e violenti diventano i venti, finché si raggiunge il loro culmine alla parete dell'occhio.

Il sesto sigillo:

Poi ho visto mentre apriva il sesto sigillo e c'era un forte terremoto; il sole diventò nero come un sacco scuro e l'intera luna divenne come sangue. Le stelle nel cielo caddero sulla terra come fichi acerbi scossi dall'albero in un forte vento. Quindi il cielo fu diviso come una pergamena strappata che si rannicchiava e ogni montagna e isola veniva spostata dal suo posto. I re della terra, i nobili, gli ufficiali militari, i ricchi, i potenti e tutti gli schiavi e le persone libere si nascondevano nelle caverne e tra le falesie di montagna. Gridarono alle montagne e alle rocce: “Cadici su di noi e nascondici dalla faccia di colui che siede sul trono e dall'ira dell'Agnello, perché è giunto il grande giorno della loro ira e chi può resistere ?” (Ap 6: 12-17)

Il Sesto Sigillo è rotto: un terremoto globale, a Grande agitazione si verifica quando i cieli vengono staccati e il giudizio di Dio è percepito nell'anima di tutti, sia re che generali, ricchi o poveri. Cosa hanno visto che li ha fatti gridare alle montagne e alle rocce?

Cadi su di noi e nascondici dalla faccia di Colui che è seduto sul trono e dall'ira dell'Agnello; poiché il grande giorno della loro ira è arrivato, e chi può resistere davanti ad esso? (Ap 6: 15-17)

Se torni indietro di un capitolo, troverai la descrizione di San Giovanni di questo Agnello:

Ho visto un Agnello in piedi, come se fosse stato ucciso ... (Ap 5: 6)

Cioè, lo è Cristo crocifisso. Questa incredibile vista accompagnata da una luce interiore farà sentire collettivamente agli abitanti della terra come se fossero entrati nel loro giudizio particolare (da qui il senso di "ira"). È un avviso che il mondo è arrivato alla soglia del Giorno del Signore.

Prima di venire come giusto giudice, vengo prima come re della misericordia. Prima che arrivi il Giorno della Giustizia, ci sarà dato alle persone un segno nei cieli di questo tipo: tutta la luce nei cieli si estinguerà e ci sarà grande oscurità su tutta la terra. Quindi il segno della croce sarà visto nel cielo e dalle aperture in cui sono state inchiodate le mani e i piedi del Salvatore emetteranno grandi luci che illumineranno la terra per un periodo di tempo. Ciò avverrà poco prima dell'ultimo giorno. —Gesù a Santa Faustina, Diario della Divina Misericordia, Diario, nf. 83

Qui sarebbe opportuno includere la visione dell'Avvertimento da parte di un veggente americano Jennifer a cui Gesù avrebbe detto, "Bambina Mia, sei l'estensione del Mio messaggio della Divina Misericordia":

Il cielo è scuro e sembra che sia notte, ma il mio cuore mi dice che è un pomeriggio. Vedo il cielo aprirsi e posso sentire lunghi, tirati fuori battiti di tuono. Quando alzo lo sguardo vedo Gesù sanguinare sulla croce e le persone cadono in ginocchio. Gesù allora mi dice "Vedranno la loro anima come la vedo io." Riesco a vedere le ferite così chiaramente su Gesù e poi dice: "Vedranno ogni ferita che hanno aggiunto al Mio Santissimo Cuore." A sinistra vedo la Beata Madre piangere e poi Gesù mi parla di nuovo e dice: “Preparati, preparati ora perché il tempo si avvicina presto. Bambina mia, prega per le molte anime che periranno a causa delle loro vie egoiste e peccaminose ”. Mentre alzo lo sguardo, vedo le gocce di sangue cadere da Gesù e colpire la terra. Vedo milioni di persone provenienti da nazioni di tutte le terre. Molti sembravano confusi mentre guardavano verso il cielo. Gesù dice “Sono alla ricerca della luce perché non dovrebbe essere un tempo di oscurità, tuttavia è l'oscurità del peccato che copre questa terra e l'unica luce sarà quella di cui vengo, poiché l'umanità non si rende conto del risveglio che è sta per essere conferito a lui. Questa sarà la più grande purificazione dall'inizio della creazione ".

Altri profeti hanno predetto l'Avvertimento. Già nel 1500, St. Edmund Campion dichiarò:

Ho dichiarato un grande giorno ... in cui il terribile giudice dovrebbe rivelare le coscienze di tutti gli uomini e mettere alla prova ogni uomo di ogni tipo di religione. Questo è il giorno del cambiamento, questo è il Grande Giorno che ho minacciato, comodo per il benessere e terribile per tutti gli eretici. —Cobett's Complete Collection of State Trials, Vol. P. 1063

Le sue parole risuonavano in quello che in seguito avrebbe detto la Serva di Dio Maria Esperanza:

Le coscienze di queste persone amate devono essere scosse violentemente in modo che possano "mettere in ordine la loro casa" ... Si avvicina un grande momento, un grande giorno di luce ... è l'ora della decisione per l'umanità. -Anticristo e la fine dei tempi, P. Joseph Iannuzzi, P. 37

È il momento in cui molti figli e figlie prodigo, vedendosi in ginocchio nella "scia di maiale del peccato", avranno l'opportunità di tornare alla casa del Padre e passare attraverso la "porta della misericordia" prima che inizi a vicino. Dio Padre darà anche al peccatore più indurito la migliore opportunità possibile di pentirsi in modo da baciarli, avvolgerli con le braccia nell'amore e vestirli con dignità.

Per poco tempo dopo l'Avvertimento, Satana sarà tenuto a bada in modo che le persone possano fare una scelta completamente libera, libera dalla tentazione, una scelta a favore o contro Dio. È una grazia meritata per intercessione della Beata Madre che, avendo unito la propria sofferenza a quella di Cristo, porta a compimento la profezia di San Luca:

... tu stesso una spada ti trafiggerà in modo che i pensieri di molti cuori possano essere rivelati. (Luca 2: 35)

Santa Faustina Kowalska e molte altre anime hanno sperimentato un'illuminazione così personale della loro coscienza: persone che furono improvvisamente portate a vedere una revisione della vita e lo stato delle loro anime contro la loro volontà (vedi L'avvertimento: testimonianze e profezie dell'illuminazione della coscienza). Nel suo diario, Santa Faustina ha scritto:

All'improvviso vidi la condizione completa della mia anima come Dio la vede. Ho potuto vedere chiaramente tutto ciò che è dispiaciuto a Dio. Non sapevo che anche le più piccole trasgressioni dovessero essere prese in considerazione. Che momento! Chi può descriverlo? Stare davanti al Dio tre volte santo! -Divina Misericordia nella mia anima, diario, n. 36

In quanto tale, questa Illuminazione collettiva e universale è un'opportunità per le anime individuali, improvvisamente immerse nella luce della verità, o di scegliere Dio e seguire la Sua Divina Volontà, o di respingerla. Quindi, immediatamente dopo l'avvertimento, il sigillo finale viene rotto ...

Guarda:

Ascolta:

Il settimo sigillo

Con la rottura del Sesto Sigillo e l'illuminazione universale della coscienza, l'umanità sarà giunta all'occhio della tempesta: una pausa nel caos; una cessazione dei venti distruttivi e un diluvio di luce divina nel mezzo di una grande oscurità. Del settimo sigillo, San Giovanni scrive:

Quando aprì il settimo sigillo, ci fu silenzio in cielo per circa mezz'ora. (Ap 8: 1)

È l'ora della decisione. Secondo i mistici, Dio concederà un Recupero - alcuni mistici dicono solo settimana—Quando il diavolo sarà trattenuto o "accecato", e le persone avranno la completa libertà di scegliere o rifiutare Dio.

Per superare gli enormi effetti delle generazioni di peccato, devo inviare il potere di sfondare e trasformare il mondo. Ma questo aumento di potere sarà scomodo, persino doloroso per alcuni. Ciò farà sì che il contrasto tra oscurità e luce diventi ancora maggiore. —Dio Padre presumibilmente a Barbara Rose Centilli, il 16 febbraio 1998, Il miracolo dell'illuminazione della coscienza del Dr. Thomas W. Petrisko, p. 53

Secondo il mistico ed esorcista, p. Michel Rodgrigue, questa grazia si tradurrà in un momento potente di guarigione e liberazione:

Dopo l'illuminazione della coscienza, un altro dono impareggiabile sarà concesso all'umanità: un periodo di pentimento che dura circa sei settimane e mezzo, quando il diavolo non avrà il potere di agire. Ciò significa che tutti avranno il loro libero arbitrio per prendere una decisione a favore o contro il Signore. Il diavolo non vincolerà la volontà di una persona e combatterà contro di lui o lei. Il Signore calmerà le passioni di tutti e placherà i loro desideri. Guarirà tutti dalla distorsione dei loro sensi, quindi dopo questa Pentecoste, tutti sentiranno che i loro interi corpi sono in armonia con Lui.

Questo "dono senza pari", secondo le rivelazioni approvate a Elizabeth Kindelmann, è la "Fiamma dell'amore" del Cuore Immacolato di Nostra Signora.

Il Signore Gesù ... mi ha parlato a lungo del tempo della grazia e dello Spirito dell'Amore abbastanza paragonabili alla prima Pentecoste, inondando la terra con il suo potere. Questo sarà il grande miracolo che attirerà l'attenzione di tutta l'umanità. Tutto ciò è l'effusione dell'effetto della grazia della Fiamma dell'Amore della Beata Vergine. La terra è stata coperta dalle tenebre a causa della mancanza di fiducia nell'anima dell'umanità e quindi sperimenterà una grande scossa. In seguito, la gente crederà ... "nulla di simile è successo da quando la Parola è diventata carne". —Elizabeth Kindelmann, The Flame of Love of the Immaculate Heart of Mary: The Spiritual Diary (Edizione Kindle, Loc. 2898-2899); approvato nel 2009 dal cardinale Péter Erdö cardinale, primate e arcivescovo. Nota: Papa Francesco ha impartito la sua Benedizione Apostolica sulla Fiamma dell'Amore del Cuore Immacolato di Maria il 19 giugno 2013

È una luce che accecherà Satana:

La luce soffusa della mia Fiamma d'Amore si accenderà diffondendo il fuoco su tutta la superficie della terra, umiliando Satana rendendolo impotente, completamente disabile. Non contribuire a prolungare i dolori del parto. —La nostra signora a Elizabeth Kindelmann, Ibid., P. 177

Questo "esorcismo del drago" è ciò per cui la Chiesa ha pregato da quando Papa Leone XIII ha composto la sua preghiera a San Michele Arcangelo, che è ancora recitato dopo la Messa in alcuni luoghi. Vediamo questa scena in Apocalisse 12 mentre Satana attacca la Donna vestita di sole che lavora per questo parto di suo Figlio nelle anime:

La guerra scoppiò in cielo; Michele e i suoi angeli hanno combattuto contro il drago. Il drago e i suoi angeli reagirono, ma non prevalsero e non c'era più posto per loro in paradiso. L'enorme drago, l'antico serpente, che è chiamato il Diavolo e Satana, che ha ingannato il mondo intero, è stato gettato sulla terra, e i suoi angeli sono stati buttati giù con esso. (Ap 12: 7-9)

"Cielo" qui può essere inteso sia come "dominio spirituale" sulla terra (come nei cieli) ma soprattutto la Chiesa. Come scrive San Gregorio:

Il cielo è la Chiesa, che nella notte di questa vita presente, mentre possiede in sé le innumerevoli virtù dei santi, brilla come le stelle celesti radianti; ma la coda del drago spazza le stelle sulla terra (Ap 12: 4) .... Le stelle che cadono dal cielo sono quelle che hanno perso la speranza nelle cose celesti e bramano, sotto la guida del diavolo, la sfera della gloria terrena. -Moralia, 32, 13; La Bibbia della Navarra; vedi anche Quando le stelle Fall di Mark Mallett

Quindi, questa è una purificazione ed "esorcismo" di Satana principalmente dalla Chiesa. Questo scontro spirituale si svolge poco prima dell'ascesa dell'Anticristo. Porta a compimento particolare il Trionfo del Cuore Immacolato mentre stabilisce, inizialmente, il regno del Regno della Divina Volontà entro i cuori dei fedeli.

Lo Spirito Santo verrà per stabilire il glorioso regno di Cristo e sarà un regno di grazia, di santità, di amore, di giustizia e di pace. Con il suo amore divino, aprirà le porte dei cuori e illuminerà tutte le coscienze. Ogni persona si vedrà nel fuoco ardente della divina verità. Sarà come un giudizio in miniatura. E poi Gesù Cristo porterà il suo regno glorioso nel mondo. -Fr. Stefano Gobbi, Ai sacerdoti, amati figli della Madonna, 22 maggio 1988 (con imprimatur)

Quindi, San Giovanni scrive che i fedeli esclamano:

Ora hanno la salvezza e il potere, e il regno del nostro Dio e l'autorità del suo Unto. Poiché l'accusatore dei nostri fratelli viene scacciato, chi li accusa davanti al nostro Dio giorno e notte. Lo conquistarono con il sangue dell'Agnello e con la parola della loro testimonianza; l'amore per la vita non li ha dissuasi dalla morte. Perciò rallegrati, cieli, e tu che abiti in loro. Ma guai a te, terra e mare, perché il Diavolo è sceso da te con grande furia, perché sa di aver avuto poco tempo. (Ap 12: 10-12)

In altre parole, il recupero è breve; l'Occhio della Tempesta sta passando e l'ultima metà della Grande Tempesta arriva rapidamente.

Poi ho visto un altro angelo salire dal sorgere del sole, con il sigillo del Dio vivente, e chiamò a gran voce i quattro angeli a cui era stato dato il potere di danneggiare la terra e il mare: “Non danneggiare la terra o il mare o gli alberi finché non mettiamo il sigillo sul fronte dei servi del nostro Dio ". (Rivelazione 7: 2)

L'angelo sale da "il sorgere del sole", una biblica che prefigura che è arrivata la pre-alba del Giorno del Signore, che sorge come la "stella del mattino" nei cuori dei fedeli. Secondo p. Michel, le prime due settimane e mezzo dopo l'Avvertimento, in particolare, sarà estremamente importante perché il diavolo non tornerà in quel momento, ma volontà delle personee saranno quindi più difficili da convertire. Tutti coloro che hanno ricevuto il desiderio del Signore, la sensazione di aver bisogno della sua salvezza, saranno segnati sulla loro fronte con una croce luminosa (invisibile all'occhio umano) dal loro angelo custode ”. [1]Da L'avviso, P. 283 Questo è il motivo per cui la Madonna ha supplicato i fedeli rimanenti di prepararsi per questo tempo con le loro preghiere e il digiuno in modo che possano essere "apostoli dell'amore" in questa ora importante, accogliendo i prodigi di nuovo nell'ovile di Dio.

Ma prima che colpisca di nuovo l'occhio della Tempesta, Dio farà un "ultimo sforzo" per convincere il non pentito prima che la Porta della Giustizia si apra ... è un segno visibile che Dio esiste.

I miracoli

È stato profetizzato che a volte dopo l'Avvertimento, grandi miracoli, probabilmente di natura molto simile, appariranno in tre siti di apparizione mariani, forse di più. Quelli che ci saranno rivelati almeno saranno a Garabandal, in Spagna; Medjugorje, Bosnia Erzegovina; e a Città del Messico sulla tilma di Nostra Signora di Guadalupe.

A Garabandal:

Molti dettagli sono stati dati ai visionari di Garabandal riguardo alla natura esatta del miracolo lì. Dicono che verrà direttamente da Dio e non lascerà dubbi sulla sua natura divina. Apparirà dove iniziarono le apparizioni della Madonna, ai "pini", e sarà visibile a tutti nel villaggio di Garabandal e sulle montagne circostanti. Il miracolo potrà essere trasmesso, fotografato e toccato, ma non sentito. In sua presenza, i malati saranno guariti, gli increduli crederanno e molti peccatori si convertiranno. Accadrà un giovedì sera alle 8:30 (nel fuso orario della Spagna) nel giorno della festa di un giovane martire maschio dell'Eucaristia che non è spagnolo, tra l'8 e il 16 dei mesi di marzo, aprile o maggio , entro un anno dall'avvertimento, e coincide con un evento grande e raro nella Chiesa. Il visionario Conchita rivelerà al mondo la notizia del segno otto giorni prima della sua apparizione e rimarrà fino alla fine dei tempi.

A Città del Messico:

In un messaggio del 25 settembre 2017, Gesù ha detto alla veggente, Luz de Maria de Bonilla: “Pregate, figli miei, pregate per il Messico, terra di Mia Madre, dove è viva e palpitante, dove ai suoi piedi, uomini di la pace e la buona volontà devono crescere. Mia madre, nell'invocazione di Guadalupe, è la donna vestita di sole. È la Madre di questi ultimi giorni. Contiene il balsamo per il culmine della purificazione dell'umanità. La tilma, su cui si troverà Mia Madre, sarà un segno per l'umanità, con una grande manifestazione che il Mio popolo non si aspetta e che sorprenderà l'intera umanità. Sarà visibile a tutti e corroborato dalla scienza.

A Medjugorje:

Il terzo segreto di Medjugorje (su dieci segreti da svelare) sarà un segno permanente, bello e indistruttibile, e tutti coloro che verranno a Medjugorje potranno vederlo su Apparition Hill, dove la Madonna apparve per la prima volta lì. La Madonna disse del miracolo: “Sbrigati e convertiti. Quando verrà dato il segno promesso sulla collina, sarà troppo tardi. " Un'altra volta, ha anche detto: “E anche dopo aver lasciato questo segno sulla collina, che ti ho promesso, molti non ci crederanno. Verranno sulla collina, si inginoccheranno, ma non crederanno. " (Messaggio di Medjugorje del 19 luglio 1981) Dopo il segno permanente, ci sarà poco tempo per la conversione. Il visionario di Medjugorje, Vicka, a cui è stato mostrato il segno in una visione, ha dichiarato in un'intervista a Padre Livio il 2 gennaio 2008 su Radio Maria: “Viene dato soprattutto a quelle persone che sono ancora lontane da Dio. La Madonna desidera dare a queste persone che vedranno il segno la possibilità di credere in Dio ”.

Dopo i Miracoli, la luce inizia a svanire, l'Occhio della Tempesta passa e i venti iniziano a soffiare di nuovo violentemente, all'inizio, spiritualmente in un potente inganno che riunirà coloro che hanno rifiutato la grazia dell'illuminazione nel regno delle tenebre, dell'Anticristo:

... colui che viene dal potere di Satana in ogni potente azione e in segni e prodigi pretesi, e in ogni inganno malvagio per coloro che stanno morendo perché non hanno accettato l'amore della verità in modo che possano essere salvati. Pertanto, Dio sta inviando loro un potere ingannevole in modo che possano credere alla menzogna, affinché tutti coloro che non hanno creduto alla verità ma hanno approvato la trasgressione possano essere condannati. (2 Tess 2: 9-11)

Guarda:

Ascolta:


Le note

Le note

1 Da L'avviso, P. 283

Le porte divine

Nella Divina Liturgia dei riti orientali, c'è un momento in cui il diacono grida: "Le porte, le porte! In Saggezza, cerchiamo di essere attenti!" Nei tempi antichi, coloro che non erano stati battezzati venivano costretti a lasciare il santuario e le porte della chiesa venivano chiuse e bloccate. Il Credo e l'Eucaristia a seguire rappresentavano entrambi la Comunione e la comunione dell'umanità restaurata.[1]cf. "In Wisdom Be Attentive" di Henry Karlson, 18 giugno 2009

Questo è un potente simbolo delle porte divine che si libra sopra l'Occhio della Tempesta ...

La porta della misericordia

La nostra linea temporale inizia con il "tempo della misericordia" che Gesù annunciò a Santa Faustina:

Prima di venire come giusto giudice, apro la porta della mia misericordia. Chi rifiuta di attraversare la porta della Mia misericordia deve passare attraverso la porta della Mia giustizia ... Sto prolungando il tempo della misericordia per amore dei [peccatori]. -Divina Misericordia nella mia anima, diario, Gesù a Santa Faustina, n. 1146

Questa apertura della "porta della misericordia" prima della rottura dei sigilli è vista nella Rivelazione di San Giovanni quando viene portato in Paradiso attraverso un porta aperta:

Dopo ciò ho avuto la visione di una porta aperta verso il paradiso e ho sentito la voce simile a una tromba che mi aveva parlato prima, dicendo: "Vieni qui e ti mostrerò cosa deve succedere dopo." (Ap 4: 1)

È la Porta della Misericordia, poiché al suo interno, vede San Giovanni "un agnello che sembrava essere stato ucciso" (Apocalisse 5: 6). Questo è, Gesù Cristo è risorto, pur portando le sue sacre ferite—questo Agnello che si manifesterà nel Sesto Sigillo quando ...

... ogni occhio lo vedrà, anche quelli che lo hanno trafitto. Tutti i popoli della terra lo piangeranno. (Ap 1: 7)

"Dalle ferite nelle mani, nei piedi e nei lati di Gesù, raggi luminosi di amore e misericordia cadranno su tutta la Terra e tutto si fermerà", dice il mistico P. Michel Rodrigue . "I raggi splendenti delle ferite di Gesù perforeranno ogni cuore, come lingue di fuoco, e ci vedremo come in uno specchio di fronte a noi." Ciò che provoca il "lamento", Gesù rivelò al veggente Jennifer , non è la vista delle sue ferite, "è la profondità dell'anima che sa che li ha collocati lì. Non è la vista del sanguinamento delle mie ferite che causa la loro sofferenza; è sapere che il rifiuto di me da parte dell'uomo ha fatto sanguinare le mie ferite." [2]vedere Jennifer - Visione dell'Avvertimento

Mentre Dio "la misericordia dura per sempre" (Sal 107: 1), il "tempo" della misericordia no. Questo avvertimento è il dono finale di Dio all'umanità prima che Lui, il Creatore dell'universo, eserciti il ​​suo diritto divino di portare a compimento il piano di salvezza e la sua creazione allo scopo per il quale è stato creato - e giudicare coloro che si oppongono a questo.

Ma non ignorare questo unico fatto, amato, che un giorno con il Signore è come mille e mille anni come un giorno. Il Signore non ritarda la sua promessa, poiché alcuni considerano il "ritardo", ma è paziente con te, non desiderando che qualcuno perisca, ma che tutti giungano al pentimento. Ma il giorno del Signore verrà come un ladro ... (2 Peter 2: 8-10)

Ciò che viene "come un ladro" è l'Avvertimento. Annuncia l'arrivo del "giorno del Signore". San Giovanni registra il lamento che riecheggia nel mondo:

Gridarono alle montagne e alle rocce: “Cadici su di noi e nascondici dalla faccia di colui che siede sul trono e dall'ira dell'Agnello, perché è giunto il grande giorno della loro ira e chi può resistere ?” (Ap 6: 16-17)

Con ciò, la Porta della Giustizia si apre ... e la Porta della Misericordia inizia a chiudersi. Secondo P. Michel Rodrigue , l'umanità sarà data solo settimana prima che l'Occhio della Tempesta passi. "È l'ora della decisione per l'umanità" dichiarò la Serva di Dio Maria Esperanza.[3]Anticristo e la fine dei tempi, Rev. Giuseppe Iannuzzi, p. 37 È il "Grande Giorno", ha detto St. Edmund Campion ...

... in cui il terribile giudice dovrebbe rivelare la coscienza di tutti gli uomini e provare ogni uomo di ogni tipo di religione. Questo è il giorno del cambiamento, questo è il Grande Giorno che ho minacciato, comodo per il benessere e terribile per tutti gli eretici.  -Collezione completa di prove statali di Cobett..., vol. Io, p. 1063.

Prevedendo questa "apertura spalancata" della Porta della Misericordia che è "più spaziosa alla fine di un millennio" e il scegliere che devi obbligatoriamente fatto passare attraverso di essa o no, è stata la solennità del Grande Giubileo di San Giovanni Paolo II. Spalancò le enormi porte di San Pietro, indicando profeticamente "la sorgente della vita e della speranza per il prossimo terzo millennio":

C'è solo un modo che spalanca l'ingresso nella vita di comunione con Dio: questo è Gesù, l'unica e assoluta via di salvezza. Solo a lui le parole del salmista possono essere applicate in tutta verità: "Questa è la porta del Signore dove i giusti possono entrare" (Sal 118: 20). -Incarnationus Mysterium, Bolla di indizione del Grande Giubileo dell'anno 2000, n. 8

Inoltre, San Giovanni Paolo attraversò le porte alla vigilia di Natale, il notte in cui nacque Cristo.

Voi stessi sapete molto bene che il giorno del Signore verrà come un ladro notte. (1 Tessalonicesi 5: 2)

Coloro che si sono preparati all'Avvertimento, come il saggio le vergini (e coloro che si pentono e tornano alla Casa del Padre), riceveranno il Dono della Fiamma dell'Amore, "che è Gesù Cristo stesso". [4]Gesù a Elisabetta Kindelmann, La fiamma dell'amore, p. 38; dal diario di Elizabeth Kindelmann; 1962; imprimatur Arcivescovo Charles Chaput Per quanto riguarda gli altri che rimangono non pentiti, "Chi rifiuta di passare attraverso la porta della Mia Misericordia deve passare attraverso la porta della mia giustizia ".

La soglia della speranza

Ora, possiamo vedere perché le parole con cui abbiamo iniziato sono così importanti: "Saggezza, cerchiamo di essere attenti!" Cerchiamo di essere attenti ai "segni dei tempi"! Cerchiamo di essere attenti allo stato delle nostre anime! Cerchiamo di essere attenti alle parole della profezia che si svolgono davanti ai nostri occhi! Cerchiamo di essere come le vergini sagge e preparare.[5]vedere Madonna: Preparare - Parte I In Saggezza, cerchiamo di essere attenti!

Nelle rivelazioni al Servo di Dio Luisa Piccarreta Gesù disse che, per prepararsi al Regno della Divina Volontà, bisogna esserlo "Sii fedele e attento." [6]Vol. 15, 13 febbraio 1923 Proprio come coloro che sono "non battezzati" non possono rimanere nel santuario per il resto della Divina Liturgia, così anche coloro che rifiutano la Misericordia di Cristo non possono entrare nel regno eucaristico e "la comunione di umanità restaurata"che avverrà nell'era della pace.

Quindi la porta fu chiusa a chiave. Successivamente vennero le altre vergini [poco sagge] e dissero: "Signore, Signore, apri la porta per noi!" Ma lui rispose in risposta: "Amen, ti dico, non ti conosco". (Matt 25: 11-12)

Concentrarsi sulla porta è ricordare la responsabilità di ogni credente di varcare la soglia. Attraversare quella porta significa confessare che Gesù Cristo è il Signore; è rafforzare la fiducia in lui per vivere la nuova vita che ci ha dato. È una decisione che presume la libertà di scegliere e anche il coraggio di lasciare qualcosa alle spalle, nella consapevolezza che ciò che si guadagna è la vita divina (cfr Mt 13, 44-46). —POPE ST. GIOVANNI PAOLO II, Incarnationus Mysterium, Bolla di indizione del Grande Giubileo dell'anno 2000, n. 8

Leggi Le porte di Santa Faustina di Mark Mallett in "The Now Word".

 

Le note

Le note

1 cf. "In Wisdom Be Attentive" di Henry Karlson, 18 giugno 2009
2 vedere Jennifer - Visione dell'Avvertimento
3 Anticristo e la fine dei tempi, Rev. Giuseppe Iannuzzi, p. 37
4 Gesù a Elisabetta Kindelmann, La fiamma dell'amore, p. 38; dal diario di Elizabeth Kindelmann; 1962; imprimatur Arcivescovo Charles Chaput
5 vedere Madonna: Preparare - Parte I
6 Vol. 15, 13 febbraio 1923

Il giorno del Signore

Vidi il Signore Gesù, come un re in grande maestà, guardando giù sulla nostra terra con grande severità; ma a causa dell'intercessione di sua Madre, prolungò il tempo della sua misericordia ... Non voglio punire l'umanità dolorante, ma desidero guarirla, premendola sul mio Cuore misericordioso. Uso la punizione quando loro stessi mi costringono a farlo; La mia mano è riluttante ad afferrare la spada della giustizia. Prima del Giorno della Giustizia, invio il Giorno della Misericordia ... Prolungando il tempo della misericordia per amore dei [peccatori]. Ma guai a loro se non riconoscono questo momento della Mia visita ... —Gesù a Santa Faustina, Divina Misericordia nella mia anima, diario, nf. 126I, 1588, 1160

Si avvicina il giorno del Signore. Tutto deve essere preparato. Preparatevi nel corpo, nella mente e nell'anima. Purificatevi. —Dio Padre a Barbara Rose Centill, Il miracolo dell'illuminazione della coscienza del Dr. Thomas W. Petrisko, pag. 53, 16 febbraio 1998

 

Il tempo della misericordia finisce, si apre la porta della giustizia

Se attualmente viviamo in un "tempo di misericordia", ciò implica che questo "tempo" finirà. Se viviamo in un "Giorno di Misericordia", allora avrà il suo veglia prima dell'alba del "Giorno della giustizia". Il fatto che così tanti nella Chiesa desiderino ignorare questo aspetto del messaggio di Cristo attraverso Santa Faustina è un disservizio per miliardi di anime (vedi Puoi ignorare la rivelazione privata?).

Proprio come la Messa della veglia serale del sabato precede la domenica — il “giorno del Signore” — anche i fatti suggeriscono fortemente che siamo entrati nella veglia serale del Giorno della Misericordia, l'ultimo crepuscolo di questa era. Mentre guardiamo la notte dell'inganno diffondersi su tutta la terra e le opere dell'oscurità si moltiplicano: aborto, genocidio, decapitazioni, sparatorie di massa, attentati terroristici, pornografia, commercio umano, fasce sessuali infantili, ideologia di genere, malattie a trasmissione sessuale, armi di massa distruzione, tirannia tecnologica, abuso clericale, abusi liturgici, capitalismo senza restrizioni, "ritorno" del comunismo, morte della libertà di parola, brutali persecuzioni, jihad, aumento dei tassi di suicidio, pandemia e distruzione della natura e del pianeta ... non è vero? chiaro che siamo noi, non Dio, a creare un pianeta di dolori?

La domanda del Signore: "Che cosa hai fatto?", A cui Caino non può sfuggire, è rivolta anche alle persone di oggi, per far loro comprendere l'estensione e la gravità degli attacchi contro la vita che continuano a segnare la storia umana ... Chiunque attacca la vita umana , in qualche modo attacca Dio stesso. —POPE ST. GIOVANNI PAOLO II, Evangelium Vitae; n. 10

È una notte di nostra creazione. Tuttavia, proprio come i "dolori del travaglio" sono guidati dal "cavaliere su un cavallo bianco", così anche il culmine degli eventi è terminato da un Cavaliere su un cavallo bianco, Gesù Cristo, re di tutte le nazioni.

Oggi, tutto è buio, difficile, ma qualunque siano le difficoltà che stiamo attraversando, c'è solo una persona che può venire in nostro soccorso. —Cardinale Robert Sarah, intervista a Valeurs Actuelles, 27 marzo 2019; citato in All'interno del Vaticano, Aprile 2019, pag. 11

Determinato è il giorno della giustizia, il giorno dell'ira divina. Gli angeli tremano davanti a sé. Parla con le anime di questa grande misericordia mentre è ancora il momento di [concedere] misericordia.  —Madre di Dio a Santa Faustina, Divina Misericordia nella mia anima, diario, nf. 635

Ma anche la giustizia di Dio è misericordia, poiché è proprio questo "scuotimento" presente che è necessario per richiamare a Dio i figli e le figlie "prodigo" di questa generazione prima della purificazione del mondo. Quindi Gesù disse con urgenza a Santa Faustina:

Parla al mondo della Mia misericordia; lascia che tutta l'umanità riconosca la mia insondabile misericordia. È un segno per i tempi finali; dopo verrà il giorno della giustizia. —Ibid., N. 848

 

Il giorno del Signore

Nel contesto dei "tempi finali", il Giorno della Giustizia è lo stesso di quello che la Tradizione chiama "il giorno del Signore". Questo è inteso come il "giorno" in cui Gesù viene a "giudicare i vivi e i morti", come recitiamo nel nostro Credo. Mentre i cristiani evangelici parlano di questo come ventiquattro giorni — letteralmente, l'ultimo giorno sulla terra — i Padri della Chiesa primitiva insegnarono qualcosa di completamente diverso basato sulla Tradizione orale e scritta trasmessa su di loro:

Ecco, il Giorno del Signore sarà di mille anni. —Lettere di Barnaba, I padri della chiesa, Cap. 15

E di nuovo,

... questo nostro giorno, che è delimitato dal sorgere e dal tramonto del sole, è una rappresentazione di quel grande giorno a cui il circuito di mille anni fissa i suoi limiti. -Lactantius, Padri della Chiesa: I Divini Istituti, Libro VII, capitolo 14, Enciclopedia cattolica; newadvent.org

I “mille anni” a cui si riferiscono sono nel capitolo 20 del Libro dell'Apocalisse e sono anche citati da San Pietro nel suo discorso nel giorno del giudizio:

... con il Signore un giorno è come mille e mille anni come un giorno. (2 Animale domestico 3: 8)

In sostanza, i "mille anni" simboleggiano un prolungato "periodo di pace" o quello che i Padri della Chiesa hanno definito un "riposo di sabato". Videro i primi quattromila anni della storia umana prima di Cristo, e poi i duemila anni dopo, che portavano ai giorni nostri, in parallelo ai "sei giorni" della creazione. Il settimo giorno, Dio si riposò. Quindi, attingendo all'analogia di San Pietro, i Padri videro ...

... come se fosse una cosa adatta che i santi godessero così una sorta di riposo di sabato durante quel periodo, un santo svago dopo le fatiche di seimila anni da quando l'uomo fu creato ... (e) ci dovrebbero seguire al completamento di sei mille anni, a partire da sei giorni, una specie di sabato del settimo giorno nei successivi mille anni ... E questa opinione non sarebbe discutibile, se si credesse che le gioie dei santi, in quel sabato, siano spirituali e conseguenti sulla presenza di Dio ... -St. Agostino di Ippona (354-430 d.C.; Dottore della Chiesa), De Civitate Dei, Bk. XX, cap. 7, Catholic University of America Press

Ed è proprio quello che Dio ha in serbo per la Chiesa: un dono “spirituale” conseguente a una nuova effusione dello Spirito per “rinnovare la faccia della terra”. È il "dono di vivere nella Divina Volontà". Tuttavia, questo riposo sarà impossibile a meno che il mondo non sia prima purificato. Come Gesù trasmise a Serva di Dio Luisa Piccarreta:

... i castighi sono necessari; questo servirà a preparare il terreno in modo che il Regno del Fiat Supremo [la Divina Volontà] possa formarsi in mezzo alla famiglia umana. Quindi, molte vite, che saranno un ostacolo al trionfo del mio Regno, scompariranno dalla faccia della terra ... —Diario, 12 settembre 1926; La corona di santità sulle rivelazioni di Gesù a Luisa Piccarreta, Daniel O'Connor, pag. 459

Innanzitutto, Cristo deve finire per porre fine al sistema empio e globale di controllo e governance che sta rapidamente portando il mondo intero al suo potere (vedi Il grande disallineamento). Questo sistema è ciò che San Giovanni chiamava "la bestia". Proprio come la Madonna, la "donna vestita di sole e incoronata di dodici stelle" è una personificazione della Chiesa, la "bestia" troverà la sua personificazione nel "figlio della perdizione" o "Anticristo". È questo "nuovo ordine mondiale" e "uno senza legge" che Cristo deve distruggere per inaugurare una "era di pace".

La bestia che sorge è l'epitome del male e della menzogna, così che l'intera forza dell'apostasia che incarna può essere gettata nella fornace ardente.  -St. Ireneo di Lione, Padre della Chiesa (140–202 d.C.); Adversus Haereses, 5, 29

Se il Giorno del Signore inizia nella veglia delle tenebre, questa distruzione dell'Anticristo inaugura l'alba del "settimo giorno" (a cui seguiranno il "ottavo" e il giorno eterno, che è la fine del mondo).

... Suo Figlio verrà e distruggerà il tempo del senza legge e giudicherà il senza Dio, e cambierà il sole, la luna e le stelle - quindi riposerà davvero il settimo giorno ... dopo aver dato riposo a tutte le cose, farò inizio dell'ottavo giorno, cioè l'inizio di un altro mondo. -Lettera di Barnaba (70-79 d.C.), scritto da un padre apostolico del II secolo

Cerchiamo quindi di capire che cosa costituiscono sia la presenza della Madonna che la chiamata dei suoi "guardiani":

Cari giovani, sta a voi essere le sentinelle del mattino che annunciano la venuta del sole che è il Cristo Risorto! —PAPO GIOVANNI PAOLO II, Messaggio del Santo Padre ai Giovani del Mondo, XVII Giornata Mondiale della Gioventù, n. 3; (cfr Is 21: 11-12)

È prerogativa di Maria essere la stella del mattino, che annuncia il sole ... Quando appare nell'oscurità, sappiamo che è a portata di mano. Lui è Alpha e Omega, il primo e l'ultimo, l'inizio e la fine. Ecco, viene presto e la sua ricompensa è con lui, per renderlo a tutti secondo le sue opere. “Sicuramente vengo presto. Amen. Vieni, Signore Gesù. ” -St. Cardinale John Henry Newman, Lettera al Rev. EB Pusey; “Difficoltà degli anglicani”, Volume II

Pertanto, il giudizio dell'Anticristo e coloro che prendono il suo "segno" compromettono il giudizio "dei vivi", descritto come segue:

E poi l'illegale sarà rivelato, e il Signore Gesù lo ucciderà con il respiro della sua bocca e lo distruggerà con il suo apparire e la sua venuta. (2 Tessalonicesi 2: 8)

Sì, con uno sbuffo delle labbra e lo splendore dell'alba della sua giustizia, Gesù metterà fine all'arroganza dei miliardari, dei banchieri e dei boss del mondo che stanno modellando senza riserve la creazione a loro immagine:

Temi Dio e dagli gloria, perché è giunto il suo momento di sedersi in giudizio [su] ... Babilonia la grande [e] ... chiunque adora la bestia o la sua immagine, o accetta il suo segno sulla fronte o sulla mano ... Poi vidi i cieli aperto, e c'era un cavallo bianco; il suo cavaliere fu chiamato "Fedele e Vero". Giudica e fa la guerra con giustizia ... La bestia fu catturata e con essa il falso profeta ... Il resto fu ucciso dalla spada che uscì dalla bocca di colui che cavalcava ... (Rev 14:7-10, 19:11, 20-21)

Ciò fu anche profetizzato da Isaia che allo stesso modo predisse, in un linguaggio straordinariamente parallelo, un giudizio imminente seguito da un periodo di pace.

Colpirà lo spietato con la verga della sua bocca e con il respiro delle sue labbra ucciderà il malvagio. La giustizia sarà la fascia intorno alla vita e la fedeltà una cintura sui fianchi. Allora il lupo sarà ospite dell'agnello ... la terra sarà piena di conoscenza dell'Eterno, poiché l'acqua ricopre il mare ... In quel giorno, il Signore lo prenderà di nuovo in mano per reclamare il rimanente del suo popolo che è rimasto ... Quando il tuo giudizio sorge sulla terra, gli abitanti del mondo imparano la giustizia. (Isaiah 11:4-11; 26:9)

Questo di fatto introduce, non la fine del mondo né la "Seconda Venuta" alla fine del mondo, ma l'alba del Giorno del Signore in cui Cristo regnerà nei Suoi santi dopo che Satana è incatenato nell'abisso per il resto del giorno o "mille anni" (cfr Ap 20, 1-6 e La risurrezione della Chiesa).

San Tommaso e San Giovanni Crisostomo spiegano le parole quem Dominus Jesus destruet illustratione adventus sui ("Che il Signore Gesù distruggerà con la luminosità della Sua venuta") nel senso che Cristo colpirà l'Anticristo abbagliandolo con una luminosità che sarà come un presagio e segno della sua seconda venuta ... La visione più autorevole, e quello che sembra essere più in armonia con la Sacra Scrittura, è che, dopo la caduta dell'Anticristo, la Chiesa cattolica entrerà di nuovo in un periodo di prosperità e trionfo. -Fr. Charles Arminjon (1824-1885), La fine del mondo presente e i misteri della vita futura, pag. 56-57; Sophia Institute Press

 

Il giorno della rivendicazione

Sarebbe scorretto ridurre il Giorno del Signore al mero castigo; è molto, molto di più! È anche un giorno di rivendicazione della Parola di Dio. In effetti, le lacrime della Madonna non sono solo dolore per il non pentito, ma gioia per il "trionfo" che sta arrivando.

È davvero credibile che il giorno in cui tutte le persone saranno unite in questa armonia ricercata da tempo sarà quello in cui i cieli passeranno con grande violenza - che il periodo in cui il militante della Chiesa entra nella sua pienezza coinciderà con quello del finale catastrofe? Cristo farebbe rinascere la Chiesa, in tutta la sua gloria e in tutto lo splendore della sua bellezza, solo per prosciugarsi immediatamente delle sorgenti della sua giovinezza e della sua inesauribile fecondità? ... La visione più autorevole e quella che sembra essere la maggior parte in armonia con la Sacra Scrittura, è che, dopo la caduta dell'Anticristo, la Chiesa cattolica entrerà di nuovo in un periodo di prosperità e trionfo. -Fr. Charles Arminjon, Ibid., Pag. 58, 57

Dice il grande santo mariano Louis de Montfort:

Non è vero che la tua volontà deve essere fatta sulla terra come in cielo? Non è vero che il tuo regno deve venire? Non hai dato ad alcune anime, a te care, una visione del futuro rinnovamento della Chiesa? -St. Louis de Montfort, Preghiera per i missionari, nf. 5

Ma ascoltiamolo anche dai papi! (vedere I papi e l'era dell'alba):

E ascolteranno la mia voce e ci saranno una piega e un pastore ”. [Giovanni 10:16] Possa Dio ... in breve portare a compimento la Sua profezia per trasformare questa visione consolante del futuro in una realtà presente ... È compito di Dio realizzare questo happy hour e farlo conoscere a tutti ... Quando arriva , si rivelerà un'ora solenne, una grande con conseguenze non solo per la restaurazione del Regno di Cristo, ma per la pacificazione di ... il mondo. Preghiamo con fervore e chiediamo anche agli altri di pregare per questa tanto desiderata pacificazione della società. —Papa Pio XI, Ubi Arcani dei Consilioi “Sulla pace di Cristo nel suo regno”, Dicembre 23, 1922

Sia Isaia che San Giovanni testimoniano che, dopo un severo giudizio, sta arrivando una nuova gloria e bellezza che Dio desidera conferire alla Chiesa nella fase finale del suo pellegrinaggio terreno:

Le nazioni vedranno la tua vendetta e tutti i re la tua gloria; Sarai chiamato con un nuovo nome pronunciato dalla bocca dell'Eterno ... Al vincitore darò parte della manna nascosta; Darò anche un amuleto bianco su cui è scritto un nuovo nome, che nessuno conosce tranne colui che lo riceve. (Isaia 62: 1-2; Apocalisse 2:17)

Ciò che sta arrivando è essenzialmente il compimento del Pater Noster, il "Padre nostro" che preghiamo ogni giorno: "Venga il tuo regno, sia fatta la tua volontà, sulla terra come in cielo". La venuta del Regno di Cristo è sinonimo della sua volontà "Com'è in paradiso." Come esclama Daniel O'Connor:

Due mila anni dopo, la più grande preghiera non resterà senza risposta!

Ciò che Adamo ed Eva persero nel Giardino - cioè l'unione delle loro volontà con la Divina Volontà, che permise la loro cooperazione nei santi prodigi della creazione - verrà restaurato nella Chiesa.

Il dono di vivere nella Divina Volontà restituisce ai redenti il ​​dono che Adamo prelapsario possedeva e che generava luce divina, vita e santità nella creazione ... Riv. Joseph Iannuzzi, Il dono di vivere nella Divina Volontà negli scritti di Luisa Piccarreta

Gesù rivelò a Serva di Dio Luisa Piccaretta il suo piano per la prossima era, questo "settimo giorno", questo "riposo di sabato" o "mezzogiorno" del Giorno del Signore:

Desidero, quindi, che i Miei figli entrino nella Mia Umanità e copino ciò che l'Anima della Mia Umanità ha fatto nella Divina Volontà ... Alzandosi sopra ogni creatura, ripristineranno i diritti della Creazione, i miei e quelli delle creature. Porteranno tutte le cose all'origine principale della Creazione e allo scopo per cui la Creazione è diventata ... Riv. Giuseppe. Iannuzzi, Lo splendore della creazione: il trionfo della Divina Volontà sulla Terra e l'era della pace negli scritti di padri, dottori e mistici della Chiesa (Kindle Posizione 240)

In sostanza, Gesù desidera che la sua vita interiore diventi quella della sua sposa per farla "Senza macchia, rughe o cose del genere, che potrebbe essere santa e senza imperfezioni" (Ef 5:27). Pertanto, il "giorno" del Signore è essenzialmente la luminosità della perfezione interiore nella Sposa di Cristo:

La Chiesa, che comprende gli eletti, è all'alba o all'alba in stile appropriato ... Sarà completamente giorno per lei quando brilla con il perfetto splendore della luce interiore. -St. Gregorio Magno, Papa; Liturgia delle Ore, Vol III, pag. 308

Mentre la pienezza della perfezione del corpo, dell'anima e dello spirito è riservata al Cielo e alla visione beatifica, c'è una certa liberazione della creazione, a cominciare dall'uomo, che fa anche parte del piano di Dio per l'Era della Pace:

Così è delineata la piena azione del piano originale del Creatore: una creazione in cui Dio e uomo, uomo e donna, umanità e natura sono in armonia, in dialogo, in comunione. Questo piano, sconvolto dal peccato, è stato adottato in modo più meraviglioso da Cristo, che lo sta realizzando misteriosamente ma efficacemente nella realtà attuale, nell'attesa di portarlo a compimento ...  —POPE GIOVANNI PAOLO II, Udienza generale, 14 febbraio 2001

Quindi, quando parliamo di Cristo che viene all'alba del Giorno del Signore per una purificazione e un rinnovamento della terra, stiamo parlando di una venuta interiore del Regno di Cristo all'interno delle anime individuali che si manifesterà letteralmente in una "civiltà dell'amore" che, per un tempo (un "migliaio di anni"), porterà la testimonianza e la portata completa del Vangelo fino ai confini della terra. Anzi, Gesù disse, “Questo vangelo del regno sarà predicato in tutto il mondo, come testimonianza a tutte le nazioni; e poi verrà la fine. " (Matteo 24:14) Qui, l'insegnamento magisteriale non potrebbe essere più chiaro:

Non sarebbe incompatibile con la verità comprendere le parole: "La tua volontà sarà fatta sulla terra come in cielo", nel senso: "nella Chiesa come nel nostro Signore Gesù Cristo stesso"; o "nella Sposa che è stata promessa sposa, proprio come nello Sposo che ha compiuto la volontà del Padre". -Catechismo della Chiesa Cattolica, n. 2827

La Chiesa cattolica, che è il regno di Cristo sulla terra, è destinata a essere diffusa tra tutti gli uomini e tutte le nazioni ... —POPE PIUS XI, Quas Primas, Encyclical, n. 12, 11 dicembre 1925

 

La luce del giorno del Signore

Gesù disse a Santa Faustina ...

Preparerai il mondo per la mia venuta finale. —Gesù a Santa Faustina, Divina Misericordia nella mia anima, diario, nf. 429

Papa Benedetto ha chiarito che questa affermazione non implica l'imminente fine del mondo quando Gesù tornerà per "giudicare i morti" (il crepuscolo del Giorno del Signore) e stabilire letteralmente "nuovi cieli e una nuova terra", il " ottavo giorno ", ciò che è tradizionalmente noto come" Seconda Venuta ".

Se uno prendesse questa affermazione in senso cronologico, come un'ingiunzione per prepararsi, per così dire, immediatamente per la Seconda Venuta, sarebbe falso. —Papa BENEDETTO XVI, Luce del mondo, Conversazione con Peter Seewald, p. 180-181

La più degna di nota delle profezie che riguardano "gli ultimi tempi" sembrano avere un fine comune, annunciare grandi calamità che incombono sull'umanità, sul trionfo della Chiesa e sul rinnovamento del mondo. -Enciclopedia cattolica, Profezia, www.newadvent.org

Il Giorno del Signore, quindi, raggiunge il suo apice nella nostra linea temporale quando, verso la fine del mondo, Satana ha un'ultima rappresaglia contro i santi di Cristo prima della Seconda e "finale" venuta di Cristo ...

Guarda anche Le ultime sentenze, Le porte di Faustina, Come l'era era persa, che collaborano con noi, attingono direttamente dalla storia e dalla tradizione veneziana per poi Millenarismo: cos'è e non è di Mark Mallett presso "The Now Word".

 

Tempo di rifugi

I rifugi fisici

La Chiesa sarà ridotta nelle sue dimensioni, sarà necessario ricominciare. Tuttavia, da questo test emergerebbe una Chiesa che sarà stata rafforzata dal processo di semplificazione che ha vissuto, dalla sua rinnovata capacità di guardare dentro di sé ... la Chiesa sarà ridotta numericamente. —Cardinal Ratzinger (PAPA BENEDETTO XVI), Dio e il mondo, 2001; intervista a Peter Seewald

La verità è che, se non fosse per la provvidenza di Dio, la Chiesa sarebbe decimata se l'Anticristo avesse la sua strada. Ma Dio proteggerà il Suo popolo, non solo spiritualmente, ma fisicamente, e questo secondo Scritture, Tradizioni e rivelazioni profetiche. Infatti, disse Paolo VI:

È necessario che sussista un piccolo gregge, non importa quanto piccolo possa essere. —POPA PAOLO VI, Il segreto Paolo VI, Jean Guitton, pag. 152-153, Riferimento (7), pag. ix.

Il primo padre della Chiesa, Cecilio Firmiano Lattanzio (250-317 d.C.), prevedeva con grande precisione come sarebbe stato questo periodo futuro ... e quando i fedeli alla fine sarebbero fuggiti nei rifugi sacri:

Quello sarà il tempo in cui la giustizia sarà scacciata e l'innocenza sarà odiata; in cui i malvagi preda del bene come nemici; né la legge, né l'ordine, né la disciplina militare devono essere preservati ... tutte le cose devono essere confuse e mescolate insieme contro il diritto e contro le leggi della natura. Così la terra sarà devastata, come da una comune rapina. Quando succederanno queste cose, allora i giusti e i seguaci della verità si separeranno dai malvagi, e fuggire in solitudine. -I Divini Istituti, Libro VII, cap. 17

Dopo l'Avvertimento, si formeranno due campi: quelli che accettano la grazia di pentirsi, passando così attraverso "la porta della Misericordia" ... e quelli che induriranno i loro cuori nel loro peccato, e quindi, saranno destinati a passare attraverso "la porta di giustizia ". Quest'ultimo formerà quel campo di malvagi che, per "quarantadue mesi", sarà "Permesso di fare la guerra contro i santi e conquistarli" (Ap 13: 7). Ma secondo la Scrittura e la tradizione, un residuo sarà salvaguardato:

... alla donna furono date le due ali della grande aquila, in modo che potesse volare al suo posto nel deserto, dove, lontano dal serpente, fu curata per un anno, due anni e un anno e mezzo. (Ap 12: 14)

Il precedente per questa protezione fisica è nel Vangelo di Matteo:

Ed essendo stato avvertito in un sogno di non tornare a Erode, [i magi] sono partiti per il loro paese in un altro modo. Quando furono partiti, ecco, l'angelo del Signore apparve a Giuseppe in sogno e disse: “Alzati, prendi il bambino e sua madre, fuggi in Egitto e rimani lì finché non te lo dico. Erode cercherà il bambino per distruggerlo. " Joseph si alzò e prese il bambino e sua madre di notte e partì per l'Egitto. (Matt 2: 12-14)

Il Libro dei Maccabei, che molti credono sia un "modello" per l'imminente persecuzione e Passione della Chiesa, osserva la fuga degli ebrei nei rifugi:

Il re mandò messaggeri ... per proibire olocausti, sacrifici e libagioni nel santuario, profanare i sabati e le festività, profanare santuario e sacri ministri, costruire altari e templi e santuari pagani ... Chiunque si rifiutasse di agire secondo i il comando del re dovrebbe essere messo a morte ... Molte persone, coloro che hanno abbandonato la legge, si sono uniti a loro e hanno commesso il male nella terra. Israele fu costretto a nascondersi, ovunque si trovassero luoghi di rifugio. (1 Macc 1: 44-53)

Porta lo standard a Sion, cerca rifugio senza indugio! Il male che porto da nord e una grande distruzione. (Geremia 4: 6)

Il culmine della distruzione è nelle mani dell'Anticristo. Ma anche allora, Dio manterrà un residuo:

La rivolta e la separazione devono venire ... il Sacrificio cesserà e ... il Figlio dell'Uomo difficilmente troverà la fede sulla terra ... Tutti questi passaggi sono compresi dell'afflizione che l'Anticristo causerà nella Chiesa ... Ma la Chiesa ... non deve fallire, e deve essere nutrita e preservata in mezzo ai deserti e alle solitudini a cui si ritirerà, come dice la Scrittura (Rev. Ch. 12:14). -St. Francis de Sales

 

I rifugi spirituali

Eppure, questi sono luoghi temporali, che di per sé, non può salvare l'anima. L'unico rifugio veramente sicuro è il Cuore di Gesù. Ciò che la Madre Benedetta sta facendo oggi è condurre le anime a questo Porto Sicuro della Misericordia attirandole nel Suo Cuore Immacolato e portandole in salvo da suo Figlio.

Il mio Cuore Immacolato sarà il tuo rifugio e la via che ti condurrà a Dio. —Seconda apparizione a Fatima, 13 giugno 1917

Nelle rivelazioni a p. Michel Rodrigue, l'Eterno Padre, promette:

Ho dato a San Giuseppe, il mio rappresentante sulla terra come protettore della Sacra Famiglia, l'autorità per proteggere la Chiesa, cioè il Corpo di Cristo. Sarà il protettore durante le prove di questo tempo. Il Cuore Immacolato di Mia figlia, Maria e il Sacro Cuore del Mio beneamato Figlio, Gesù, con il Casto e il Cuore puro di San Giuseppe, saranno lo scudo per le vostre case e per la vostra famiglia e il vostro rifugio durante gli eventi a venire . —Da Padre, 30 ottobre 2018

Ancora più importante, la nostra Chiesa Madre è e sarà sempre il nostro rifugio dalle porte dell'Inferno. Perché è costruita da Cristo sullo scoglio della fede di Pietro e salvaguardata dalla promessa di Nostro Signore di rimanere con la sua Chiesa fino alla fine dei tempi.

La Chiesa è la tua speranza, la Chiesa è la tua salvezza, la Chiesa è il tuo rifugio. —St. Giovanni Crisostomo, Hom. de capto Euthropio, n. 6 .; cfr. E Supremi, nf. 9

Infine, prega Salmo 91, il salmo di rifugio!

Leggi Il rifugio per i nostri tempi di Mark Mallett per comprendere la centralità del rifugio spirituale rispetto ai rifugi fisici e come il sopravvissismo non sia la mentalità del cristiano, ma il Cielo.

Guarda:

Ascolta:

I castighi divini

Con l'Avvertimento e il Miracolo ormai dietro l'umanità, coloro che si sono rifiutati di passare attraverso la "porta della Misericordia" devono ora passare attraverso la "porta della giustizia".

Molte persone hanno difficoltà a conciliare il "Dio dell'amore" con un "Dio dei castighi". Tuttavia, nessuno sembra lamentarsi quando un pericoloso assassino è bloccato dietro le sbarre o un crudele dittatore viene processato. "È giusto", diciamo. Se noi che siamo fatti a immagine di Dio sentiamo la ragionevolezza della giustizia, allora sicuramente il Creatore dell'universo ha un senso infinitamente più acuto di giustizia. Ma anche il suo è un perfetto ordinato giustizia radicata nell'amore. La giustizia umana tende verso vendetta; ma la giustizia di Dio è sempre rivolta alla restaurazione.

Figlio mio, non disdegnare la disciplina del Signore o perdere il cuore quando rimproverato da lui; per chi ama il Signore, egli disciplina; flagella ogni figlio che riconosce. (Eb 12: 5-6)

Se vuoi sapere come Dio veramente sente di dover ricorrere al castigo, ascolta le parole di Gesù a Santa Faustina:

Le fiamme della misericordia mi stanno bruciando, chiedendo a gran voce di essere spese; Voglio continuare a riversarli sulle anime; le anime semplicemente non vogliono credere nella mia bontà.  —Gesù a Santa Faustina, Divina Misericordia nella mia anima, diario, nf. 177

Nell'Antica Alleanza ho inviato profeti che esercitavano fulmini al mio popolo. Oggi ti mando con la mia misericordia alla gente di tutto il mondo. Non voglio punire l'umanità dolorante, ma desidero guarirlo, premendo sul mio Cuore misericordioso. Uso la punizione quando loro stessi mi costringono a farlo; La mia mano è riluttante ad afferrare la spada della giustizia. Prima del Giorno della Giustizia invio il Giorno della Misericordia. -Ibid. n. 1588

E ancora, alla Serva di Dio Luisa Piccarreta:

La mia giustizia non può più sopportare; La mia volontà vuole trionfare e vorrebbe trionfare per mezzo dell'amore per stabilire il suo regno. Ma l'uomo non vuole venire a incontrare questo Amore, quindi è necessario usare la Giustizia. —Gesù a Serva di Dio, Luisa Piccarreta; 16 novembre 1926

 

La porta della giustizia

La setacciatura dell'Avvertimento ha avuto luogo: le erbacce dal grano ...

Il mondo all'avvicinarsi di un nuovo millennio, per il quale l'intera Chiesa si sta preparando, è come un campo pronto per il raccolto. -ST. Papa Giovanni Paolo II, Giornata mondiale della gioventù, omelia, 15 agosto 1993

... e solo il grano può rimanere.

... quando la prova di questa setacciatura è passata, una grande potenza fluirà da una Chiesa più spiritualizzata e semplificata ... lei godrà di una nuova fioritura e sarà vista come la casa dell'uomo, dove troverà la vita e la speranza oltre la morte. — Cardinale Joseph Ratzinger (PAPA BENEDETTO XVI), Fede e futuro, Ignatius Press, 2009

Ma questo non è possibile a meno che Satana non sia incatenato, i malvagi purificati dalla terra e una effusione universale dello Spirito Santo rinnova la faccia della terra. Come disse Gesù a Luisa:

... i castighi sono necessari; questo servirà a preparare il terreno in modo che il Regno del Fiat Supremo [la Divina Volontà] possa formarsi in mezzo alla famiglia umana. Quindi, molte vite, che saranno un ostacolo al trionfo del mio Regno, scompariranno dalla faccia della terra ... —Diario, 12 settembre 1926; La corona di santità sulle rivelazioni di Gesù a Luisa Piccarreta, Daniel O'Connor, pag. 459

"I mansueti erediteranno la terra" disse Cristo. E canteranno il Magnificat:

Ha buttato giù i sovrani dai loro troni ma ha sollevato l'umile. L'affamato che ha riempito di cose buone; i ricchi che ha mandato via vuoti. (Luca 1: 50-55)

Ma non prima che grandi castighi colpiscano la terra. Forse il principale tra questi è il flagello dell'Anticristo che viene inizialmente come un "principe della pace", ma termina con un regno di terrore. Eppure, disse Tommaso d'Aquino:

Perfino i demoni sono controllati da buoni angeli per non far loro del male. Allo stesso modo, l'Anticristo non farà il male che vorrebbe. -St. Thomas Aquinas, Summa Theologica, Parte I, Q.113, Art. 4

In effetti, molti dei resti saranno già nei rifugi, nascosti e sostenuti dalla Divina Provvidenza.

"Dio purificherà la terra con castighi e gran parte dell'attuale generazione sarà distrutta", ma [Gesù] afferma anche che "i castighi non si avvicinano a quegli individui che ricevono il grande dono della vita nella Divina Volontà", perché Dio "protegge loro e i luoghi in cui risiedono". Riv. Joseph Iannuzzi, Il dono di vivere nella Divina Volontà negli scritti di Luisa Piccarreta

 

I castighi

Il Libro dell'Apocalisse, sebbene pieno di molti simboli, dà un'idea dei castighi che seguono l'Avvertimento. Come abbiamo sentito dopo la rottura del Settimo Sigillo:

Non danneggiare la terra o il mare o gli alberi finché non mettiamo il sigillo sulla fronte dei servi del nostro Dio. (Rivelazione 7: 2)

Se la prima metà della tempesta è stata principalmente da parte dell'uomo, l'ultima metà è di Dio:

Dio manderà due punizioni: una sarà sotto forma di guerre, rivoluzioni e altri mali; deve provenire dalla terra. L'altro verrà inviato dal Cielo. —Benedetta Anna Maria Taigi, Profezia cattolica, Pag.76

Prima che arrivi la Cometa, molte nazioni, tranne il bene, saranno flagellate con carenza e carestia [conseguenze] ... La Cometa con la sua tremenda pressione, costringerà molto fuori dall'oceano e inonderà molti paesi, causando molto desiderio e molte piaghe [pulizia]. -St. Hildegard, Profezia cattolica, p. 79 (1098-1179 d.C.)

Una delle profezie più famose dei nostri tempi è quella della Madonna di Akita a suor Agnese Sasagawa:

Come ti ho detto, se gli uomini non si pentono e migliorano se stessi, il Padre infliggerà una terribile punizione a tutta l'umanità. Sarà una punizione maggiore del diluvio, come non si sarebbe mai visto prima. Il fuoco cadrà dal cielo e spazzerà via gran parte dell'umanità, buona e cattiva, senza risparmiare né sacerdoti né fedeli. I sopravvissuti si troveranno così desolati da invidiare i morti. —13 ottobre 1973, ewtn.com

La serva di Dio Luisa Piccarreta descrive anche una scena così dolorosa:

Ero fuori di me e non vedevo altro che il fuoco. Sembrava che la terra si sarebbe aperta e avrebbe minacciato di ingoiare città, montagne e uomini. Sembrava che il Signore avrebbe voluto distruggere la terra, ma in modo speciale tre luoghi diversi, distanti tra loro, e alcuni anche in Italia. Sembravano tre bocche di vulcani: alcuni stavano lanciando fuoco che inondava le città, e in alcuni punti la terra si stava aprendo e si sarebbero verificati terribili terremoti. Non riuscivo a capire molto bene se queste cose stavano accadendo o dovevano accadere. Quante rovine! Tuttavia, la causa di ciò è solo il peccato e l'uomo non vuole arrendersi; sembra che l'uomo si sia posto contro Dio, e Dio armerà gli elementi contro l'uomo: acqua, fuoco, vento e molte altre cose, che causeranno la morte di molti su molti. -La corona della santità: sulle rivelazioni di Gesù a Luisa Piccarreta di Daniel O'Connor, p. 108, Formato Kindle

Alla fine di tutto, scrive il profeta Zaccaria:

... due terzi saranno tagliati e periranno, e un terzo sarà lasciato in vita. E metterò questo terzo nel fuoco e li raffinerò mentre si raffina l'argento e li testerò mentre l'oro viene testato. Chiameranno il mio nome e io risponderò loro. Dirò: "Sono il mio popolo"; e diranno: 'Il Signore è il mio Dio' ”. (Zacc 13: 8-9)

Mentre la terra trema e la Chiesa in alcuni punti subisce la sua stessa Passione sotto la persecuzione dell'Anticristo, i fedeli possono fare eco al grido di San Luigi di Montfort:

I tuoi divini comandamenti sono infranti, il tuo Vangelo è gettato da parte, torrenti di iniquità inondano tutta la terra portando via anche i tuoi servitori ... Tutto giungerà alla stessa fine di Sodoma e Gomorra? Non spezzerai mai il tuo silenzio? Tollererai tutto questo per sempre? Non è vero che la tua volontà deve essere fatta sulla terra come in cielo? Non è vero che il tuo regno deve venire? Non hai dato ad alcune anime, a te care, una visione del futuro rinnovamento della Chiesa? -St. Louis de Montfort, Preghiera per i missionari, nf. 5

E sentiranno gridare una voce nei Cieli "è fatta"[1]Rev 16: 17 seguito dai battiti dello zoccolo di a Cavaliere su un cavallo bianco la cui venuta distruggerà l'Anticristo e purificherà la terra dopo Three Days of Darkness ...

Guarda:

Ascolta:


Le note

Le note

1 Rev 16: 17

Il regno dell'Anticristo

L'Anticristo nelle Scritture

La Sacra Tradizione afferma che, verso la fine dei tempi, un certo uomo che San Paolo chiama "il senza legge" dovrebbe sorgere come un falso Cristo nel mondo, ponendosi come oggetto di culto. Il suo tempismo fu rivelato a Paolo come prima del "giorno del Signore":

Non lasciare che nessuno ti inganni in alcun modo; poiché quel giorno non verrà, a meno che l'apostasia non venga per prima, e l'uomo dell'illegalità venga rivelato, il figlio della perdizione. (2 Tess 2: 3)

Alcuni Padri della Chiesa hanno visto nella visione del profeta Daniele una predicazione di questa figura blasfema che emerge dal regno di una "bestia":

Stavo prendendo in considerazione le dieci corna che aveva, quando all'improvviso un'altra, una piccola corna, emerse da loro, e tre delle corna precedenti furono strappate via per fare spazio. Questo corno aveva occhi simili a quelli umani e una bocca che parlava con arroganza. (Daniel 7: 8)

Questo trova la sua eco nell'Apocalisse di San Giovanni:

Alla bestia fu data la bocca pronunciando fiere orgogliose e bestemmie, e gli fu data l'autorità di agire per quarantadue mesi. Aprì la bocca per pronunciare bestemmie contro Dio, bestemmiando il suo nome e la sua dimora e quelli che abitano in cielo. Fu anche permesso di fare la guerra contro i santi e conquistarli, e gli fu concessa l'autorità su ogni tribù, popolo, lingua e nazione. (Ap 13: 5-7)

Pertanto, i Padri della Chiesa primitiva hanno confermato all'unanimità che il "figlio della perdizione" è una persona e non solo un "sistema" o regno. Tuttavia, Benedetto XVI ha sottolineato il punto importante:

Per quanto riguarda l'anticristo, abbiamo visto che nel Nuovo Testamento assume sempre i lineamenti della storia contemporanea. Non può essere limitato a nessun singolo individuo. Lo stesso indossa molte maschere in ogni generazione. —Cardinal Ratzinger (PAPA BENEDETTO XVI), Teologia dogmatica, escatologia 9, Johann Auer e Joseph Ratzinger, 1988, pag. 199-200

Questo è un punto di vista consonante con la Sacra Scrittura:

Bambini, è l'ultima ora; e proprio quando hai sentito che l'anticristo stava arrivando, così ora sono apparsi molti anticristi. Quindi sappiamo che questa è l'ultima ora ... Chiunque neghi il Padre e il Figlio, questo è l'anticristo. (1 John 2: 18, 22)

Tuttavia, Benedetto ha affermato il costante insegnamento della Chiesa secondo cui l'Anticristo è anche un futuro individuale, parte di questa bestia che governerà la terra per "quarantadue mesi".[1]Rev 13: 5 Questo significa semplicemente che ci sono molti anticristi nella storia umana. Tuttavia, la Scrittura indica soprattutto uno, il principale tra i tanti, che accompagna una grande ribellione o apostasia verso la fine dei tempi. I Padri della Chiesa si riferiscono a lui come il "figlio della perdizione", il "senza legge", un "re", un "apostata e rapinatore" la cui origine è probabilmente dal Medio Oriente, forse di eredità ebraica.

... prima dell'arrivo del Signore ci sarà l'apostasia, e uno ben descritto come "l'uomo dell'illegalità", "il figlio della perdizione" deve essere rivelato, che la tradizione verrebbe a chiamare l'Anticristo. —Udienza generale, “Sia alla fine dei tempi o durante una tragica mancanza di pace: vieni Signore Gesù!”, L'Osservatore Romano, 12 novembre 2008

Ma quando arriverà?

... se studiamo solo un momento i segni del tempo presente, i sintomi minacciosi della nostra situazione politica e delle nostre rivoluzioni, nonché il progresso della civiltà e il crescente progresso del male, corrispondenti al progresso della civiltà e alle scoperte nel materiale ordine, non possiamo non prevedere la vicinanza della venuta dell'uomo del peccato e dei giorni di desolazione predetti da Cristo.  -Fr. Charles Arminjon (1824-1885), La fine del mondo presente e i misteri della vita futura, pag. 58; Sophia Institute Press

 

La cronologia dell'ingannatore

Ci sono essenzialmente due campi su questo, ma come farò notare, non sono necessariamente in opposizione l'uno all'altro.

Il primo campo, e il più diffuso oggi, è che l'Anticristo appare al fine vera e propria del tempo, immediatamente prima del ritorno finale di Gesù nella gloria, il giudizio dei morti e la fine del mondo.[2]Apocalisse 20: 11-21: 1

L'altro campo è quello più diffuso tra i padri della Chiesa primitiva e che, in particolare, segue semplicemente la cronologia di San Giovanni Apostolo nell'Apocalisse. E cioè che la venuta del senza legge è seguita da un "mille anni", ciò che i Padri della Chiesa chiamavano un "riposo di sabato", il "settimo giorno", "i tempi del regno" o "il Giorno del Signore" “. Questo "periodo di pace", come lo chiamava Nostra Signora di Fatima, non è l'eresia del millenarismo (vedi Millenarismo: cos'è e cosa non lo è) i cui aderenti credevano che Gesù sarebbe venuto a regnare nella carne per letteralmente mille anni. Ciò che la Chiesa non ha mai condannato, tuttavia, è l'idea di un trionfo spirituale della Chiesa dopo un periodo di tribolazione. Riassumendo il pensiero collettivo del Magistero, p. Charles Arminjon ha scritto:

La visione più autorevole, e quella che sembra essere più in armonia con la Sacra Scrittura, è che, dopo la caduta dell'Anticristo, la Chiesa cattolica entrerà di nuovo in un periodo di prosperità e trionfo. -La fine del mondo presente e i misteri della vita futura, P. Charles Arminjon (1824-1885), p. 56-57; Sophia Institute Press

Ciò è semplicemente coerente con la lettura diretta dell'Apocalisse. Chiaramente, il capitolo 19 parla di una manifestazione del potere di Gesù, infatti, il suo "respiro" o "luminosità" per uccidere la "bestia" e il "falso profeta" che vengono poi gettati nel lago di fuoco. Ma non è la fine del mondo. Ciò che segue è un regno di Cristo con i suoi santi.

San Tommaso e San Giovanni Crisostomo spiegano le parole quem Dominus Jesus destruet illustratione adventus sui ("Che il Signore Gesù distruggerà con la luminosità della Sua venuta") nel senso che Cristo colpirà l'Anticristo abbagliandolo con una luminosità che sarà come un presagio e segno della sua seconda venuta ... -Fr. Charles Arminjon, Ibid., Pag. 56-57

Ciò che segue, secondo i Padri della Chiesa primitiva, è un momento di pace e giustizia, il tempi del regno quando Cristo regna, non nella carne, ma in I suoi santi in un modo tutto nuovo. Nel moderno misticismo cattolico, si parla di "Regno della Divina Volontà", "Regno eucaristico", "Era della pace", "Era dell'amore celeste" ecc.

Ma quando l'Anticristo avrà devastato ogni cosa in questo mondo, regnerà per tre anni e sei mesi e siederà nel tempio di Gerusalemme; e poi il Signore verrà dal Cielo tra le nuvole ... mandando quest'uomo e coloro che lo seguono nel lago di fuoco; ma portando per i giusti i tempi del regno, cioè il resto, il settimo giorno consacrato ... Questi devono avvenire nei tempi del regno, cioè il settimo giorno ... il vero Sabbath dei giusti. -St. Ireneo di Lione, Padre della Chiesa (140–202 d.C.); Adversus Haereses, Ireneo di Lione, V.33.3.4, I padri della Chiesa, CIMA Publishing Co.

Pertanto, il "settimo giorno" è un periodo di riposo per la Chiesa, poiché Dio si è riposato nel settimo giorno della creazione. Quello che segue è il "ottavo" giorno, cioè eternità.

... quando suo Figlio verrà e distruggerà il tempo dell'illegale e giudicherà l'essere senza Dio, e cambierà il sole, la luna e le stelle - allora riposerà davvero il settimo giorno ... dopo aver dato riposo a tutte le cose, farò l'inizio dell'ottavo giorno, cioè l'inizio di un altro mondo. —Lettere di Barnaba (70-79 d.C.), scritta da un padre apostolico del II secolo

Potremo davvero interpretare le parole: “Il sacerdote di Dio e di Cristo regnerà con Lui mille anni; e quando i mille anni saranno finiti, Satana sarà sciolto dalla sua prigione; " poiché così significano che il regno dei santi e la schiavitù del diavolo cesseranno simultaneamente ... -St. Agostino, I padri anti-nicene, Città di Dio, Libro XX, cap. 13, 19

 

I papi e l'Anticristo oggi

È interessante notare che papa San Pio X già pensava che l'Anticristo fosse sulla terra:

Chi può non vedere che la società è in questo momento, più che in un'epoca passata, soffrire di una malattia terribile e profondamente radicata che, sviluppandosi ogni giorno e mangiando nel suo essere più profondo, la sta trascinando alla distruzione? Capisci, Venerati Fratelli, che cos'è questa malattia - apostasia da Dio ... Quando tutto ciò è considerato, c'è una buona ragione per temere che questa grande perversità possa essere come un assaggio, e forse l'inizio di quei mali che sono riservati ai Gli ultimi giorni; e che potrebbe esserci già nel mondo il "Figlio della Perdizione" di cui parla l'Apostolo. -E Supremi, Enciclica sulla restaurazione di tutte le cose in Cristo, n. 3, 5; 4 ottobre 1903

Notando lo scoppio del disprezzo verso il cristianesimo in tutto il mondo, il suo successore concordò:

... tutto il popolo cristiano, tristemente scoraggiato e sconvolto, è continuamente in pericolo di allontanarsi dalla fede o di subire la morte più crudele. Queste cose in verità sono così tristi che potresti dire che tali eventi prefigurano e presagiscono l '"inizio dei dolori", vale a dire quelli che saranno portati dall'uomo del peccato, "che è sollevato sopra tutto ciò che è chiamato Dio o è adorato ” (2 Tess 2: 4). —POPE PIUS XI, Miserentissimus Redentore, Lettera Enciclica sulla riparazione al Sacro Cuore, n. 15, 8 maggio 1928

Pur essendo cardinale, Benedetto XVI fece una sorprendente allusione al "marchio della bestia" in relazione alla tecnologia informatica:

L'Apocalisse parla dell'antagonista di Dio, la bestia. Questo animale non ha un nome, ma un numero. Nell'orrore dei campi di concentramento, cancellano i volti e la storia, trasformando l'uomo in un numero, riducendolo a un ingranaggio in un'enorme macchina. L'uomo non è altro che una funzione. Ai nostri giorni, non dovremmo dimenticare che hanno prefigurato il destino di un mondo che corre il rischio di adottare la stessa struttura dei campi di concentramento, se la legge universale della macchina è accettata. Le macchine che sono state costruite impongono la stessa legge. Secondo questa logica, l'uomo deve essere interpretato da un computer e questo è possibile solo se tradotto in numeri. La bestia è un numero e si trasforma in numeri. Dio, tuttavia, ha un nome e chiama per nome. È una persona e cerca la persona. - Cardinale Ratzinger, (PAPA BENEDETTO XVI) Palermo, 15 marzo 2000

Poi nel 1976, due anni prima di essere eletto Papa Giovanni Paolo II, il cardinale Wojtyla si rivolse ai vescovi d'America. Queste furono le sue parole, registrate sul Washington Post e confermate dal diacono Keith Fournier che era presente:

Ora siamo di fronte al più grande confronto storico che l'umanità abbia mai vissuto. Ora stiamo affrontando il confronto finale tra la Chiesa e l'anti-chiesa, tra il Vangelo e l'anti-vangelo, tra Cristo e l'anticristo. - Congresso eucaristico per la celebrazione del bicentenario della firma della Dichiarazione di Indipendenza, Filadelfia, Pennsylvania, 1976; cf. Cattolica online

In conclusione, vogliamo ricordare al lettore che questo sito web è per prepararti, non per l'Anticristo, ma per la venuta di Gesù Cristo per porre fine alle lacrime del millennio passato. È per prepararti alla venuta del Regno della Divina Volontà. Come tale, la saggezza dei santi offre molto da riflettere:

Beati coloro che allora vinceranno il tiranno. Poiché saranno indicati come più illustri e più alti dei primi testimoni; poiché gli ex testimoni hanno vinto solo i suoi servi, ma questi hanno rovesciato e conquistato lo stesso accusatore, il figlio della perdizione. Con quali elogi e corone, quindi, non saranno adornati dal nostro Re, Gesù Cristo! ... Vedi in che modo il digiuno e la preghiera i santi si eserciteranno in quel momento. -St. Ippolito, Alla fine del mondo, nf. 30, 33, newadvent.org

La Chiesa ora ti carica davanti al Dio vivente; ti dichiara le cose riguardanti l'Anticristo prima che arrivino. Non sappiamo se accadranno nel tuo tempo o se accadranno dopo di te; ma è bene che, conoscendo queste cose, dovresti assicurarti in anticipo. -St. Cirillo di Gerusalemme (ca. 315-386) Dottore della Chiesa, lezioni catechistiche, lezione XV, n. 9

Per un ampio trattamento dei "tempi finali" secondo i Padri della Chiesa, il Magistero e le rivelazioni profetiche approvate, leggi Ripensare i tempi finali, Come l'era era persae Il giorno della giustizia di Mark Mallett. Vedi anche Anticristo nei nostri tempi , Caro Santo Padre ... Sta arrivando! che collaborano con noi, attingono direttamente dalla storia e dalla tradizione veneziana per poi Perché i papi non stanno gridando?

Guarda:

Ascolta:

Le note

Le note

1 Rev 13: 5
2 Apocalisse 20: 11-21: 1

I tre giorni dell'oscurità

Dobbiamo essere sinceri: spiritualmente e moralmente parlando, il mondo è in uno stato molto peggiore di quanto non abbia mai sperimentato prima nella storia. Il buon senso lo testimonia. Il consenso della rivelazione privata indica questo. Anche il Magistero Papale lo insegna. Papa Francesco stesso ha affermato che "non siamo migliori oggi di quanto non fossero durante il Diluvio Universale" (omelia del 19 febbraio 2019 a Santa Marta).

Pertanto, l'Era della Pace non può essere introdotta nel mondo così come è ora. È necessario un rinnovamento totale; uno che, per così dire, spoglia la casa fino alle sue travi e mattoni, se non alle sue stesse fondamenta. Questa purificazione sarà raggiunta in molti modi nei prossimi anni, ma forse soprattutto attraverso la profezia da lungo tempo Tre giorni di oscurità, che scaccerà definitivamente il male da questa terra (in particolare l'Anticristo, coloro che lo seguono e i demoni che lo ispirano) e lo lascerà pronto per il fiorire del Regno di Dio.

Sfortunatamente, molte persone vive oggi non vogliono il Regno di Dio. Preferirebbero di gran lunga continuare a commettere i loro peccati preferiti, credendo ai loro errori preferiti e gustando il loro grottesco preferito. Avranno tutte le possibilità di cambiare strada e scegliere di posizionarsi sul lato destro della prossima Era, in particolare attraverso The Warning (che precederà il periodo dei Castighi e certamente i Tre Giorni delle Tenebre, che lo concludono e inaugurano nell'era della pace). Ma se coloro che rifiutano il Regno di Dio continuano a rifiutarsi di pentirsi, semplicemente non ci sarà spazio per loro su questa terra durante l'Era e se nessun altro castigo farà il lavoro prima che arrivi il tempo, lo faranno i Tre Giorni delle Tenebre.

(Nota Bene: non dobbiamo mai perdere la speranza per la salvezza di chiunque vivo; non importa cosa. Dovremmo anche sperare e pregare per la salvezza di coloro che alla fine avranno bisogno di essere eliminati dalla terra nei Tre giorni di oscurità, poiché anche se la loro incapacità di pentirsi prima di quel tempo richiedesse la loro epurazione dalla terra, questo non significa che non possono pentirsi nell'ultimo momento della loro vita. Vedi Mark Mallett Misericordia nel caos)

 

La purificazione

I Tre giorni dell'oscurità, in breve, consisteranno nel scatenare l'inferno sulla terra per consentire ai demoni di divorare i loro che sono sulla terra, poiché, con grande ironia, nemmeno i demoni possono resistere alla volontà di Dio (anche se ricevono la sua giustizia, mentre i beati ricevono la sua misericordia). Quando Dio scatena gli spiriti maligni per purificare la terra, non saranno in grado di fare uno iota in più di quello che ha ordinato prima di essere ricacciati nuovamente nell'abisso.

Perfino i demoni sono controllati da buoni angeli per non far loro del male. Allo stesso modo, l'Anticristo non farà il male che vorrebbe. -St. Thomas Aquinas, Summa Theologica, Parte I, Q.113, Art. 4

Quindi i fedeli non devono temere i Tre giorni di oscurità; sebbene la sua immensità sconvolgerebbe la mente di chiunque, sarà intrapresa con la precisione di un chirurgo esperto a causa della provvidenziale supervisione di Dio. Inoltre, poiché Dio ha protetto gli israeliti, anche lui salvaguarderà il suo residuo.

Mosè allungò la mano verso il cielo e vi fu una fitta oscurità in tutto il paese d'Egitto per tre giorni. Gli uomini non potevano vedersi, né potevano spostarsi da dove erano, per tre giorni. Ma tutti gli israeliti avevano luce dove abitavano. (10: 22-23)

Sebbene tutto ciò possa sembrare sorprendente per coloro che lo stanno imparando per la prima volta, dovremmo ricordare che questo paradigma non è assolutamente senza precedenti nella storia della salvezza e nella storia della Chiesa; in effetti, si vede attraverso entrambi i nemici di Dio che a volte sono proprio quelli che Dio usa per realizzare i Suoi obiettivi finali. Ciò è accaduto più chiaramente nella crocifissione di Nostro Signore; ma si vede anche, nella Scrittura, l'antico Israele purificato dai popoli senza Dio che li circondano. Nei Three Days of Darkness, Dio "farà uso" dei demoni in un modo più universale che mai. Inghiottiranno non solo quelli sulla terra che sono dichiarati nemici di Dio, ma anche luoghi fisici e cose che non hanno posto nell'era (ad esempio, a P. Michel Rodrigue furono mostrati demoni che inghiottivano intere fondamenta di edifici durante i Tre giorni ).

Dato che i Tre giorni di oscurità seguiranno l'Avvertimento e il Tempo dei Rifugi e culmineranno nei Castighi Divini, consiglieremmo personalmente di non essere troppo presi dai dettagli di questo evento e allo stesso modo metteremo in guardia contro il dispiacere per i preparativi fisici. Sfortunatamente, i Tre giorni dell'oscurità, al di là di qualsiasi altra profezia, ha generato una paura indebita e speculazioni selvagge. D'altra parte, dovremmo anche ora conoscere l'essenza di ciò che sta arrivando; perché se non fosse la volontà di Dio che lo sappiamo, allora il paradiso (che può solo fare la sua volontà) non ci avrebbe rivelato la natura di questo evento.

Te l'ho detto in modo che quando arriva la loro ora ti ricordi che te l'ho detto. (John 16: 4)

Passiamo ora a poche di queste rivelazioni.

Dio manderà due punizioni: una sarà sotto forma di guerre, rivoluzioni e altri mali; deve provenire dalla terra. L'altro verrà inviato dal cielo. Verrà su tutta la terra un'intensa oscurità della durata di tre giorni e tre notti. Nulla può essere visto e l'aria sarà carica di pestilenza che rivendicherà principalmente, ma non solo, i nemici della religione. Sarà impossibile usare qualsiasi illuminazione artificiale durante questa oscurità, tranne le candele benedette ... Tutti i nemici della Chiesa, sia noti che sconosciuti, periranno su tutta la terra durante quell'oscurità universale, con l'eccezione di alcuni che Dio convertirà presto. —Blessed Anna Maria Taigi (m. 1837)

Citando i particolari, scrive il Rev. R. Gerald Culleton I profeti e i nostri tempi:

Ci saranno tre giorni di oscurità, durante i quali l'atmosfera sarà infettata da innumerevoli diavoli, che causeranno la morte di una moltitudine di uomini increduli e malvagi. Le sole candele benedette saranno in grado di illuminare e preservare i fedeli cattolici da questo terribile flagello imminente. I prodigi soprannaturali devono apparire nei cieli. Ci deve essere una guerra breve ma furiosa, durante la quale i nemici della religione e dell'umanità saranno distrutti universalmente. Seguiranno una pacificazione generale del mondo e il trionfo universale della Chiesa. —Palma Maria d'Oria (m. 1863); p. 200

Tutti gli stati saranno scossi dalla guerra e dai conflitti civili. Durante un'oscurità della durata di tre giorni, le persone date alle vie malvagie periranno così che solo un quarto dell'umanità sopravviverà. Anche il clero sarà notevolmente ridotto di numero, poiché la maggior parte di loro morirà in difesa della fede o del loro paese. —Sorella Maria di Gesù Crocifisso (m. 1878); p. 206

Riassumendo molte interpretazioni del profeta sull'evento, il Rev. R. Gerald Culleton scrive:

Quando tutto sembra senza speranza per le forze cristiane, Dio farà un "miracolo meraviglioso", o come alcuni profeti fanno riferimento ad esso, "un grande evento" o "un evento terribile", a favore del proprio. Durante questo fenomeno, il vero santo non sarà danneggiato e terribile, anche se lo sarà. tuttavia possiamo essere consolati dal fatto che segnerà la fine dei castighi di Dio. Sembrerebbe che l'evento menzionato vagamente da così tanti veggenti, sia quello specificato da altri come tre giorni di oscurità con il sole e la luna, per così dire. trasformandosi in sangue. L'aria sarà avvelenata, uccidendo così la maggior parte dei nemici della chiesa di Cristo. Durante questi tre giorni, l'unica luce disponibile per gli uomini saranno le candele benedette e una candela brucerà l'intero periodo. Tuttavia, anche le candele benedette non si accenderanno nelle case degli senza Dio. Tuttavia, una volta che la candela è accesa da uno nello stato di grazia, non si spegnerà fino a quando non sarà finita l'oscurità dei tre giorni. Questo "grande evento" introdurrà in pace il mondo travagliato. Sarebbe una sorta di rievocazione delle tre ore di oscurità "su tutta la terra" alla crocifissione di Cristo, e un'anteprima di ciò che segnerà la fine del regno dell'Anticristo. -p. 45

Per ulteriori parole e riferimenti ai Tre giorni di oscurità nelle Scritture, clicca qui leggere il post di Mark Mallett da "La Parola Adesso. "

 

Guarda:

Ascolta:

L'era della pace

Questo mondo sperimenterà presto l'era d'oro più gloriosa che abbia mai visto dal Paradiso stesso. È la Venuta del Regno di Dio, in cui la Sua Volontà sarà compiuta sulla terra come in Cielo. Il nostro appello nella preghiera del Signore, "Il tuo regno viene, la tua volontà sarà fatta", riceverà risposta nel modo più bello. È il trionfo del Cuore Immacolato di Maria. È la nuova Pentecoste. È il Era di pace. Ma prima di condividere alcuni dettagli di come sarà, un compito importante deve essere completato.

Dobbiamo risolvere ciò che è l'Era non:

  • Non è il paradiso; glorioso come sarà l'Era, è un semplice nulla rispetto al Cielo e durante l'Era desidereremo ardentemente il Paradiso ancora di più con fervore di quanto facciamo ora, e non vediamo l'ora che arrivi il Paradiso ancora di più eccitazione di quello che attualmente ospitiamo!
  • Non è la visione beatifica; avremo ancora bisogno della fede.
  • Non è l'Eterna Risurrezione; moriremo ancora e saremo ancora in grado di soffrire.
  • Non è una conferma assoluta nella grazia; il peccato rimarrà una possibilità ontologica.
  • Non è la perfezione definitiva della Chiesa (che si trova solo nella Festa del matrimonio celeste); resteremo la Chiesa Attivista, non ancora la Chiesa Trionfante.
  • Non è un passa dell'età della Chiesa per il bene di un'Era dello Spirito, piuttosto, sarà il Trionfo della Chiesa e concomitante nuova effusione dello Spirito Santo.
  • Non è il regno fisico e visibile di Gesù sulla terra (sarebbe l'eresia del Millenarismo o del Millenarismo modificato); arriverà per mezzo di una venuta di Cristo in graziae regnerà durante l'Era sacramentalmente, non visibilmente nella carne.

(Nota: sebbene nessuna delle rivelazioni private degne di fiducia - specialmente quelle incluse in questo sito - affermi uno degli errori di cui sopra, sfortunatamente ci sono ancora alcuni autori oggi che accusano queste profezie sull'era di essere semplicemente una forma di millenarismo modificato. Questi autori stanno contraddicendo non solo il consenso profetico, ma anche il Magistero stesso. Maggiori dettagli sono disponibili nelle pagine 352-396 dell'eBook gratuito, La corona della santità.)

Prima di entrare nei dettagli, ecco un riassunto di ciò che era l'era è:

Ogni volta che i Padri della Chiesa parlano di un riposo di sabato o di un'era di pace, non predicono un ritorno di Gesù nella carne né la fine della storia umana, piuttosto accentuano il potere di trasformazione dello Spirito Santo nei sacramenti che perfeziona la Chiesa, in modo che Cristo può presentarla a se stessa come una sposa immacolata al suo ritorno finale. Riv. JL Iannuzzi, Ph.B., STB, M.Div., STL, STD, Ph.D., teologo, Lo splendore della creazione, P. 79

In "La seconda venuta" di questa linea temporale, andiamo più in dettaglio sul "riposo del sabato" come preparazione per il ritorno di Cristo nella carne alla fine del mondo. Ma ora, vediamo solo una piccola anteprima di ciò che Gesù ha rivelato a Serva di Dio, Luisa Piccarreta su ciò che possiamo aspettarci in questa imminente e gloriosa Era di pace universale (è possibile trovare altre di queste rivelazioni in questo post):

La creazione sarà rinnovata

Attendo con ansia che la mia Volontà possa essere conosciuta e che le creature possano Viverci. Quindi, mostrerò così tanta opulenza che ogni anima sarà come una nuova creazione, bella ma distinta da tutte le altre. Mi divertirò; Sarò il suo insuperabile architetto; Mostrerò tutta la mia arte creativa ... Oh, come desidero questo; come lo voglio; come lo desidero! La creazione non è finita. Devo ancora fare le mie opere più belle. (Febbraio 7, 1938)

La fede sarà ancora necessaria, ma sarà chiarita

Figlia mia, quando la mia Volontà ha il suo regno sulla terra e le anime vivono in essa, la fede non avrà più ombra, non più enigmi, ma tutto sarà chiarezza e certezza. La luce del mio Volere porterà nelle cose molto create la chiara visione del loro Creatore; le creature lo toccheranno con le proprie mani in tutto ciò che ha fatto per amore di loro. ... E mentre diceva questo, Gesù fece uscire un'ondata di gioia e di luce dal suo Cuore, che darà più vita alle creature; e con enfasi sull'amore, ha aggiunto: “Come bramo il Regno della mia Volontà. Porrà fine ai problemi delle creature e ai nostri dolori. Cielo e Terra sorrideranno insieme; Le nostre feste e le loro riacquisteranno l'ordine dell'inizio della Creazione; Metteremo un velo su tutto, in modo che le feste non possano mai più essere interrotte ”. (Giugno 29, 1928)

Il corpo umano sarà di nuovo sempre bello, forte e sano

Dobbiamo sapere che questa Era non è semplicemente una questione di persone sante che pensano, dicono e fanno cose sante. Sebbene la santità dell'Era sia di gran lunga il suo aspetto più importante, sarebbe sciocco ignorare che ci saranno molte gloriose manifestazioni fisiche di queste realtà spirituali. Gesù dice a Luisa:

... [dopo la caduta] anche il corpo ha perso la sua freschezza, la sua bellezza. Divenne debilitato e rimase soggetto a tutti i mali, condividendo i mali della volontà umana, proprio come aveva condiviso il bene. Quindi, se la volontà umana viene guarita dandole di nuovo la vita della mia Divina Volontà, come per magia, tutti i mali della natura umana non avranno più vita. (Luglio 7, 1928)

Troppo spesso dimentichiamo che ogni degrado, incluso quello fisico, è il risultato del peccato (anche se indiretto). Gesù ha persino rivelato questa realtà a San Gertrude il Grande. Mentre leggiamo La vita e le rivelazioni di San GertrudeGesù disse a questo santo che:

Non puoi mai capire tutta la dolcezza reciproca che la Mia Divinità prova verso di te ... questo movimento di grazia ti glorifica, mentre il Mio Corpo fu glorificato sul Monte Thabor in presenza dei Miei tre amati discepoli; così che posso dire di te, nella dolcezza della mia carità: "Questa è la mia amata figlia, di cui mi fa molto piacere". Perché è proprietà di questa grazia comunicare al corpo e alla mente una meravigliosa gloria e luminosità. [1]La vita e le rivelazioni di San Gertrude. "Da un religioso dell'ordine delle Clarisse." 1865. Pagina 150.

Questa proprietà della grazia, sebbene di solito ampiamente velata da questo lato dell'Era, scorrerà liberamente tra il fisico e lo spirituale all'alba della stessa. Ovviamente, non c'è "magia" che sta accadendo qui; Gesù dice che queste trasformazioni fisiche avverranno "come per magia" a causa di quanto veloci e sostanziali saranno, e perché all'inizio sarà difficile per noi vedere come sono emerse, finché non cresciamo nella nostra comprensione che non è normale o naturale che tali gloriosi beni spirituali non riescano a far corrispondere il regno fisico ad essi.

La morte accadrà, ma senza intoppi e magnificamente, e tutti i corpi rimarranno incorrotti

Poiché la vita nell'era è così vicina al cielo (come lo è la vita per chi vive ancora oggi nella Divina Volontà), non è quasi nemmeno un esilio, ma più di un felice pellegrinaggio; e il ritorno nella Patria celeste - cioè la morte - è una cosa liscia e gloriosa. Gesù dice a Luisa:

La morte non avrà più potere nell'anima; e se lo avrà sopra il corpo, non sarà la morte, [2]Cioè, la sua morbidezza sarà così diversa dal modo in cui oggi si verificano la maggior parte delle morti che difficilmente può essere chiamata "morte" se confrontata - anche se tecnicamente comporterà lo stesso risultato: l'anima che si allontana dal corpo. La morte di Luisa è senza dubbio l'esempio per eccellenza qui, dove c'era una pace perfetta, e per giorni non sono stati in grado di dire se fosse morta (vedi www.SunOfMyWill.com) ma transito. Senza il nutrimento del peccato e una volontà umana degradata che ha prodotto corruzione nei corpi e con il nutrimento preservante della Mia Volontà, anche i corpi non saranno soggetti a decomposizione e corruzione così orribilmente da colpire la paura anche nei più forti, come succede adesso; ma rimarranno composti nei loro sepolcri, aspettando il giorno della risurrezione di tutti ... Il Regno del Fiat Divino farà il grande miracolo di bandire tutti i mali, tutte le miserie, tutte le paure, perché non compirà un miracolo al tempo e alle circostanze, ma manterrà i figli del suo Regno con se stesso con un atto di continuo miracolo, per preservarli da qualsiasi male e lasciarli distinguere come figli del suo Regno. Questo, nelle anime; ma anche nel corpo ci saranno molte modifiche, perché è sempre il peccato che è il nutrimento di tutti i mali. Una volta rimosso il peccato, non ci sarà nutrimento per il male; ancora di più, poiché la Mia Volontà e il peccato non possono esistere insieme, quindi anche la natura umana avrà i suoi effetti benefici. (Ottobre 22, 1926)

Tutti i cattolici sanno che molti santi sono perfettamente incorrotti; i loro corpi giacciono nelle loro tombe senza mostrare il minimo accenno di decomposizione e non emanando altro che un piacevole aroma. Ecco come tutta la morte traspirerà durante l'Era.

Ci sarà una sovrabbondanza anche di beni naturali e tutto sarà felice

Gesù dice a Luisa:

... la povertà, l'infelicità, i bisogni e i mali saranno banditi dai figli della mia Volontà. Non sarebbe decoroso per la mia Volontà, così immensamente ricca e felice, avere figli a cui mancherebbe qualcosa e non godrebbe di tutta l'opulenza dei suoi beni che sorgono continuamente.

Figlia mia, guarda quanto è bello l'ordine dei cieli. Allo stesso modo, quando il Regno della Divina Volontà avrà il suo dominio sulla terra in mezzo alle creature, anche sulla terra ci sarà un ordine perfetto e bello ... Proprio come tutte le cose create, così anche tutti i figli del Regno di la Fiat Suprema ha il suo posto d'onore, di decoro e di dominio; e pur possedendo l'ordine dei cieli e, più che le sfere celesti, essendo in perfetta armonia tra loro, l'abbondanza di beni che ciascuno avrà sarà tale e così grande, che uno non avrà mai bisogno dell'altro - ognuno avrà avere in sé la fonte dei beni del suo Creatore e della sua perenne felicità.

Pertanto, ognuno avrà la pienezza dei beni e la piena felicità nel luogo in cui la Volontà Suprema lo ha posto; qualunque sia la condizione e l'ufficio che occuperanno, tutti saranno felici del loro destino. (Gennaio 28, 1927)

Gesù dice anche a Luisa che "gli elementi sono tutti in attesa" per "liberare dal loro grembo materno tutti i beni e gli effetti che contengono". Il sole, le piante, l'aria, l'acqua; tutto ci fornirà in modo esponenziale più buono di quello che attualmente riceviamo da ciascuno.

Il capitolo 11, 6-9 di Isaia sarà adempiuto:

Allora il lupo sarà ospite dell'agnello,

e il leopardo si sdraierà con la giovane capra;

Il vitello e il giovane leone devono navigare insieme,

con un bambino piccolo per guidarli.

La mucca e l'orso pascolano,

insieme i loro giovani si sdraieranno;

il leone mangerà fieno come il bue.

Il bambino deve giocare vicino alla tana della vipera,

e il bambino posò la mano sulla tana dell'adder.

Non danneggeranno né distruggeranno su tutto il mio santo monte;

poiché la terra sarà piena di conoscenza dell'Eterno,

come l'acqua copre il mare.

 

I Sacramenti saranno ricevuti non solo come medicina per i malati, ma come cibo per i sani

Contrariamente alle varie eresie dispensazionaliste e joachimiste, [3]Tescatologie flessibili che derivano dall'eredità spirituale di Gioacchino da Fiore, che il CDF ha respinto. Gesù chiarisce a Luisa che questa era implica Trionfo della Chiesa, non la sua scomparsa: i Sacramenti vengono finalmente ricevuti con tutto il loro potere realizzato, non i Sacramenti terminano o non vengono più ricevuti. Gesù dice a Luisa:

Il Regno della mia Volontà sarà la vera eco della Patria Celeste, in cui, mentre i Beati possiedono il loro Dio come propria vita, Lo ricevono in se stessi anche dall'esterno. Quindi, dentro e fuori di sé, la Vita Divina che possiedono e la Vita Divina che ricevono. Quale non sarà la mia felicità nel donarmi sacramentalmente ai figli dell'Eterno Fiat e nel trovare la mia Vita in loro? Allora la mia vita sacramentale avrà il suo frutto completo; e man mano che le specie vengono consumate, non avrò più il dolore di lasciare i miei figli senza il cibo della mia Vita continua, perché la mia Volontà, più che gli incidenti sacramentali, manterrà la sua Vita Divina sempre con il suo pieno possesso. Nel Regno della mia Volontà non ci saranno né cibi né comunioni che vengono interrotti - ma perenni; e tutto ciò che ho fatto in Redenzione non servirà più come rimedio, ma come gioia, gioia, felicità e bellezza in continua crescita. Quindi, il trionfo della Fiat Suprema darà frutti completi al Regno della Redenzione. (Novembre 2, 1926)

Attraverso Luisa, Gesù ci sta implorando di accelerare questo Regno!

L'arrivo del regno è una garanzia; niente e nessuno può fermarlo. Ma quando arriva esattamente dipende dalla nostra risposta! Gesù dice a Luisa:

La prima necessità indispensabile per ottenere il Regno del Divino La volontà è chiederlo con preghiere incessanti… [il] seconda necessità, più indispensabile del primo, per ottenere questo Regno: è necessario sapere che si può avere. … Il il terzo mezzo necessario è sapere che Dio vuole dare questo Regno. (20 marzo 1932) Anche se brucio dal desiderio di vedere regnare la mia Divina Volontà, tuttavia non posso fare questo Dono prima di aver manifestato le Verità ... Attendo con divina e delirante pazienza che le Mie Verità si facciano strada...Più che padre Desideriamo ardentemente dare il grande dono della nostra volontà ai nostri figli, ma vogliamo che sappiano cosa stanno ricevendo... (15 maggio 1932)

Ora che ti è stato presentato quanto sarà stupefacente questa Era, spero che tu sia colmo del santo desiderio di accelerare il suo arrivo. Sai perché non è ancora arrivato?

Perché non abbastanza persone lo stanno proclamando.

Gesù dice a Luisa:Tutto ciò che serve sono quelli che si offrirebbero per essere i banditori, e con coraggio, senza temere nulla, affrontando sacrifici per far conoscere [le rivelazioni di Gesù sulla Divina Volontà] ”. (25 agosto 1929) Ovviamente ciò non preclude la risposta a nessuno dei messaggi urgenti che il Cielo ci ha dato in merito alla nostra chiamata in questi ultimi tempi: conversione, preghiera (in particolare il Rosario e la Coroncina della Divina Misericordia), frequentare i Sacramenti, leggere le Scritture , il digiuno, il sacrificio, le opere di misericordia, la consacrazione alla Sacra Famiglia, ecc. Il punto è, quando finalmente le persone si rendono conto che si garantisce che questi lavori portino presto i loro frutti; non solo in Cielo, ma anche sulla Terra, allora si impegneranno in questa sacra chiamata con ancora più vigore e il Regno arriverà molto presto. Ma cosa è necessario per arrivare a questa realizzazione? Che tu proclami il Regno!

Potresti benissimo essere l'unico proclamatore necessario per consentire al Regno di venire. Non ritardare. Niente scuse. Fa in modo che succeda. Ad ogni costo.

Gesù promette a Luisa che ricompenserà "sovrabbondante"Coloro che promuovono la Divina Volontà; così sorprendentemente, infatti, che "stupirà il cielo e la terra" (28 febbraio 1928)

"Pertanto, tu — prega, e lascia che il tuo grido sia continuo: 'Possa il Regno della tua Fiat, e la tua Volontà essere fatta sulla terra come è in Paradiso. (Maggio 31, 1935)

Daniel O'Connor, autore di La corona della santità ha pubblicato alcune idee e risorse su come procedere per proclamarlo www.DSDOConnor.com

Per quanto riguarda l'era della pace, vedi anche i post sul blog di Mark Mallett su "La Parola Adesso"

Caro Santo Padre ... Sta arrivando!

Ripensare i tempi finali

Come l'era era persa

L'era della pace durante la rivelazione privata

Mentre le rivelazioni di Gesù a Luisa Piccarreta potrebbero essere solo le più ricche di riferimenti e descrizioni della prossima Era, sono tutt'altro che sole in queste profezie. In effetti, le profezie riguardanti la prossima Era sono così unanimi nella rivelazione privata che sono senza dubbio sorti alla statura del Sensus Fidelium si! Fai clic qui per alcuni brevi frammenti di alcuni esempie assicurati di continuare a navigare in questo sito Web per una maggiore profondità! Ancora più importante, dovremmo ricordare che le profezie dell'era non si trovano semplicemente nella rivelazione privata, ma piuttosto permeano la Scrittura, il Padri della Chiesa e Magistero Pontificio come pure.

Guarda la parte I:

Ascolta la prima parte:

 

Guarda la seconda parte:

Ascolta la parte II:

Le note

Le note

1 La vita e le rivelazioni di San Gertrude. "Da un religioso dell'ordine delle Clarisse." 1865. Pagina 150.
2 Cioè, la sua morbidezza sarà così diversa dal modo in cui oggi si verificano la maggior parte delle morti che difficilmente può essere chiamata "morte" se confrontata - anche se tecnicamente comporterà lo stesso risultato: l'anima che si allontana dal corpo. La morte di Luisa è senza dubbio l'esempio per eccellenza qui, dove c'era una pace perfetta, e per giorni non sono stati in grado di dire se fosse morta (vedi www.SunOfMyWill.com)
3 Tescatologie flessibili che derivano dall'eredità spirituale di Gioacchino da Fiore, che il CDF ha respinto.

Il ritorno dell'influenza di Satana

La Chiesa insegna che Gesù, davvero, tornerà nella gloria e che questo mondo, come lo conosciamo, si fermerà bruscamente. Eppure questo non accadrà prima di una feroce battaglia cosmica in cui il nemico farà la sua ultima offerta per il dominio del mondo (Catechismo della Chiesa Cattolica, 675-677). Per porre fine all'era della pace, il male troverà di nuovo la sua strada nei cuori umani, molto nel modo misterioso in cui Lucifero, un tempo potente angelo di Dio in cielo, il suo "Portatore di luce", in qualche modo passò da grandi altezze di santità a un male così oscuro che convinse un terzo degli angeli a unirsi a lui in uno sforzo condannato, che li portò a un eterno incendio infernale. 

La parola "Armageddon" è il simbolo di questo finale di scontri finali, l'ultima grande battaglia delle epoche tra il bene e il male che avrà luogo prima della fine del mondo (Apocalisse 16:16). "Har" in ebraico significa montagna, e nella storia dell'Antico Testamento, "Megiddo" fu un luogo di numerose battaglie decisive a causa dell'ampia pianura che si trovava davanti ad essa. Deborah e Barak sconfissero lì Sisera e il suo esercito cananeo (Giudici 4-5), Gideon scacciò i Madianiti e gli Amalekiti (Giudici 6), Saul e l'esercito di Israele furono sconfitti a causa della loro incapacità di confidare in Dio (1 Sam 31) e l'esercito egiziano sotto il faraone Neco uccise Giosia, re di Giuda (2 Kings 23: 29). 

Vediamo accenni di questa guerra finale in Apocalisse 16:14 e in Apocalisse 20: 7-9, dove Satana viene scatenato attraverso il misterioso "Dio e Magog" di Rivelazione e raduna nemici dai quattro angoli della terra (in sostanza, ovunque) .

Prima della fine dei mille anni il diavolo sarà sciolto di nuovo e riunirà tutte le nazioni pagane per fare la guerra contro la città santa ... "Allora l'ultima rabbia di Dio verrà sulle nazioni e le distruggerà completamente" e il mondo scenderà in una grande conflagrazione. —4 ° secolo scrittore ecclesiastico, Lattanzio, “I Divini Istituti”, I padri ante-nicene, Vol 7, pag. 211

Circonderanno l'accampamento dei cristiani, ma il fuoco dal cielo li consumerà:

Quando i mille anni saranno completati, Satana sarà rilasciato dalla sua prigione. Uscirà per ingannare le nazioni ai quattro angoli della terra, Gog e Magog, per radunarle per la battaglia; il loro numero è come la sabbia del mare. Hanno invaso l'ampiezza della terra e circondato il campo dei santi e la città amata. Ma il fuoco è sceso dal cielo e li ha consumati. Il Diavolo che li aveva condotti fuori strada fu gettato nella pozza di fuoco e zolfo, dove si trovavano la bestia e il falso profeta. Là saranno tormentati giorno e notte nei secoli dei secoli. (Apocalisse 20: 7-9)

Quindi, il Catechismo dice: 

Il regno sarà adempiuto, quindi, non con uno storico trionfo della Chiesa attraverso una progressiva ascesa, ma solo con la vittoria di Dio sull'ultimo scatenamento del male, che farà scendere la sua Sposa dal cielo. Il trionfo di Dio sulla rivolta del male prenderà la forma del Giudizio Universale dopo l'ultimo sconvolgimento cosmico di questo mondo che passa. -Catechismo della Chiesa Cattolica, n. 677

Segui

Podcast

The Second Coming

Gesù disse a Santa Faustina:

Preparerai il mondo per la mia venuta finale. -Divina Misericordia nella Mia Anima, Diario, n. 429

Se uno prendesse questa affermazione in senso cronologico, come un'ingiunzione per prepararsi, per così dire, immediatamente per la Seconda Venuta, sarebbe falso. —Papa BENEDETTO XVI, Luce del mondo, una conversazione con Peter Seewald, p. 180-181

 

Tutto è pronto ora

Cerca un momento nell'immagine della sequenza temporale sopra. Guarda come stiamo procedendo verso l'eventuale, letterale sorgere del sole, che è Gesù Cristo Nostro Signore. Ma ci hai anche sentito parlare qui di Gesù che veniva per l'era della pace. Che cosa sembra questa "via di mezzo?" Secondo i Padri della Chiesa primitiva, i papie un vasto corpo di rivelazione mistica, non è la venuta di Gesù nella carne (l'eresia di millenarismo) ma il suo presenza interiore in un modo tutto nuovo. L'Era della Pace è il compimento del "Padre Nostro" quando il Suo Regno verrà e sarà compiuto "sulla terra com'è in cielo". Nelle parole di San Bernardo:

Sappiamo che ci sono tre venute del Signore. Il terzo si trova tra gli altri due. È invisibile, mentre gli altri due sono visibili. Nella prima venuta, fu visto sulla terra, dimorare tra gli uomini ... Nella venuta finale tutta la carne vedrà la salvezza del nostro Dio e guarderanno a lui che hanno trafitto. L'arrivo intermedio è nascosto; in esso solo gli eletti vedono il Signore dentro di sé e vengono salvati. Nella sua prima venuta, Nostro Signore venne nella nostra carne e nella nostra debolezza; in questa venuta di mezzo viene in spirito e potere; nell'ultima venuta sarà visto in gloria e maestà ... Nel caso in cui qualcuno dovrebbe pensare che ciò che diciamo di questa venuta di mezzo sia pura invenzione, ascolta ciò che il nostro stesso Signore dice: Se qualcuno mi ama, manterrà la mia parola, e mio padre lo amerà e noi verremo da lui. -St. Bernardo, Liturgia delle Ore, Volume I, p. 169

Questa idea di una "venuta di mezzo" prima della venuta finale di Cristo nella carne non è una novità, afferma Benedetto XVI:

Mentre la gente aveva precedentemente parlato solo di una duplice venuta di Cristo - una volta a Betlemme e di nuovo alla fine dei tempi - San Bernardo di Chiaravalle parlò di un adventus medius, un arrivo intermedio, grazie al quale rinnova periodicamente il suo intervento nella storia. Credo che la distinzione di Bernard colpisca la nota giusta ... -Luce del mondo, p.182-183, Una conversazione con Peter Seewald

È la venuta di Cristo a dimorare nei suoi santi; ripetere in essi la propria vita interiore nell'unione ipostatica della sua volontà umana con la Divina Volontà.

... in Cristo si realizza il giusto ordine di tutte le cose, l'unione di cielo e terra, come Dio il Padre ha voluto sin dall'inizio. È l'obbedienza di Dio Figlio Incarnato che ristabilisce, ripristina, l'originale comunione dell'uomo con Dio e, quindi, la pace nel mondo. La sua obbedienza unisce ancora una volta tutte le cose, "cose ​​in cielo e cose sulla terra". —Il cardinale Raymond Burke, discorso a Roma; 18 maggio 2018

E così, tutti coloro che "vivono nella Divina Volontà" nell'Era della Pace godranno della presenza interiore di Cristo in un modo tutto nuovo come "Santità delle santità" perché vivrà la sua vita divina in esse.

È la grazia di incarnarmi, di vivere e crescere nella tua anima, di non lasciarla mai, di possederti e di essere posseduto da te come nella stessa sostanza. Sono io che lo comunico alla tua anima in un compenetramento che non può essere compreso: è la grazia delle grazie ... È un'unione della stessa natura dell'unione dei cieli, tranne che in paradiso il velo che nasconde la Divinità scompare ... —Blessed Conchita (María Concepción Cabrera Arias de Armida), citata in La corona e il completamento di tutte le santità, di Daniel O'Connor, pag. 11-12; nb. Ronda Chervin, Cammina con me, Gesù

È questo "dono di vivere nella Divina Volontà" che prepara la Sposa di Cristo alla Finale o "Seconda Venuta" di Gesù, come viene chiamata nella Tradizione. Come scrisse San Paolo:

Ci ha scelto in lui, prima della fondazione del mondo, per essere santi e senza macchia davanti a lui ... affinché potesse presentare a se stesso la chiesa in splendore, senza macchia o rughe o cose del genere, che potesse essere santa e senza imperfezioni . (Ef 1: 4, 5:27)

È l'arrivo del Regno entro che rende la Chiesa simile al immaculata, una sposa adatta e bella per lo sposo, per ...

... [Maria] è l'immagine più perfetta della libertà e della liberazione dell'umanità e dell'universo. È a lei come Madre e Modello che la Chiesa deve guardare per comprendere nella sua completezza il significato della propria missione.  —POPE GIOVANNI PAOLO II, Redemptoris Mater, nf. 37

Ci ha scelto in lui, prima della fondazione del mondo, per essere santi e senza macchia davanti a lui ... affinché potesse presentare a se stesso la chiesa in splendore, senza macchia o rughe o cose del genere, che potesse essere santa e senza imperfezioni . (Ef 1: 4, 5:27)

Rallegriamoci, rallegriamoci e diamo gloria a lui. Per il giorno del matrimonio dell'Agnello, la sua sposa si è preparata. Le fu permesso di indossare un indumento di lino pulito e luminoso. (Ap 19: 7-8)

Durante l'Era della Pace, i diritti divini dei figli di Dio vengono restituiti; l'armonia tra uomo e creazione viene ristabilita; e la preghiera di Gesù per "un solo gregge" è adempiuta.

"E ascolteranno la mia voce e ci saranno una piega e un pastore." Possa Dio ... a breve portare a compimento la Sua profezia per trasformare questa visione consolante del futuro in una realtà presente ... È compito di Dio realizzare questo happy hour e farlo conoscere a tutti ... Quando arriverà, si rivelerà essere un'ora solenne, una grande con conseguenze non solo per la restaurazione del Regno di Cristo, ma per la pacificazione del ... mondo. Preghiamo con fervore e chiediamo anche agli altri di pregare per questa tanto desiderata pacificazione della società. —Papa Pio XI, Ubi Arcani dei Consilioi “Sulla pace di Cristo nel suo regno”, Dicembre 23, 1922

La gloriosa venuta del Messia è sospesa in ogni momento della storia fino al suo riconoscimento da parte di "tutto Israele", poiché "un indurimento è venuto su parte di Israele" nella loro "incredulità" verso Gesù. -Catechismo della Chiesa Cattolica, nf. 674

Questa "pacificazione" è ciò che il Padre della Chiesa ha definito un "riposo di sabato" per la Chiesa. O come affermava Sant'Ireneo:

... i tempi del regno, cioè il resto, il consacrato settimo giorno ... Questi devono avvenire nei tempi del regno, cioè il settimo giorno ... il vero Sabbath dei giusti. -Adversus Haereses, Ireneo di Lione, V.33.3.4, I padri della Chiesa, CIMA Publishing Co.

È l'ultima tappa della Chiesa prima della Venuta finale del Signore:

Poiché questa [metà] venuta si trova tra le altre due, è come una strada sulla quale viaggiamo dalla prima all'ultima. Nel primo, Cristo era la nostra redenzione; nell'ultimo apparirà come la nostra vita; in questa venuta di mezzo, è il nostro riposo e la nostra consolazione ... Nella sua prima venuta, Nostro Signore venne nella nostra carne e nella nostra debolezza; in questa venuta di mezzo viene in spirito e potere; alla fine verrà visto in gloria e maestà ... -St. Bernardo, Liturgia delle Ore, Volume I, p. 169

 

Madonna, la grande chiave

Quindi, alla luce di ciò, considera l'immagine della linea temporale sopra un'ultima volta. Se l'Era della Pace è il "settimo giorno", allora "l'ottavo giorno" è l'eternità, secondo il Primo Padre della Chiesa, Lattanzio:

Si riposerà davvero il settimo giorno ... dopo aver dato riposo a tutte le cose, farò l'inizio dell'ottavo giorno, cioè l'inizio di un altro mondo. —Lettere di Barnaba (70-79 d.C.), scritta da un padre apostolico del II secolo

Quindi, come ogni giorno, è preceduto da una "stella del mattino". Ai nostri tempi, quella "stella del mattino" è la Madonna:

Maria, la stella splendente che annuncia il Sole. —POPE ST. GIOVANNI PAOLO II, Incontro con i giovani alla base aerea di Cuatro Vientos, Madrid, Spagna; 3 maggio 2003; vaticano.va

Eppure, nel libro dell'Apocalisse, Gesù descrive lui stesso la "stella del mattino."[1]Rev 22: 16 E lo promette:

Al vincitore, che mi seguirà fino alla fine, darò autorità sulle nazioni. Li governerà con una bacchetta di ferro. Come i vasi di terracotta saranno fracassati, proprio come ho ricevuto l'autorità da mio Padre. E a lui darò la stella del mattino. (Ap 2: 26-28)

La vittoria, quindi, per coloro che attraversano fedelmente la Grande Tempesta, è il dono di Gesù stesso, realizzato interiormente in ciò che San Giovanni Paolo II chiamava una "Nuova e Divina Santità" o ciò che altri mistici chiamano "la continua partecipazione all'unica operazione eterna della Trinità; la piena realizzazione dei poteri dell'anima; la condivisione nel primo movimento di Dio ; il divino ed eterno modo di santità; la più grande santità; e la vita reale di Gesù nell'anima, ecc. " [2]cfr La corona della santità: sulle rivelazioni di Gesù a Luisa Piccarreta [[Pp. 110-111]

Viene così in piena vista la "chiave" e l'ermeneutica della storia della salvezza: la Vergine Maria è il prototipo. Precede la Chiesa, non solo come sua madre, ma come immagine di ciò che la Chiesa deve diventare: immacolata, santa, una con la Divina Volontà.

Santa Maria ... sei diventata l'immagine della Chiesa a venire ... —Papa BENEDETTO XVI, Spe Salvi, n. 50

Ciò che diciamo di Maria si rispecchia nella Chiesa; ciò che diciamo della Chiesa si riflette in Maria.

Quando si parla di uno dei due, il significato può essere compreso da entrambi, quasi senza qualifica. —Benedetto Isacco di Stella, Liturgia delle Ore, Vol. Io, pag. 252

Quindi, è solo quando la Chiesa stessa diventa la stella del mattino attraverso un'incarnazione mistica del suo Signore che tornerà nella carne nella gloria:

La Chiesa, che comprende gli eletti, è all'alba o all'alba in stile appropriato ... Sarà completamente giorno per lei quando brilla con il perfetto splendore della luce interiore. -St. Gregorio Magno, Papa; Liturgia delle Ore, Vol III, pag. 308

 

La venuta finale

Quando Gesù verrà di nuovo, sarà come disse Bernardo, "in gloria e maestà". E questa volta sarà nella carne:

Viene per giudicare i vivi e i morti nella stessa carne in cui è asceso. -St. Leone Magno, Sermone 74

Cristo è stato visto per l'ultima volta sulla terra nella carne durante la sua ascensione al cielo. E gli Apostoli presenti, incapaci di distogliere lo sguardo dal punto, furono istruiti dagli angeli in seguito,

Uomini di Galilea, perché state guardando il paradiso? Questo Gesù, che è stato portato da te in cielo, verrà nello stesso modo in cui l'hai visto andare in paradiso. (Atti 1: 11)

San Tommaso d'Aquino spiega,

Sebbene, essendo stato condannato ingiustamente, Cristo meritasse il suo potere giudiziario, non giudicherà con l'apparenza di infermità in cui fu giudicato ingiustamente, ma sotto l'apparenza della gloria in cui ascese al Padre. Quindi il luogo della sua ascensione è più adatto al giudizio. —Summa Teologica, Supplemento alla terza parte. Q 88. Articolo 4

Dobbiamo ricordare che nessuno conosce "quel giorno o quell'ora" (Matteo 24:36). Di conseguenza, la durata dell'Era stessa che precede questa Venuta Finale è misteriosa. Sebbene si possa trovare una piccola manciata di presunte profezie riguardanti la durata dell'Era negli scritti di alcuni mistici, siamo inclini a dire che è lecito considerare queste predizioni come forse le pie immaginazioni del mistico che viene confuso con un autentico rivelazione. Perché, se il Cielo avesse rivelato la lunghezza dell'Era, allora tutti i cittadini dell'Era sarebbero privati ​​di quella gioia travolgente che proveranno ogni mattina, guardando il sorgere del sole, come pensano a se stessi "Forse domani non vedrò il sorgere del sole, ma la venuta del Figlio stesso che desidero tanto vedere faccia a faccia."

Quando si tratta degli eventi che precedono immediatamente la Venuta Finale, abbiamo certamente a che fare con l'enigma. Sebbene alcuni autori recenti - che hanno fatto grandi sforzi per generare i propri tentativi di un sistema escatologico-speculativo completo (e in alcuni casi hanno scritto lunghi libri sullo stesso) - insistono sul fatto che la Venuta Finale sia subito dopo l'Anticristo (e, se sostengono un'era di pace, la mettono davanti all'Anticristo), è diventato chiaro, dagli insegnamenti affidabili dei Padri della Chiesa primitiva e dal consenso unanime dell'intera era moderna di affidabile rivelazione privata, che questa speculazione è sbagliata.

Per questo summenzionato consenso che abbiamo esposto sopra ha semplicemente rivendicato la chiara lettura del Libro dell'Apocalisse, che troppi studiosi moderni hanno cercato di oscurare insistendo su semplicemente letture simboliche della quasi totalità - un approccio destinato a fallire quando applicato in qualsiasi libro delle Scritture. Quindi, per riassumere la nostra linea temporale: L'avvertimento, i castighi e l'arrivo dell'Anticristo è imminente. Dopo il suo regno (e la sua sconfitta) arriva il regno simbolico di "mille anni" di Cristo, sulla terra nella sua Chiesa, in grazia. Segue la misteriosa esplosione di "Gog e Magog" alla fine di questo regno in ciò che porta il mondo alla fine e inaugura la Venuta fisica finale di Cristo.

Il regno sarà adempiuto, quindi, non con uno storico trionfo della Chiesa attraverso una progressiva ascesa, ma solo con la vittoria di Dio sull'ultimo scatenamento del male, che farà scendere la sua Sposa dal cielo. Il trionfo di Dio sulla rivolta del male prenderà la forma del Giudizio Universale dopo l'ultimo sconvolgimento cosmico di questo mondo che passa. -Catechismo della Chiesa Cattolica, 677

La vecchia Enciclopedia cattolica riassume tutti i suoi insegnamenti con le seguenti dichiarazioni concise:

Con l'adempimento della frase pronunciata nell'ultimo giudizio, le relazioni e le relazioni del Creatore con la creatura trovano il loro culmine, vengono spiegate e giustificate. Allo scopo divino raggiunto, la razza umana raggiungerà, di conseguenza, il suo destino finale.

O come disse Gesù a Luisa Piccarreta, "Il paradiso è il destino dell'uomo". E con ciò, Nostro Signore chiamerà i morti in vita in modo che tutti coloro che "sono morti in Lui" possano sperimentare la gloria e la trasfigurazione dei loro corpi, poiché la nostra Regina e Madre è in Paradiso.

 

The Last Judgment

Se lo ami, non hai nulla da temere.

Anche se tutto sarà messo a nudo nel Giorno del Giudizio - non ci saranno assolutamente più segreti - questo non è nulla per i giusti da temere. Perché, come sappiamo, "Tutti hanno peccato" (Romani 3:23), e non c'è vergogna nel peccato perdonato, quindi nessuna vergogna sarà avvertita dagli eletti quando anche i loro peccati nascosti più oscuri saranno rivelati; poiché saranno felici che tutte le anime possano rallegrarsi con loro nel vedere questa sovrabbondante esposizione della Divina Misericordia.

Concludiamo questa sezione con una serie di citazioni da un libro meraviglioso - quello che Santa Teresa di Lisieux stessa ha affermato di essere tra le "più grandi grazie della sua vita" - intitolato La fine del mondo presente e i misteri della vita futura. Questo libro consiste nel testo di una serie di ritiri dati da p. Charles Arminjon nel 19 ° secolo, e condivide meravigliosi insegnamenti sulla Venuta Finale di Cristo e sugli eventi che accompagnano il suo arrivo, in particolare la gloria suprema di Dio conferita al corpo, all'anima e al suo spirt, realizzati a sua immagine.

Sia sant'Atanasio, nel suo credo, sia il Concilio Lateranense IV esprimono questa verità in termini non meno precisi e ancor più espliciti: “Tutti gli uomini”, dicono, “devono risorgere con gli stessi corpi con cui erano uniti nel vita presente. ”… Tale era la speranza incrollabile di Giobbe. Mentre sedeva sulla sua collina di letame, consumato dalla putrefazione ma con un'espressione imperturbabile e occhi splendenti, l'intero arco dei secoli gli passò per la mente. In un'estasi di gioia contemplò, nello splendore della luce profetica, i giorni in cui si sarebbe scrollato di dosso la polvere della sua bara, ed esclamò: “So che il mio Redentore vive… che io stesso vedrò; i miei occhi, non quelli di un altro, Lo vedranno ".

Questa dottrina della risurrezione è la chiave di volta, il pilastro, dell'intero edificio cristiano, il punto focale e il centro della nostra Fede. Senza di essa non c'è redenzione, le nostre credenze e la nostra predicazione sono inutili e tutta la religione si sbriciola alla base ...

Gli scrittori razionalisti hanno dichiarato che questa credenza nella risurrezione non era contenuta nell'Antico Testamento e che risale solo al Vangelo. Nulla potrebbe essere più errato ... tutti [i patriarchi e i profeti] tremano di gioia e di speranza alla prospettiva dell'immortalità promessa e celebrano questa nuova vita, che diventerà la loro oltre la tomba e non avrà fine. ...

Il corpo umano, fatto dalle sue stesse mani e ravvivato dal suo respiro, è l'epitome delle sue meraviglie, il capolavoro della sua saggezza e bontà divina. Per la bellezza e l'eleganza della sua costruzione, la nobiltà del suo portamento e gli splendori che brillano attraverso di esso, il corpo dell'uomo è infinitamente superiore a tutti gli esseri materiali che sono venuti dalle mani di Dio. È attraverso il corpo che la mente rivela il suo potere ed esercita la sua regalità. È il corpo, dice Tertulliano, che è l'organo della vita divina e dei sacramenti. È il corpo che viene lavato dall'acqua del Battesimo, affinché l'anima possa ottenere la sua purezza e chiarezza ... È il corpo che riceve l'Eucaristia e disseta con il Sangue divino, in modo che l'uomo diventi un tutt'uno con Cristo e condivida con Lui la stessa vita, può vivere in eterno ... Potrebbe il corpo dell'uomo ... essere come l'erba nei campi, esplodere nella vita per un momento, solo per diventare la preda dei vermi e l'ospite della morte per sempre? Sarebbe una bestemmia contro la Provvidenza e un affronto alla sua infinita bontà ...

Se chiedi perché Dio abbia ritenuto opportuno unire, nella stessa stessa creatura, due principi così disparati, così diversi nella loro essenza e proprietà, come la mente e il corpo; perché non desiderasse che l'uomo fosse, come gli angeli, un puro spirito, risponderò che Dio ha agito in modo tale che l'uomo potesse essere veramente il re e l'epitome di tutte le sue opere; in modo che egli possa ricapitolare, secondo la maniera di Cristo, nella sua personalità la totalità degli elementi e degli esseri creati, in modo che possa essere il centro di tutte le cose e, riunendo mente e corpo, l'ordine visibile e invisibile, servire come interprete di entrambi e offrirli contemporaneamente all'Altissimo, nel suo omaggio e adorazione ...

... la risurrezione sarà istantanea: si realizzerà in un batter d'occhio, dice San Paolo, in un istante impercettibile, in un lampo. I morti, addormentati nel sonno di molti secoli, ascolteranno la voce del Creatore e gli obbediranno con la stessa prontezza con cui gli elementi gli hanno obbedito durante i sei giorni [della Creazione]. Si scrolleranno di dosso gli indumenti della loro lunga notte e si libereranno dalla morsa della morte, con maggiore agilità di un uomo addormentato che si sveglia di soprassalto. Proprio come, anticamente, Cristo uscì dalla sua tomba con la velocità del fulmine, gettò via il suo sudario in un istante, fece sottrarre la pietra sigillata del suo sepolcro da un angelo e scagliò le guardie, mezzo morto per la paura, a terra, quindi, dice Isaia, in uno spazio di tempo ugualmente impercettibile, la morte sarà scacciata ...

Oceano e terra apriranno le loro profondità per espellere le loro vittime, proprio come la balena che aveva inghiottito Giona aprì le sue fauci per gettarlo sulla riva di Tharsis. Quindi gli esseri umani, liberi, come Lazzaro, dai vincoli della morte, si affretteranno a trasfigurarsi in una nuova vita e insulteranno il nemico crudele che si era sentito sicuro che li avrebbe bloccati in una prigionia senza fine. Diranno: “O morte, dov'è la tua vittoria? O morte, dov'è la tua puntura? ”...

La risurrezione sarà uno spettacolo grandioso e imponente che supererà tutti quelli mai visti sulla terra, eclissando persino la solennità della prima creazione ...

Con la resurrezione compiuta, la conseguenza immediata è il giudizio, che avrà luogo senza indugio ... Il giudizio generale è un dato di fatto, annunciato dai profeti; è una verità che Gesù Cristo sottolinea costantemente, una verità ratificata dalla ragione e consonante con la legge della coscienza e ogni idea di equità….

Questo giudizio è giustamente chiamato universale perché sarà esercitato su tutti i membri della razza umana, perché coprirà ogni crimine, ogni reato e perché sarà definitivo e irrevocabile ... non ci sarà più distinzione di ricchezza, nascita o rango ... le vittorie di grandi capitani, le opere concepite dal genio, le imprese e le grandi scoperte saranno considerate semplici frodi e giochi da ragazzi ...

Ciò che ha detto, realizzerà; ciò che ha fatto, lo confermerà. Ciò che una volta desiderava rimarrà eternamente fissato, poiché il cielo e la terra passeranno, ma la Parola di Dio non sarà soggetta ad alcun errore o cambiamento ...

Se Dio tace e in questo momento sembra addormentarsi, si risveglierà immancabilmente ai suoi tempi ... Se l'udienza più solenne di tutte è stata sospesa, è solo per un breve periodo ...

... tutti gli uomini malvagi, i sostenitori del pensiero libero, gli istigatori di leggi ingiuste, coloro che violano l'onore e la libertà della famiglia, i diritti e la virtù dei bambini; ma che quegli uomini che sfidano Dio e deridono le sue minacce avranno un giorno un resoconto minuto e rigoroso da rendere alla Sua giustizia ... è una verità assolutamente certa ... e, prima o poi, risolveranno quel resoconto. Nel giorno della solenne riparazione, i malvagi che hanno chiamato i giusti pazzi, che si sono inghiottiti con le loro torture e lacrime, come gli uomini che muoiono di fame divorano il pane, impareranno a loro spese che Dio non si soffre di essere deriso ... - tratto da porzioni di pagine 78-106

La fine. O meglio l'inizio ... dell'eternità.

 

Segui

Podcast

Le note

Le note

1 Rev 22: 16
2 cfr La corona della santità: sulle rivelazioni di Gesù a Luisa Piccarreta [[Pp. 110-111]