Eduardo - Pregate, i vostri sacerdoti sono in pericolo

La Madonna a Eduardo Ferreira a São José dos Pinhais, in Brasile, il 13 gennaio 2021:

Pace! Questa mattina vi invito a pregare per il Brasile. Anche questa nazione ha offeso il cuore del mio Divino Figlio Gesù con i suoi peccati e la disobbedienza alla Parola di Dio. Il tempo che ti resta per la conversione sta per scadere. Stai attento. Pregate anche per i miei figli prediletti, i Sacerdoti. Molti di loro sono ancora in pericolo. Sono qui per chiamarvi alla santità. L'avidità e la lussuria hanno separato molti Sacerdoti dalla via di Dio. Pregate per i vostri parroci, figli miei. Il diavolo cerca sempre più di contrapporre alcuni contro altri, anche nella disobbedienza alla Chiesa, criticando la persona più alta della Chiesa, il Papa.[1]“I fedeli di Cristo sono liberi di far conoscere i loro bisogni, specialmente i loro bisogni spirituali, e i loro desideri ai Pastori della Chiesa. Hanno il diritto, anzi a volte il dovere, secondo la loro conoscenza, competenza e posizione, di manifestare ai sacri Pastori le loro opinioni su questioni che riguardano il bene della Chiesa. Hanno il diritto anche di far conoscere le loro opinioni ad altri fedeli di Cristo, ma così facendo devono sempre rispettare l'integrità della fede e della morale, mostrare il dovuto rispetto ai loro Pastori e tenere conto sia del bene comune che della dignità delle persone . " - Codice di Diritto Canonico, 212

Figli miei, non stancatevi di pregare. Pregate come famiglie. Questo è il momento di pregare in unità. Ti chiedo anche di prenderti cura della natura. Ogni giorno, Dio ti ha donato aria e acqua. Prenditi cura dell'acqua. Non inquinare le molle. Vieni a bere l'acqua che ho benedetto qui in questo Santuario. Oggi vi chiedo preghiera, sacrificio e penitenza. Pregate anche per seminaristi e religiosi. Sono la Rosa Mistica, Regina della Pace. Ti benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.

Le note

Le note

1 “I fedeli di Cristo sono liberi di far conoscere i loro bisogni, specialmente i loro bisogni spirituali, e i loro desideri ai Pastori della Chiesa. Hanno il diritto, anzi a volte il dovere, secondo la loro conoscenza, competenza e posizione, di manifestare ai sacri Pastori le loro opinioni su questioni che riguardano il bene della Chiesa. Hanno il diritto anche di far conoscere le loro opinioni ad altri fedeli di Cristo, ma così facendo devono sempre rispettare l'integrità della fede e della morale, mostrare il dovuto rispetto ai loro Pastori e tenere conto sia del bene comune che della dignità delle persone . " - Codice di Diritto Canonico, 212
pubblicato in Eduardo Ferreira, Messaggi, Altre anime.