Rifugio fisico durante l'Anti-Cristo

Parte 2 di una risposta a p. L'articolo di Joseph Iannuzzi su p. Michel Rodrigue – On Refuges

(Nota: poiché i rifugi sono così spesso visti nelle rivelazioni, sia pubbliche che private, si troveranno facilmente anche ancora di più riferimenti ad essi che il signor Bannister descrive così abilmente in questo articolo ben studiato e accurato di seguito. Ad esempio, Mark Mallett ha notato che sia un Padre della Chiesa che un Santo hanno insegnato sui rifugi fisici per i Fedeli negli ultimi tempi (vedere Il rifugio per i nostri tempi). La Chiesa padre Lattanzio ha scritto che "Quando queste [persecuzioni degli ultimi giorni] avverranno così, allora i giusti ei seguaci della verità si separeranno dai malvagi e fuggiranno nella solitudine."San Francesco di Sales, Dottore della Chiesa, riferendosi agli stessi tempi, scriveva"Ma la Chiesa… non fallirà e sarà nutrita e preservata tra i deserti e le solitudini in cui si ritirerà, come dice la Scrittura (Apoc. 12).Nota che il riferimento ad Apocalisse 12 è entro la citazione, ed è dello stesso San Francesco. Vediamo anche, in 1 Maccabei capitolo 2, Mattatia che guida la gente a rifugi segreti sulle montagne: "Poi lui ei suoi figli fuggirono sui monti, lasciando in città tutti i loro averi. A quel tempo molti che cercavano la rettitudine e la giustizia andarono nel deserto per stabilirsi lì, loro ei loro figli, le loro mogli e i loro animali, perché le disgrazie premevano così duramente su di loro ... [essi] erano andati in rifugi segreti nel deserto. " Il Libro degli Atti, nel Nuovo Testamento, descrive anche le prime comunità cristiane - che per molti versi assomigliano a ciò che p. Michel e altri descrivono come i rifugi - anche parlando dei fedeli che si rifugiano fuori Gerusalemme quando scoppiò una grande persecuzione (cfr At 8: 1). E mentre ci sono senza dubbio più strati di questa profezia biblica, tali che non si può dire che si riferisca semplicemente ai rifugi, è probabile che i fedeli che rimangono protetti nei rifugi fisici sia una comprensione legittima del Libro dell'Apocalisse 12: 6, a cui il signor Bannister fa riferimento di seguito, la cui totalità recita "La donna fuggì nel deserto in un luogo preparato per lei da Dio, dove avrebbe potuto essere assistita per 1,260 giorni.")

Nella seconda parte di questa risposta alle critiche di p. Michel Rodrigue, recentemente realizzato dal Dr. Mark Miravalle e da P. Joseph Iannuzzi, io [Peter Bannister] vorrei sfidare l'idea che le sue previsioni e raccomandazioni collochino p. Michel fuori Tradizione, con specifico riferimento alla questione dei rifugi. (Per articoli recenti in risposta al "giudizio negativo" del Dr. Miravalle e di P. Iannuzzi su P. Michel Rodrigue, clicca qui per la parte 1 di questo articolo, qui per una risposta di Christine Watkins, qui per una risposta del professor Daniel O'Connor.)

Qui vorrei fare due punti fondamentali in risposta alle accuse di p. Iannuzzi. Innanzitutto, ci sono ampi precedenti biblici per indicare una dimensione fisica al concetto di rifugio. Va naturalmente sottolineato che la preparazione fisica ha poco o nessun valore se non deve essere accompagnata da un atto di fiducia radicale e continua nella Divina Provvidenza, ma ciò non implica affatto che gli avvertimenti profetici del cielo non possano insistere anche sull'azione pratica in il regno materiale. Si potrebbe sostenere che vedere questo come in qualche modo intrinsecamente "non spirituale" significa stabilire una falsa dicotomia tra lo spirituale e il materiale che per certi aspetti è più vicino allo gnosticismo che alla fede incarnata della tradizione cristiana. Oppure, per usare un eufemismo, dimenticare che siamo esseri umani in carne e ossa piuttosto che angeli!

P. L'affermazione di Iannuzzi secondo cui da nessuna parte nel Nuovo Testamento troviamo un'esortazione a costruire un rifugio fisico può essere tecnicamente corretta, ma questo è dimostrabilmente falso quando si parla delle Scritture Ebraiche, poiché la costruzione dell'Arca di Noè costituisce un esempio paradigmatico di come la parola di Dio a volte comporta forme molto pratiche di obbedienza (Gen. 6:22). Non è forse un caso che la metafora dell '“Arca” ricorra così spesso nelle profezie contemporanee che parlano di rifugi, proprio perché unisce un potente simbolismo (non ultimo come indicare il Cuore Immacolato di Nostra Madre come l'Arca dei nostri tempi ) con una esemplificazione materiale. E se l'idea di conservare gli alimenti in preparazione per i tempi di crisi è disapprovata da alcuni, più avanti nel libro della Genesi vediamo come Giuseppe salva notoriamente la nazione d'Egitto - e si riconcilia con la sua stessa famiglia - facendo proprio questo. È il suo dono profetico, che gli permette di interpretare il sogno del faraone di sette vacche buone e sette vacche magre come predire una carestia in Egitto, che lo porta a immagazzinare "enormi quantità" di grano (Gen. 41:49) in tutto il paese. Questa preoccupazione per la fornitura materiale, inoltre, non è limitata all'Antico Testamento; negli Atti degli Apostoli una simile previsione della carestia nell'impero romano è data dal profeta Agabo, a cui i discepoli rispondono fornendo aiuto ai credenti in Giudea (Atti 11: 27-30).

In secondo luogo, occorre sottolineare che p. Michel Rodrigue è ben lungi dall'essere l'unico o il primo presunto mistico a parlare di luoghi di rifugio (corrispondente al riferimento di Apocalisse 12:6 al luogo nel deserto preparato per la Donna, cioè Maria come Madre della Chiesa, inseguita dal Dragone). Mentre p. Iannuzzi ha senza dubbio ragione nell'affermare che negli ultimi decenni sono circolati molti messaggi falsi riguardanti l'istituzione di rifugi fisici, non c'è motivo per cui questo debba logicamente implicare che il concetto di rifugio fisico sia esso stesso necessariamente falso. Dopotutto, sembrerebbe essere una questione di buon senso che i rifugi saranno necessari per i rifugiati i cui bisogni non sono solo spirituali ma anche estremamente concreti, soprattutto di fronte alla difficile situazione di come sopravvivere durante il regno di un totalitario, anti -Dittatura cristiana che renderà impossibile l'acquisto e la vendita senza il famigerato “marchio della Bestia” (Apocalisse 13:16).

Ancora una volta, deve essere sicuramente visto come coerente con la logica profonda della storia della Salvezza che un concetto spirituale debba essere incarnato nel regno materiale. Nella tradizione mistica cattolica, l'idea che gli eletti saranno protetti in a posto di rifugio in un periodo sia di persecuzione che di castigo divino si può, ad esempio, vedere nelle visioni della Beata Elisabetta Canori Mora (1774-1825) il cui diario spirituale è stato recentemente pubblicato dalla stessa casa editrice del Vaticano, Libreria Editrice Vaticana: ecco San Pietro che provvede al Residuo sotto forma di intriganti “alberi” simbolici:

 In quel momento ho visto spuntare quattro alberi verdi, ricoperti di fiori e frutti molto preziosi. Gli alberi misteriosi avevano la forma di una croce; erano circondati da una luce molto splendente, che […] andava ad aprire tutte le porte dei monasteri di suore e religiosi. Per un sentimento interiore ho capito che il santo apostolo aveva stabilito quei quattro alberi misteriosi per dare rifugio al piccolo gregge di Gesù Cristo, per liberare i buoni cristiani dal terribile castigo che sconvolgerà il mondo intero.

Mentre il linguaggio qui è evidentemente allegorico, possiamo anche indicare mistici per i quali questa nozione di protezione divina assume un aspetto geografico concreto. Ad esempio, nella letteratura mistica francese dal 1750 ci sono state almeno tre famose predizioni profetiche convergenti secondo cui la Francia occidentale sarà (relativamente) protetta rispetto ad altre parti del paese durante un periodo di castigo. Le profezie dell'abate Souffrant (1755-1828), p. Constant Louis Marie Pel (1878-1966) e Marie-Julie Jahenny (1850-1941) concordano tutti a questo riguardo; nel caso di Marie-Julie, è l'intera regione della Bretagna ad essere designata come rifugio nelle parole attribuite alla Vergine durante l'estasi di Marie-Julie il 25 marzo 1878:

Sono venuto in questa terra di Bretagna perché vi trovo cuori generosi […] Il mio rifugio sarà anche per quei miei figli che amo e che non vivono tutti sulla sua terra. Sarà un rifugio di pace in mezzo alle pestilenze, un rifugio molto forte e potente che niente potrà distruggere. Gli uccelli in fuga dalla tempesta si rifugeranno in Bretagna. La terra della Bretagna è in mio potere. Mio figlio mi ha detto: "Madre mia, ti do il potere completo sulla Bretagna". Questo rifugio appartiene a me e anche alla mia buona madre Sant'Anna. (un importante luogo di pellegrinaggio francese, Sant'Anna d'Auray, si trova in Bretagna)

Ai nostri tempi, diversi presunti veggenti diversi da p. Michel Rodrigue, ed estranei a lui, hanno anche affermato di aver ricevuto comunicazioni celesti sui rifugi che confermano molti punti espressi nei messaggi e negli insegnamenti del sacerdote canadese. Questo può essere visto citando quattro * presunti mistici che possono affermare di esprimere il sostegno della Chiesa o che sono attualmente sotto osservazione da parte delle autorità ecclesiastiche (vedere anche un ampio elenco di alcune delle loro profezie sui rifugi alla fine di questo articolo).

  • il visionario americano, Jennifer, incoraggiata a diffondere il suo materiale da figure all'interno del Vaticano in seguito alla traduzione e presentazione delle sue locuzioni da parte di p. Seraphim Michalenko (vice-postulatore della causa di beatificazione di Santa Faustina)
  • Agustín del Divino Corazón dalla Colombia (già menzionato nella parte 1 di questo articolo)
  • Luz de Maria de Bonilla (uno stigmatista p. del Costa Rica che vive in Argentina, i cui messaggi del periodo 2009-2017 hanno ricevuto il imprimatur e l'approvazione personale del vescovo Juan Abelardo Mata Guevara)
  • Gisella Cardia, veggente delle apparizioni di Trevignano Romano (oggetto di diversi studi pubblicati), in relazione alle quali sono stati documentati numerosi fenomeni scientificamente ancora inspiegabili: lacrimazione di sangue da una statuetta della Vergine Maria e un'immagine della Divina Misericordia nella veggente casa, stigmatizzazione, testi religiosi che appaiono nel sangue sotto la pelle di Gisella, fenomeni solari catturati su pellicola nel luogo dell'apparizione. A partire dal 2016, le presunte apparizioni di Trevignano Romano hanno conquistato nel 2020 l'attenzione internazionale in gran parte a causa di un messaggio ricevuto il 28 settembre 2019 e attribuito da Gisella Cardia alla Vergine, in cui si prevedeva che nuove malattie sarebbero presto emerse dalla Cina e infetta l'aria ...

Comune ai seguenti messaggi è il file complementarità degli aspetti spirituali e materiali dei rifugi, essendo quest'ultimo la realizzazione pratica del primo, come durante le prime generazioni della Chiesa. Quando presentati cumulativamente l'uno accanto all'altro, la coerenza complessiva del "consenso profetico" su cui abbiamo cercato di concentrarci nel Conto alla rovescia per il Regno dovrebbe essere evidente. Restiamo convinti che p. Le presunte rivelazioni di Michel Rodrigue hanno il loro posto all'interno di questo consenso, poiché molti dei temi familiari a coloro che hanno studiato il suo materiale possono essere trovati anche nelle locuzioni seguenti. Nondimeno, in ultima analisi, importa molto poco se i lettori credono quanto segue sulla base del merito di un particolare veggente. Ciò che è molto più importante è il messaggio generale, che difficilmente può essere considerato privo di chiarezza o ripetizione:

Figlia mia, questo è un momento di grande preparazione. Non devi solo prepararti purificando la tua anima, ma anche mettendo da parte cibo e acqua ei miei angeli ti condurranno al tuo luogo di rifugio. Figlia mia, molti negheranno che sia in arrivo un avvertimento. Molti ti derideranno per la tua disponibilità a seguire le mie vie e non la via del mondo. Queste sono le anime, figlia mia, che hanno più bisogno della preghiera.  (Jesus to Jennifer, 2 luglio 2003)

Questi tempi storici in cui vivete devono essere abbracciati con grande gioia, perché ogni volta che vengo da voi con le mie parole vi avverto per amore. Questi eventi purificheranno questa terra e riporteranno l'umanità nel modo in cui volevo che fosse. Verrò in uno splendore glorioso e reclamerò ciascuno dei miei fedeli. […] Sei in tempi di preparazione prima del tuo viaggio. Per alcuni sarà il tuo viaggio eterno verso il tuo momento di giudizio. Per alcuni sarai chiamato al tuo luogo di rifugio, devi permettere ai Miei angeli di guidarti, perché questo sarà un momento in cui avrai bisogno di riporre la tua piena fiducia in Me. Ora vai avanti e continua a prepararti. Non preoccuparti dei tuoi beni terreni perché, per molti, sarà una battaglia per sopravvivere. Ora vai e sii in pace perché l'ora è vicina prima che la Mia giustizia cada sull'umanità. (Jesus to Jennifer, 17 maggio 2004)

Popolo mio, non lasciarti ingannare dalle comodità in cui vivi. Non lasciarti ingannare pensando che i tuoi giorni non siano contati. Il tempo sta arrivando presto, si sta rapidamente avvicinando perché i miei luoghi di rifugio sono in fase di preparazione per mano dei miei fedeli. Popolo mio, i miei angeli verranno e ti guideranno nei tuoi luoghi di rifugio dove sarai al riparo dalle tempeste e dalle forze dell'anticristo e di questo governo mondiale. [...] (Jesus to Jennifer, 14 luglio 2004)

Figlia mia, preparati! Essere preparato! Essere preparato! Prestate attenzione alle Mie parole perché, quando il tempo inizia a volgere al termine, gli attacchi che verranno scatenati da Satana saranno in proporzioni senza precedenti. Le malattie verranno alla luce e culmineranno nella Mia gente e le vostre case saranno un rifugio sicuro finché i Miei angeli non vi guideranno al vostro luogo di rifugio. […] Tempesta dopo tempesta! Scoppierà la guerra e molti staranno davanti a me. Questo mondo sarà messo in ginocchio in un batter d'occhio. Ora vai perché io sono Gesù e sii in pace perché tutto sarà fatto secondo la Mia volontà. (Jesus to Jennifer, 23 febbraio 2007)

Voglio che siate raccolti in piccole comunità, rifugiandovi nelle Camere dei nostri Sacri Cuori e condividendo i vostri beni, i vostri interessi, le vostre preghiere, imitando i primi cristiani. (Maria ad Agustín del Divino Corazón, 9 novembre 2007)

Consacratevi al mio Cuore Immacolato e abbandonatevi completamente a me: io vi avvolgerò nel mio Santo Mantello [...] Sarò il vostro rifugio, un rifugio in cui contemplerete gli eventi profetizzati che presto si realizzeranno: un rifugio in cui non avrai paura dei miei avvertimenti mariani in questi ultimi tempi. […] Un rifugio in cui non sarai notato quando l'Uomo dell'iniquità [cioè l'Anticristo] farà la sua comparsa in tutto il mondo. Un rifugio che ti terrà nascosto dai perfidi attacchi di Satana. (Maria ad Agustín del Divino Corazón, 27 gennaio 2010)

Con la croce e la consacrazione al mio Cuore Immacolato, vincerai: basta pregare e riparare, perché il calice del Padre sta scorrendo, il castigo arriverà presto all'umanità come un uragano, come una tempesta impetuosa, ma non abbiate paura, perché gli eletti saranno segnati con il segno della croce sulla fronte e sulle mani; saranno protetti, custoditi nel rifugio del mio Cuore purissimo. (Maria ad Agustín del Divino Corazón, 9 gennaio 2010)

Sii fraterno. Verrà il tempo in cui dovrai riunirti in piccole comunità e tu lo sai. Con il Mio Amore presente dentro di te, trasforma il tuo carattere, impara a non ferire e a perdonare i tuoi fratelli e sorelle, così che in questi momenti difficili possiate essere quelli che portano il Mio Consolazione e il Mio Amore ai vostri fratelli e sorelle. (Gesù a Luz de María de Bonilla, 10 ottobre 2018)

Non continuate a vivere allo stesso modo, imparate a condividere fraternamente, poiché vivrete in comunità per proteggervi dal male che possiederà molti dei miei figli, e per questo il mio Cuore sanguina. (Mary a Luz de María de Bonilla, 14 gennaio 2019)

Nelle famiglie, nelle comunità, per quanto vi sarà possibile, preparate dei rifugi che si chiameranno Rifugi dei Sacri Cuori. In questi luoghi procurati il ​​cibo e tutto il necessario per chi verrà. Non essere egoista. Proteggi i tuoi fratelli e sorelle con l'amore della Parola Divina nella Sacra Scrittura, osservando i precetti della Legge Divina; in questo modo potrai sopportare l'adempimento del [profetico] rivelazioni con maggiore forza se sei nella fede. (Mary a Luz de María de Bonilla, 26 agosto 2019)

Radunatevi in ​​gruppi, sia in famiglie, gruppi di preghiera o solide amicizie, e preparatevi a preparare luoghi dove potrete stare insieme in tempi di grave persecuzione o guerra. Raccogli gli oggetti necessari per poterli rimanere fino a quando i miei angeli non te lo diranno [altrimenti]. Questi rifugi saranno protetti dalle invasioni. Ricorda che l'unità dà forza: se una persona si indebolisce nella Fede, un'altra la solleverà. Se uno è malato, un altro fratello o sorella lo assisterà, in unità.  (Gesù a Luz de María de Bonilla, 12 gennaio 2020)

Figli miei, preparate rifugi sicuri, perché verrà il tempo in cui non potrete nemmeno fidarvi dei miei figli sacerdoti. Questo periodo di apostasia vi porterà in una grande confusione e tribolazione, ma voi, figli miei, siate sempre legati alla parola di Dio, non lasciatevi prendere dal modernismo! (Maria a Gisella Cardia, 17 settembre 2019)

Preparare rifugi sicuri per i tempi a venire; la persecuzione è in corso, fate sempre attenzione. Figli miei, vi chiedo forza e coraggio; prega per i morti che ci sono e ci saranno, le epidemie continueranno finché i miei figli non vedranno la luce di Dio nei loro cuori. La Croce presto illuminerà il cielo e sarà l'ultimo atto di misericordia. Presto, molto presto tutto avverrà velocemente, tanto che crederai che non puoi più sopportare tutto questo dolore, ma affida tutto al tuo Salvatore, perché è pronto a rinnovare tutto, e la tua vita sarà un ricettacolo di gioia e amore. (Maria a Gisella Cardia, 21 aprile 2020)

Preparate rifugi sicuri, preparate le vostre case come piccole chiese e io sarò lì con voi. Una rivolta è vicina, dentro e fuori la Chiesa. (Maria a Gisella Cardia, 19 maggio 2020)

Figli miei, vi chiedo di fare riserve di cibo per almeno tre mesi. Ti avevo già detto che la libertà che ti è stata concessa sarebbe un'illusione: sarai costretto ancora una volta a rimanere nelle tue case, ma questa volta sarà peggio perché la guerra civile è vicina. […] Figli miei, non accumulate soldi perché verrà un giorno in cui non potrete acquistare nulla. La carestia sarà grave e l'economia sta per essere distrutta. Pregate e aumentate i cenacoli di preghiera, consacrate le vostre case e preparate gli altari al loro interno. (Maria a Gisella Cardia, 18 agosto 2020)

 

"Che chiunque abbia orecchio ascolti ciò che lo Spirito sta dicendo alle chiese". (Rivelazione 2: 29)

—Pietro Bannister, MTh, MPhil

pubblicato in P. Michel Rodrigue, Dai nostri collaboratori, Messaggi, Protezione fisica e preparazione, Risposta al Dr. Miravalle.