Perché Martin Gravenda?

Dopo Turzovka (1958-1962) e Litmanova (1990-1995), il villaggio di Dechtice è il terzo luogo di apparizione moderno in Slovacchia, dove il 4 dicembre 1994 iniziarono eventi scientificamente inspiegabili. parlando di andare a pregare vicino a una croce locale a Dobra Voda quando uno di loro ha visto il sole girare e cambiare colore. Intuendo che questo poteva essere un segno, i bambini iniziarono a recitare il Rosario. Martin Gavenda - che sarebbe diventato il principale veggente delle apparizioni - vide una luce bianca e una figura femminile che disse di volerlo usare per i piani di Dio. Alla successiva apparizione della donna, i bambini spruzzarono la misteriosa figura con acqua benedetta, pensando che potesse essere un demone, ma la donna non scomparve. Le apparizioni sono continuate a Dobra Voda, poi a Dechtice, dove anche altri bambini hanno cominciato a ricevere messaggi. Il 15 agosto 1995 la donna si identificò come Maria, Regina del Soccorso.

I temi principali dei messaggi di Dechtice, che continuano fino ad oggi, sono essenzialmente gli stessi ricevuti in altri luoghi di apparizione credibili negli ultimi decenni. Sottolineano il tentativo di Satana di distruggere la Chiesa e il mondo intero e il rimedio dato dal Cielo: i sacramenti, il Rosario, il digiuno e la riparazione delle offese commesse ai Cuori di Gesù e di Maria, rifugio e "arca" per i fedeli nella nostra travagliata volte.

I bambini sono stati ricevuti e benedetti da mons. Dominik Toth dell'arcidiocesi di Trnava-Bratislava, dove il 28 ottobre 1998 è stata avviata un'inchiesta ufficiale. Nessuna pronuncia è stata ancora fatta sull'autenticità delle apparizioni, che continuano ad essere monitorate dalla Chiesa .

Messaggi di Martin Gavenda

Martin – I ceppi della schiavitù

Martin – I ceppi della schiavitù

Fuggi alla mia protezione con ancora maggiore fiducia.
Vedi tutto
Martin – Lo Spirito Santo metterà in ombra le famiglie

Martin – Lo Spirito Santo metterà in ombra le famiglie

Fuggi alla mia potente protezione.
Vedi tutto
pubblicato in Perché quel veggente?.