Valeria - Diventa di nuovo come bambini

Da Gesù, "il tuo buon Dio", a Valeria Copponi il 5 maggio 2021:

Se non diventi come i bambini, non entrerai nel Regno dei Cieli (Matt 18: 3). Sì, figli miei, vedete la spontaneità, la gioia, la grazia, la bontà dei piccoli, tutte ricchezze che appartengono a chi ha un cuore puro. Te lo dico ancora, benedetto e puro, perché di loro sarà il Regno dei Cieli.
 
Figlioli, crescendo, invece di cercare di essere più perfetti nell'amore, vi lasciate prendere dalla gelosia, dall'invidia e dalla malizia di ogni genere; non resisti alla tentazione, e così queste tue debolezze ti fanno perdere le buone e sane abitudini che ti permettevano di vivere in pace tra di voi e soprattutto con Dio. Pertanto, in questi tempi bui, cerca di rimettere Dio al primo posto. Ti sto riservando un posto; non perderlo a causa della tua disobbedienza verso il tuo Creatore e la Sua Parola.
 
Miei carissimi figli, siate umili, perché l'umiltà è la virtù che vi rende ricchi. Non con la ricchezza che brami, ma quella che piace al tuo Dio, Creatore e Signore di tutta la terra. Pertanto, miei amatissimi figlioletti, da oggi, cominciate a tornare ad essere come bambini, e io vi restituirò la gioia che avete perso nel corso della vostra vita. [1]“Nel passare i vostri giorni”, traduzione letterale: "passando i tuoi giorni" Voglio che siate tutti figli, confidando solo nella bontà e nella grandezza di vostro Padre.
 
Pregate e fate pregare gli altri, affinché i vostri fratelli e sorelle tornino a desiderare la virtù dell'umiltà. Ti benedico dall'alto con la Mia bontà: sii degno della Mia salvezza.
 
Il tuo buon Dio.

 
A "Diventare come bambini" nell'ethos cristiano non è il ritorno all'immaturità giovanile. Piuttosto, è entrare in uno stato di assoluta fiducia nella provvidenza di Dio e nell'abbandono alla sua Divina Volontà, che Gesù dice essere il nostro "cibo" (Giovanni 4:34). In questo stato di resa - che è veramente la morte della propria volontà ribelle e delle inclinazioni peccaminose della carne - vengono “risorti” i frutti dello Spirito Santo che furono persi da Adamo a causa del peccato originale: 
 
Ora le opere della carne sono evidenti: immoralità, impurità, licenziosità, idolatria, stregoneria, odi, rivalità, gelosia, esplosioni di rabbia, atti di egoismo, dissensi, fazioni, occasioni di invidia, attacchi di alcol, orge e simili. Ti avverto, come ti avevo avvertito prima, che coloro che fanno tali cose non erediteranno il Regno di Dio. Al contrario, il frutto dello Spirito è amore, gioia, pace, pazienza, gentilezza, generosità, fedeltà, dolcezza, autocontrollo. Contro queste cose non c'è legge. Ora quelli che appartengono a Cristo [Gesù] hanno crocifisso la loro carne con le sue passioni e desideri. (Gal 5: 19-24)
 
La domanda è che tornare in questo stato? Il primo passo è semplicemente riconoscere il "opere della carne"Nella propria vita e pentirsi sinceramente di questi in Sacramento della Riconciliazione con l'intenzione di non ripeterli mai. Il secondo è, forse, ancora più difficile: “lasciar andare” il controllo sulla propria vita, in quanto si “cerca prima” il proprio regno piuttosto che il Regno di Cristo. Pochi sanno che la Madonna di Medjugorje ha chiesto che, ogni giovedì della settimana, si mediti sul passo successivo della Scrittura. Dato tutto ciò che sta accadendo nel mondo, e sta per accadere, questa Scrittura diventerà presto l'ancora di salvezza di molti cristiani, in particolare nel mondo occidentale, mentre l'ordine attuale crolla. L'antidoto a la paura di quella realtà è diventare come bambini piccoli!
 
Nessuno può servire due padroni; perché o odierà l'uno e amerà l'altro, oppure si dedicherà all'uno e disprezzerà l'altro. Non puoi servire Dio e mammona. Perciò vi dico: non preoccupatevi della vostra vita, di ciò che mangerete o di ciò che berrete, né del vostro corpo, di ciò che vi vestirete. La vita non è forse più del cibo e il corpo più del vestito? Guarda gli uccelli del cielo: non seminano né mietono né raccolgono nei granai, eppure il tuo Padre celeste li nutre. Non vali più di loro? E chi di voi, essendo ansioso, può aggiungere un cubito alla sua durata? E perché sei preoccupato per i vestiti? Considera i gigli del campo, come crescono; non lavorano né filano; eppure io vi dico che nemmeno Salomone, con tutta la sua gloria, era vestito come uno di loro. Ma se Dio veste così l'erba del campo, che oggi è viva e domani si getta nel forno, non vestirà molto di più voi, o uomini di poca fede? Perciò non siate ansiosi, dicendo: "Che cosa mangeremo?" o "Cosa berremo?" o "Cosa indosseremo?" Poiché i pagani cercano tutte queste cose; e il vostro Padre celeste sa che avete bisogno di tutti loro. Ma cercate prima il suo regno e la sua giustizia, e tutte queste cose saranno anche vostre. Quindi non preoccuparti per il domani, perché il domani sarà ansioso per se stesso. Lascia che i problemi della giornata siano sufficienti per la giornata. (Matt 6: 24-34)
 
Difficile lasciar andare? Sì. Questa, infatti, è la Grande Ferita del peccato originale. Il primo peccato di Adamo ed Eva non è stato quello di mordere il frutto proibito - lo era non confidando nella Parola del loro Creatore. D'ora in poi, la grande ferita che Gesù venne a sanare fu questa violazione della fiducia infantile nella Santissima Trinità. Ecco perché la Scrittura ci dice: 
 
Perché per grazia sei stato salvato fede; e questo non è opera tua, è il dono di Dio ... (Ef 2:8)
 
Oggi è il giorno per tornare a quel bambino fede, non importa chi tu sia. In questa pianticella di fede c'è l '“albero della vita”, la Croce, su cui è appesa la tua salvezza. È così semplice. La vita eterna non è poi così fuori portata. Ma richiede che tu entri in questa fede infantile che, a sua volta, è dimostrata - non da un esercizio intellettuale - ma dal lavori nella vostra vita. 
 
... se ho tutta la fede, per rimuovere le montagne, ma non ho amore, non sono niente ... Quindi la fede da sola, se non ha opere, è morta. (1 Cor 13: 2, Giacomo 2:17)
 
In verità, però, siamo così invischiati nel nostro peccato e in quello degli altri che può diventare molto difficile entrare in questo stato di abbandono. Quindi vogliamo consigliarti una più bella e potente novena che ha aiutato innumerevoli anime non solo a trovare un cuore infantile, ma a trovare guarigione e aiuto nelle situazioni più impossibili. 

—Mark Mallett

 

Novena dell'abbandono 

di Servant of God p. Dolindo Ruotolo († 1970)

 

Una novena viene dal latino Novem, che significa "nove". Nella tradizione cattolica, una novena è un metodo per pregare e meditare per nove giorni consecutivi su un determinato tema o intenzione. Nella novena seguente, rifletti semplicemente su ogni meditazione delle parole di Gesù come se te le stesse dicendo, personalmente (e lo è!), Per i prossimi nove giorni. Dopo ogni riflessione, prega con il cuore le parole: O Gesù, mi arrendo a te, abbi cura di tutto!

 

Giorno 1

Perché vi confondete preoccupandovi? Lascia a Me la cura dei tuoi affari e tutto sarà pacifico. In verità vi dico che ogni atto di vera, cieca, completa resa a Me produce l'effetto che desiderate e risolve tutte le situazioni difficili.

O Gesù, mi arrendo a te, abbi cura di tutto! (10 volte)

 

Giorno 2

Arrendersi a Me non significa agitarsi, essere sconvolto o perdere la speranza, né significa offrirmi una preghiera preoccupata chiedendomi di seguirti e trasformare la tua preoccupazione in preghiera. È contro questa resa, profondamente contro di essa, preoccuparsi, essere nervosi e desiderare di pensare alle conseguenze di qualsiasi cosa. È come la confusione che i bambini provano quando chiedono alla madre di provvedere ai loro bisogni, e poi cercano di prendersi cura di quei bisogni da soli in modo che i loro sforzi infantili si mettano sulla strada della madre. Arrendersi significa chiudere placidamente gli occhi dell'anima, allontanarsi dai pensieri di tribolazione e affidarsi alle Mie cure, in modo che io agisca solo io, dicendo: “Prenditi cura di te”.

O Gesù, mi arrendo a te, abbi cura di tutto! (10 volte)

 

Giorno 3

Quante cose faccio quando l'anima, in tanto bisogno spirituale e materiale, si rivolge a Me, Mi guarda e Mi dice; “Ci pensi tu”, poi chiude gli occhi e si riposa. Nel dolore preghi che io agisca, ma che io agisca nel modo che desideri. Non ti rivolgi a Me, invece, vuoi che io adatti le tue idee. Non siete malati che chiedono al medico di curarvi, ma piuttosto malati che dicono al medico come farlo. Quindi non agire in questo modo, ma prega come ti ho insegnato nel Padre nostro: "Sia santificato il tuo nome," cioè sii glorificato nel mio bisogno. "Venga il tuo Regno," cioè, che tutto ciò che è in noi e nel mondo sia in accordo con il tuo regno. "La tua volontà sia fatta sulla Terra come in Cielo ", cioè, nel nostro bisogno, decidi come ritieni opportuno per la nostra vita temporale ed eterna. Se mi dici veramente: "Saranno fatti", che è come dire: “Tu pensaci tu”, interverrò con tutta la Mia onnipotenza, e risolverò le situazioni più difficili.

O Gesù, mi arrendo a te, abbi cura di tutto! (10 volte)

 

Giorno 4

Vedi il male che cresce invece di indebolirsi? Non preoccuparti. Chiudi gli occhi e dimmi con fede: "Sia fatta la tua volontà, abbi cura di essa". Vi dico che ci penso io e che interverrò come fa un medico e farò miracoli quando saranno necessari. Vedi che il malato sta peggiorando? Non essere arrabbiato, ma chiudi gli occhi e dì "Prenditi cura di te". Ti dico che me ne occuperò io e che non c'è medicina più potente del Mio amorevole intervento. Per il mio amore, te lo prometto.

O Gesù, mi arrendo a te, abbi cura di tutto! (10 volte)

 

Giorno 5

E quando devo condurti su una strada diversa da quella che vedi, ti preparerò; Ti porterò tra le mie braccia; Ti farò ritrovare, come bambini che si sono addormentati tra le braccia della madre, sull'altra sponda del fiume. Ciò che ti turba e ti ferisce immensamente sono la tua ragione, i tuoi pensieri e le tue preoccupazioni, e il tuo desiderio a tutti i costi di affrontare ciò che ti affligge.

O Gesù, mi arrendo a te, abbi cura di tutto! (10 volte)

 

Giorno 6

Sei insonne; vuoi giudicare tutto, dirigere tutto e provvedere a tutto e ti arrendi alla forza umana, o peggio - agli uomini stessi, fiduciosi nel loro intervento - questo è ciò che ostacola le mie parole e le mie opinioni. Oh, quanto desidero da te questa resa, per aiutarti; e come soffro quando ti vedo così agitato! Satana cerca di fare esattamente questo: di agitarti e di toglierti dalla Mia protezione e di gettarti nelle fauci dell'iniziativa umana. Quindi, confida solo in Me, riposa in Me, abbandonati a Me in tutto.

O Gesù, mi arrendo a te, abbi cura di tutto! (10 volte)

 

Giorno 7

Faccio miracoli in proporzione al vostro totale abbandono a Me e al vostro non pensare a voi stessi. Semino tesori di grazie quando sei nella povertà più profonda. Nessuna persona ragionevole, nessun pensatore, ha mai compiuto miracoli, nemmeno tra i santi. Compie opere divine chiunque si arrende a Dio. Quindi non pensarci più, perché la tua mente è acuta, e per te è molto difficile vedere il male e avere fiducia in Me e non pensare a te stesso. Fate questo per tutte le vostre esigenze, fate questo per tutti voi e vedrete grandi e continui miracoli silenziosi. Mi prenderò cura delle cose, te lo prometto.

O Gesù, mi arrendo a te, abbi cura di tutto! (10 volte)

 

Giorno 8

Chiudi gli occhi e lasciati trasportare dalla corrente fluente della Mia grazia; chiudi gli occhi e non pensare al presente, distogliendo i pensieri dal futuro proprio come faresti con la tentazione. Riposa in Me, credendo nella Mia bontà, e ti prometto per il Mio amore che se dici “Tu pensaci tu”, io ci penso io; Ti consolerò, ti libererò e ti guiderò.

O Gesù, mi arrendo a te, abbi cura di tutto! (10 volte)

 

Giorno 9

Pregate sempre pronti ad arrendervi, e ne riceverete una grande pace e grandi ricompense, anche quando vi conferisco la grazia dell'immolazione, del pentimento e dell'amore. Allora cosa conta la sofferenza? Ti sembra impossibile? Chiudi gli occhi e dì con tutta l'anima: "Gesù, pensaci tu". Non temere, ci penserò io e benedirai il mio nome umiliandoti. Mille preghiere non possono eguagliare un singolo atto di resa, ricordalo bene. Non c'è novena più efficace di questa.

O Gesù, mi arrendo a te, abbi cura di tutto!


 

Lettura correlata

Perché la fede?

Una fede invincibile in Gesù

Sulla fede e la provvidenza in questi tempi

Il sacramento del momento presente

 

 

Le note

Le note

1 “Nel passare i vostri giorni”, traduzione letterale: "passando i tuoi giorni"
pubblicato in Messaggi, Valeria Copponi.