San Ghjuvanni Diego - A Croce di i mo bracci

A prima lettura di messa d'oghje hè una parolla di cunfortu chì Diu ùn trascura micca u nostru travagliu in u vignetu chì pò, à le volte, sente in vain. 

Diu ùn hè micca inghjustu per trascurà u vostru travagliu è l'amore chì avete dimustratu per u so nome avendu servutu è continuendu à serve i santi. Vulemu sinceramente ognunu di voi di dimustrà a stessa brama per u cumpiimentu di a speranza finu à a fine, affinchì ùn possiate micca diventà lenti, ma imitatori di quelli chì, per fede è pazienza, ereditanu e prumesse. (Prima lettura di messa, Heb 6: 10-12; 19 di ghjennaghju, 2021)

Queste parolle di San Paulu trovanu u so ribombu in e parolle cunfortanti di a Madonna di Guadalupe à San Juan Diego ... parolle chì a Madonna vole parlà cun voi, ella Little Rabble, sta sera:

Sentimi, u mo figliolu. Hè vera chì ùn mi mancanu servitori o imbasciadori à i quali pudessi cunfidà u mo missaghju per chì a mo vulintà si possa compie. Ma hè impurtante chì parli per mè in questa materia, stancu quant'è tù ... Sentite è lasciate penetrà in u vostru core, caru figliulinu: chì nunda vi scuraggi, nunda vi deprime. Ùn lasciate nunda cambià u vostru core o u vostru visu. Ùn temite ancu alcuna malattia o prublemi, ansietà o dolore. Ùn sò micca quì chì sò a vostra Mamma? Ùn site micca sottu à a mo ombra è prutezzione? Ùn sò micca a to funtana di vita? Ùn site micca in a piega di u mo mantellu, in u cruciamentu di e mo bracce? Ùn vi ne fate micca ... Ci hè qualcosa di più chì avete bisognu? - U 12 di dicembre di u 1531

Posted in missaghji, Scrittura.