Luisa - Obbedenu à i guverni, ma micca à mè

U nostru Signore à Servu di Diu Luisa Piccarreta u 25 di maghju di u 1915:

«A mo figliola, u castigu hè maiò. Eppuru, a ghjente ùn si move micca; piuttostu, fermanu guasi indifferenti, cume s'elli avianu da esse presenti in una scena tragica, micca una realità. Invece di tutti chì venenu cum'è unu à pienghje à i mo pedi, implorendu misericordia è perdonu, sò, invece, attenti à sente ciò chì accade [per esempiu. in a nutizia]. Ah, a mo figliola, chì grande hè a perfidia umana! Fighjate quantu sò ubbidienti à i guverni: i preti è i laici ùn dumandanu nunda, ùn rifiutanu micca i sacrifici [per elli], è deve esse prontu à dà a so vita [per u guvernu]... Ah, per mè solu ùn ci hè micca ubbidienza è micca sacrifici. È se facenu qualcosa à tuttu, si tratta di più pretensioni è interessi. Questu, perchè u guvernu ricorre à a forza. Ma siccomu facciu usu di l'Amore, questu Amore hè ignoratu da e creature; fermanu indifferenti cum'è s'ellu ùn mi meritava nunda! "

Quand'ellu dicia questu, si lampò in lacrime. Chì turmentu crudele di vede à Ghjesù pienghje! Allora Hà continuatu: «U sangue è u focu purificeranu tuttu è ristabiliscenu l'omu pentutu. È più si ritarda, più sangue serà versatu, è a strage serà tale chì l'omu ùn hà mai cuntemplatu ". Mentre dicia quessa, Hà fattu vede a strage umana ... Chì turmentu di campà in sti tempi! Ma chì a Volizione Divina sia sempre fatta. -Libru di u Celu, Volume 11


 

Reading Related

Chjama Mentre Slumber

Cari Pastori ... Induve site?

Quandu aghju avutu a fame

Posted in Luisa Piccarreta, missaghji.